peyrani
Home »

LONDRA 2012: DAY 2 GIOCHI PARALIMPICI

Nel secondo giorno di regata della XVI edizione dei Giochi Paralimpici cielo coperto, pioggia, visibilità ridotta e vento a 10-12 nodi da sud ovest a Weymouth. Gli 80 atleti da 23 nazioni suddivisi in classi Skud 18, 2.4 mR e Sonar hanno disputato due prove.

Skud 18 (11 equipaggi)
Dopo quattro prove l’equipaggio azzurro formato da Marco Gualandris (AV Alto Sebino) e Marta Zanetti (CV Alto Adriatico) si conferma al 5° posto in classifica provvisoria con oggi due 6° piazzamenti (parziali 5-6 DPI-6-6 e 23 punti). Cambio ai vertici con in testa Dan Fitzgibbon – Liesl Tesch (AUS) a 8 punti, secondi i britannici Alexandra Rickham – Niki Birrell a 9 punti seguiti a un punto di distacco dagli statunitensi French-Creignou.

2.4 mR (16 equipaggi)
Anche nel singolo 2.4 mR le prove disputate salgono a quattro. Fabrizio Olmi (AV Alto Sebino) è stabile al 9° posto in classifica provvisoria con i parziali 10-5-15-7 e 37 punti. Al primo posto ora Hieko Kroger (GER) a 13 punti, secondo Thierry Schmitter (NED) a 14 e terza la britannica Helena Lucas a 17 punti.

Sonar (14 equipaggi)
Nel Sonar l’equipaggio azzurro formato da Antonio Squizzato (SC Garda Salò), Massimo Dighe (GS Fiamme Azzurre) e Paola Protopapa (CC Aniene) dopo quattro prove è al 12° posto con i parziali 7-11-13-12 e 43 punti. Sempre primi gli australiani Harrison-Harris-Churm con 9 punti, secondi gli olandesi Hessels-Van de Veen-Rossen a 13 e terzi i francesi Jourdren-Vicary-Flageul a 14 punti.

La staff tecnico FIV a Londra 2012 è composto da:
- Giuseppe Devoti, Coordinatore Classi Paralimpiche FIV e tecnico della classe Sonar,
- Filippo Maretti, tecnico della classe 2.4mR,
- Giulio Comboni, tecnico della classe Skud 18.

Il team azzurro è completato da:
- Rodolfo Bergamaschi, Dirigente accompagnatore, Consigliere Federale e Responsabile dell’Attività Paralimpica,
- Francesco Maria Manozzi, Medico
- Roberta Ciampolini, Fisioterapista

Stefano Galino, il meteorologo della FIV che ha già collaborato con la Nazionale Olimpica, fornirà quotidianamente le previsioni sul campo di regata direttamente da Genova. Tutte le mattine Gallino si metterà in contatto con la squadra durante il briefing meteo e invierà tutte le informazioni e le immagini satellitari elaborate.

La competizione velica prevede sei giorni di regata, dall’1 al 6 settembre, e vedrà impegnati 80 atleti in rappresentanza di 23 paesi. Tre le classi: 2.4mR (singolo), Skud 18 (doppio misto), Sonar (triplo).

Tutte le regate sono di flotta e in totale ogni classe disputerà 11 prove, due al giorno tranne il 6 settembre quando ne è prevista una soltanto. Sempre il 6 si svolgerà la cerimonia di premiazione.

L’ITALIA IN BARCA A VELA: IL MARE CHE UNISCE. AL VIA L’EDIZIONE 2012

Parte domani da Trieste la seconda edizione de “L’Italia in Barca a Vela: il Mare che Unisce”, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con la Federazione Italiana Vela, la Lega Navale Italiana ed il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Il progetto, che da subito ha incontrato ampio interesse e consenso a livello nazionale, è nato su iniziativa del MIUR per proporre un’esperienza formativa e altamente educativa agli studenti italiani delle Scuole Secondarie di II Grado, a partire dagli iscritti al terzo anno, e si sviluppa attraverso la realizzazione di otto crociere-scuola di quattro giorni ciascuna che a tappe toccheranno diversi porti della penisola. A ogni tappa della crociera, effettuata con quattro barche a vela, si alterneranno una serie di equipaggi ognuno dei quali composto da uno skipper professionista, otto studenti e un docente accompagnatore.

“L’Italia in Barca a Vela: il Mare che Unisce”, improntato ai valori della cultura della sicurezza in mare e del rispetto dell’intero ecosistema, si svolge in barca, luogo perfetto dove sperimentare quotidianamente le regole della convivenza civile e della libertà reciproca. L’edizione 2012 dell’iniziativa si arricchisce di contenuti e risorse e si pone una serie di finalità tra le quali: educare al rispetto dell’ambiente, alla salute, allo sport, alla solidarietà, all’integrazione e all’inclusione sociale e scolastica, promuovere la conoscenza del mare e il turismo scolastico, favorire l’autonomia, la condivisione, il piacere della libertà e del sapere, superare le diversità e prevenire la dispersione scolastica. Inoltre attraverso la navigazione desidera far rivivere ai partecipanti i momenti più importanti della storia culturale, sociale, politica ed economica d’Italia. Infine, il progetto intende avvicinare i giovani alla vela, trasmettere il valore etico dello sport, il fair play e il senso della sana competizione.

Gli studenti che partecipano all’edizione 2012 sono circa 300 e provengono da tutto il territorio nazionale. Gli istituti coinvolti sono complessivamente 49 (33 Istituti Scolastici, 8 Istituti Nautici, 8 Istituti Alberghieri IPSEOA) e si avvicenderanno nelle 28 tappe previste per fare il periplo della penisola. La navigazione inizierà il 3 settembre da Trieste per concludersi il 9 ottobre a Genova. Ogni crociera sarà effettuata a bordo di quattro barche vela (due Cyclades 50.5, un Bavaria 49 e un Delphia 47) sulle quali saliranno gli studenti. Le imbarcazioni confortevoli e sicure saranno condotte da istruttori di vela coordinati da Antonio Marsano, skipper professionista affiliato al Circolo Velico Lucano. 10 le persone che formano ciascun equipaggio: uno skipper, un allievo di un Istituto Nautico che farà esperienza diretta al fianco dello skipper, un allievo IPSEOA che si occuperà della cambusa e della cucina, sei studenti degli altri istituti e un docente accompagnatore.

A bordo, gli studenti saranno impegnati in corsi di vela e navigazione, corsi di gestione dell’imbarcazione e della cambusa, lezioni di biologia marina, lezioni di educazione alimentare e saranno chiamati a preparare ricette legate alla tradizione e ai prodotti dei porti d’approdo. Inoltre dovranno studiare le costellazioni, scrutare il cielo e osservare il movimento delle stelle. Ai ragazzi sarà richiesto anche di tenere un diario di bordo su cui annotare pensieri, commenti, riflessioni e raccogliere materiale fotografico e video che testimoni la loro esperienza. Questo materiale una volta terminato il progetto verrà raccolto e utilizzato per una mostra e una pubblicazione dedicata a questo singolare percorso formativo.

Domani mattina alle 10.00, in occasione della partenza della prima crociera, WWF Italia organizza per i ragazzi impegnati nella tappa iniziale un corso dedicato alla cultura ambientale. Alle 11.30, si svolgerà la cerimonia di saluto delle Autorità, del MIUR, della FIV e della LNI con la consegna della bandiera nazionale e quelle degli enti coinvolti nel progetto. La cerimonia si terrà presso la sede della Capitaneria di Porto di Trieste alla presenza della dott.ssa Ketty Volpe Referente Nazionale MIUR dell’Educazione al Mare e Sicurezza in Acqua nonchè di questo progetto, della dott.ssa Michela Corsi, Dirigente Uff. IV Regionale DG per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione, del Cav. Giorgio Brezich, Presidente del Comitato FIV-XIII Zona Friuli Venezia Giulia, del dott. Ennio Abate, Delegato LNI del Triveneto, del Contrammiraglio Antonio Basile, Comandante della Capitaneria di Porto di Trieste, di Marco Costantini, Responsabile Mare WWF Italia, di Maria Antonietta Quadrelli, Responsabile Educazione WWF Italia, e di alcuni rappresentanti del WWF Friuli Venezia Giulia.

Alle 13.00 è prevista la partenza delle quattro barche a vela alla volta del Castello di Miramare e della relativa riserva marina. A bordo ci saranno anche alcuni allievi delle scuole triestine Petrarca e Carducci che illustreranno agli studenti impegnati nella prima tappa le località visibili durante la navigazione.
Gli ospiti interessati potranno seguire la partenza della crociera a bordo di “Vela 1923”, imbarcazione a motore messa gentilmente a disposizione dell’organizzazione dal circolo Triestina della Vela. Dal Castello di Miramare le barche faranno rotta per Porto San Rocco (Muggia) che ospiterà le imbarcazioni per la notte tra il 3 e il 4 settembre.
Martedì 4 settembre le barche partiranno per Venezia.

In ogni sede di partenza, come accaduto per l’edizione 2011, sarà allestito uno stand del MIUR dove si potranno ricevere informazioni relative alle attività promosse dall’Ufficio IV della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione.
Naturalmente anche la Federazione Italiana Vela sarà presente con un proprio spazio espositivo e un simulatore dinamico rotante appositamente predisposto per far provare a tutti gli studenti delle scuole della città ospite la sensazione della navigazione in barca a vela, il tutto sotto la guida di esperti istruttori federali. Inoltre, grazie all’accordo di partnership tra FIV e WWF Italia, nelle tappe toccate dalla crociera-scuola verranno organizzate attività di educazione ambientale, con una serie di “lezioni di natura” curate da esperti WWF e attività di sensibilizzazione in loco in particolare a Trieste, a Giulianova (9/9), Policoro (18/9), Reggio Calabria (23/9) , Roma (2/10) e a Genova (9/10) per la tappa conclusiva. WWF Italia, impegnata nella tutela delle specie marine e per una “navigazione sostenibile”, porterà tutta la sua esperienza nella formazione ambientale e nella gestione delle aree marine protette a partire proprio dalla Riserva marina di Miramare a Trieste da dove partirà il viaggio attorno all’Italia.

Qui di seguito le 8 crociere con le rispettive tappe e gli Istituti che parteciperanno al progetto:

Crociera 1 (3-7 settembre) Trieste – Venezia – Isola di S. Giorgio – Ravenna – Pesaro
- Istituto Nautico Leone Acciaiuoli- Via Mazzini- Ortona
- IPSEOA Capaccio – Via Magna Grecia- Capaccio/Paestum
- IIS Da Vinci – Via Ancona-Potenza
- ITC Gasparrini – Via Da Vinci-Melfi (PZ)
- Istituto Magistrale G. Vico – Viale Togliatti – Sulmona (L’Aquila)
- Liceo Scientifico Da Vinci – Via Cole Marino – Pescara

Crociera 2 (9-12 settembre) Giulianova – Isole Tremiti (Vieste) – Manfredonia – Bari
- Istituto Nautico Giovanni XXIII -Via Moscati – Salerno
- IPSEOA Virtuoso – Via Calenda – Salerno
- ISIS Il Pontormo – Via Raffaello Sanzio – Empoli
- IIIS E. Fermi – Modena
- ITI Galileo Galilei – Bolzano
- Liceo Scientifico Enriques – Via della Bassata- Livorno

Crociera 3 (14-17 settembre) Brindisi – Santa Maria di Leuca – Gallipoli – Policoro
- Istituto Nautico San Giorgio – Genova
- IPSEOA Pellegrino Artusi -Via Tarlombani, 7 – Riolo Terme (RA)
- IPSS Sibilla Aleramo -Via Canizzaro – Roma
- Ist. Tecnico Economico Filangieri – Via della Conca, 37 – Formia
- Liceo Scientifico Ettore Maiorana -Via Agnesi -Desio (MI)
- Liceo Scientifico Galilei di Gozzano – Gozzano

Crociera 4 (18-21 settembre) Polioro – Cariati – Corigliano – Crotone – Reggio Calabria
- Istituto Nautico Cappellini – Livorno
- IPSEOA Nino Bergese – Genova
- Settore Economico Indirizzo Turismo – Sacra Famiglia – Castelletto di Brenzone
- Liceo Scientifico Galilei – Via Aldo Moro – Borgomanero
- Liceo Scientifico P. Paleocapa – Rovigo
- IIS d’Adda di Varallo Sesia – Varallo Sesia
- Ist. Tecnico Commerciale “G. Vico” – Agropoli – Salerno

Crociera 5 (23-26 settembre) Reggio Calabria – Lipari – Maratea – Salerno
- Istituto Nautico G. La Pira –Via E. Giunta – Pozzallo (RG)
- IPSEOA di Nicolosi – Nicolosi (CT)
- ITCG Enzo Ferruccio Corinaldesi -via D’Aquino – Senigallia
- IIS L.Cambi D.Serrani -Via Santorre di Santarosa – Falconara Marittima (Ancona)
- Liceo Classico Petrarca -Trieste
- ISIS Carducci Dante – Trieste

Crociera 6 (29 settembre – 2 ottobre) Salerno – Napoli – Ventotene – Roma/Ostia
- Istituto Nautico Rotondi – Manfredonia
- IPSEOA di Tortolì -Via Monsignor Virgilio – Tortolì (Nuoro)
- ITC Einaudi -Via L. Settembrini – Canosa di Puglia
- IIS Mossa Brunelleschi -Via Diaz – Oristano
- IIS Vespucci – Gallipoli Sannicola – Gallipoli
- Istituto Tecnico Tecnologico A. Volta – Perugia

Crociera 7 (2-5 ottobre) Roma/Ostia – Riva di Traiano – Punta Ala – Isola d’Elba
- Istituto Nautico Volterra Elia – Ancona
- IPSEOA Marco Pittoni -Via De Gasperi – Pagani
- IIS Vaccarini -Via Orchidea – Catania
- Liceo della Comunicazione “Caterina di Maggio”- Via Genova – Partinico (PA)
- Istituto Tecnico Ciliberto – Via Siris – Crotone
- Liceo Scientifico A. Volta – Reggio Calabria

Crociera 8 (6-9 ottobre) Isola d’Elba – Livorno – La Spezia – Genova
- Istituto Nautico Ugo Tiberio di Termoli – Termoli
- IPSEOA di Vinchiaturo – Campobasso
- Istituto d’Arte F. Grandi – Sorrento
- IIS Cuoco Fascitelli con Liceo Classico – Isernia
- Istituto C.F.P. Opera Armida Barelli Levico Terme
- Istituto C.F.P. Veronesi – Rovereto

Trepeklis: “A Corfù il 160% in più di turisti italiani”

I turisti italiani che quest’anno hanno scelto Corfù per le loro vacanze sono il 160% in più rispetto allo 2011. Gran parte di questo tipo di turismo ha scelto anche il diporto e i porticcioli turistici della Grecia, complice la vituperata tassa di soggiorno che invece viene applicata in Italia. Numeri e dettagli che il sindaco di Corfù, Ioannis Trepeklis, in visita a Brindisi, ha usato come punto di partenza proprio per stabilire un rapporto di collaborazione per il futuro.

“Abbiamo avuto un incremento insperato – ha ammesso il sindaco di Corfù – e credo che questo possa costituire una base solida da cui partire. La prima cosa su cui lavorare è stabilire un collegamento per tutto l’anno tra Corfù e Brindisi. Ma abbiamo anche tante idee che, se opportunamente supportate, serviranno a creare un buon risultato sul piano turistico”.

Entro ottobre, ha assicurato il sindaco Mimmo Consales, sarà programmata una serie di incontri del tavolo tecnico messo insieme dalle due città: lo scopo è quello di creare un pacchetto turistico Adriatico che possa attirare coloro che scelgono questa parte di mare per le loro vacanze.

L’attenzione è particolarmente rivolta a russi e cinesi ma l’intenzione è quella di fornire una vera offerta turistica completa che comprenda il mare e le bellezze storiche e paessagistiche di Brindisi e Corfù ma che coinvolga anche il Salento e l’area limitrofa.

 

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Campionato Nazionale Under 16:Day 1

400 barche con più di 500 atleti sono scese in acqua questa mattina davanti alla splendida spiaggia del Poetto per la prima delle quattro giornate di regate del Campionato Nazionale Under 16 in svolgimento a Cagliari.

Le condizioni meteorologiche, sole con vento da maestrale da 16 a 18 nodi con raffiche anche superiori ai 20 si sono rivelate migliori delle previsioni e tutte le otto classi sono scese in acqua per una bellissima giornata di sport.

I giovani velisti provenienti da ogni parte d’Italia, si contendono i titoli nazionali delle classi Optimist, Techno 293 M/F, Laser 4.7 M/F, L’Equipe EV, 420,
RS Feva, 555FIV e Tyka.

OPTIMIST (137 equipaggi)
La flotta più numerosa è stata divisa in due batterie, per facilitare lo svolgimento delle tre regate sottocosta estremamente equilibrate. In ambito maschile, Michele Oppizzi (Centro Vela Alto Lario) guida con 16 punti, tre in più rispetto a Andrea Totis (LNI Mandello del Lario). Più staccato Emil Toblini (Fraglia della Vela di Malcesine).
Seconda nella graduatoria complessiva, Giovanna Gustin (YC Adriaco) è in testa al drappello rosa, seguita a distanza da Maria Vittoria Marchesini (SV di Barcola e Grignano) e da Edda Erica Ratti (Reale Circolo Canottieri Tevere Remo).

TECHNO 293 (88 equipaggi)

La pluridecorata flotta locale trova pane per i propri denti negli avversari ospiti. Nell’Under 15, Antonino Cangemi (Club Canottieri Roggero di Lauria) prevale (2-1 i parziali) sul compagno di squadra Ruggero Lo Mauro e sul campione italiano Carlo Ciabatti (Windsurfing Club Cagliari). In ambito femminile, è al comando Giulia Alagna (Canottieri Marsala) con buon margine sulle gemelle Simona e Laura Torchia (Albaria).
Tra gli Under 17 manche impeccabile (1-1) per il bronzo mondiale Michele Cittadini (Windsurfing Club Cagliari) davanti a Giuseppe Zerillo (Albaria) e Mattia Onali (WCC), questi ultimi separati da un solo punto. Nessuna sorpresa invece nella classifica rosa, dove la campionessa iridata Marta Maggetti (WCC) – sesta nella graduatoria assoluta – precede Elena Vacca (WCC) ed Eugenia Bologna (Canottieri Marsala).
Una sola e sofferta regata – annullata e poi riconfermata – per l’Under 13, dove Enrica Schirru (WCC) guida la classifica assoluta e femminile. Aurora Baldi (Nauticlub Castelfusano) e Giorgia Speciale (Stamura) seguono tra le ragazze. Nella graduatoria maschile, Paolo Calabrò (LNI Ostia) anticipa Federico Vetro (Albaria) e Riccardo Renna (Circolo Vela Torbole).

LASER 4.7 (89 equipaggi)
Il fattore campo e la regolarità giocano a favore di Francesco Murgia (Yacht Club Cagliari), tra i migliori rappresentanti locali, primo a 4 punti grazie a due secondi posti parziali. Seguono, appaiati a quota 7, Giacomo Musone (CN Rimini) e Roberto Pollara (CV Torbole). Il podio provvisorio femminile è occupato da Carolina Albano (Società Velica di Barcola e Grignano), quinta nella generale, e da un’altra coppia di sorelle gemelle: Claudia e Paola Vacirca (LNI Milano).

L’EQUIPE (22 equipaggi)
Tre prove anche per l’Equipe, flotta composta esclusivamente da equipaggi della penisola, dove ha la meglio (3-1-1) il collaudato duetto misto Andrea Abruzzese – Camilla Fassio (CN Loano), con 5 punti. Seguono le compagne di circolo Marta Richero – Allegra Primavera (7) e, più distanziati, Andrea Cianetti – Ludovica Di Tavi del CV Trasimeno (16).

Classe 420 (20 equipaggi)
Per la prima volta presenti ai Campionati Nazionali Under 16, i 420 regatano in classifica mista cioè equipaggi maschili e femminili si contendono il titolo. Dominatore assoluto della prima giornata l’equipaggio Matteo Pilati-Michele Cecchin (Fraglia Vela Malcesine), che conquistano tre primi di giornata e chiudono con tre punti. Secondi Ugo Pace-Giorgio Ferrari (Circolo del Tennis e della Vela ASD di Messina) con un terzo e due secondi posti con 7 punti, terz iLuigi Michelini(cannottieri Savoia)-Alessio D’anna ( Circolo del Tennis e della Vela ASD di Messina) con 12 punti

RSFeva (26 equipaggi)
Tre regate anche per gli RSFeva che regatano anche loro con la classifca mista maschile e femminile.
Primi di giornata Margherita Porro-Filippo Quarenghi dell’Associazione Nautica Sebina che conquistano due secondi e un primo posto e chiudono a 5 punti. Secondi a pari merito con 9 punti l’equipaggio tutto femminile di Benedetta Boniotti (Fraglia Vela Riva del Garda)-Alessandra Dubbini (Circolo Vela Toscolano Maderno) el’equipaggio di Leonardo Stocchero (Circolo Vela Toscolano Maderno)-Christian Galazzini (Centro Nautico Bardolino)

Classe 555FIV (21 equipaggi)
Due regate disputate in questa classe. Al primo posto l’imbarcazione della Lega Navale di Follonica con al timone Filippo Frassinetti coadiuvato nelle manovre da Lucia Bartoli, Emanuele Lami e Matteo Cecchini con un primo e secondo posto di giornata, davanti all’equipaggio del Circolo Velico le Sirene, equipaggio Alessandro Ferrante-Riccardo Paparella-Riccardo Fontana-Alessandro Porpora che chiudono con un secondo e quarto posto davanti allo Yacht Club Alghero, equipaggio Lorenzo Beccu Elias-Alessandro Silamos-Marrone Francesco- Luca Spada che dopo un nono posto vincono la seconda regata.

Tyka (10 equipaggi)
I padroni di casa dominano la prima giornata posizionando due equipaggi ai primi due posti a pari punti.
Con un primo e un terzo, la spunta l’equipaggio di Silvia Mura-Jan Maccion (Circolo Velico Winsurfing Club Cagliari) davanti a Federico Budroni-Virgina Ganna (Circolo Velico Winsurfing Club Cagliari)con due secondi posti di giornata.
Al terzo posto con due quinti posti Giacomo Casadei (Circolo Vela Cesenatico)-Francesco Corzani (circolo Nautico Cesenatico)

Il Campionato è organizzato dalla Lega Navale Italiana Sez. di Cagliari, su delega della Federazione Italiana Vela, in collaborazione con il Windsurfing Club Cagliari e con il supporto logistico della Motomar Sarda.

La regata inoltre è sostenuta dall’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna, dal Comune di Cagliari e dalla Camera di Commercio di Cagliari.

Campionato Italiano Assoluto di Altura: Extra 1 AFX Capital è campione italiano Classe 2 Crociera-Regata

Vela del Sud ha dato un senso compiuto all’estate 2012 vincendo il titolo italiano di altura in Classe 2 Crociera-Regata. A permettere al sodalizio sportivo presieduto da Francesco Valerio Barranco di festeggiare la conquista del massimo alloro dell’altura nazionale sono state le ottime performance di Extra 1 AFX Capital. L’X-41 di cui è armatore il gelese Massimo Barranco è stato infatti tra i protagonisti del Campionato Italiano Assoluto di Altura di Riva di Traiano, evento conclusosi nel pomeriggio odierno con un totale di otto prove valide.

Portato da un equipaggio composto in larghissima parte da velisti siciliani – tre i gelesi a bordo – Extra 1 AFX Capital si è confrontato con il meglio dell’altura italiana e ha conquistato il successo di classe grazie a una serie solida, impreziosita dalla conquista di ben tre piazzamenti da podio. Un risultato particolarmente prestigioso, specie se si considera che il team di Massimo Barranco è attivo sui campi di regata internazionali – RC44 – e nazionali – X-41 – da appena un paio di stagioni.

Nella classifica di classe Extra 1 AFX Capital ha anticipato il Canard 41 Tsunami della coppia Ranucci-Orsolini e il Salona 41 Vitamin-A di Andrea Lacorte.

A bordo dell’X-41 di Massimo Barranco hanno regatato la giovane promessa della vela italiana Filippo La Mantia (timoniere), Michele Bella (randista), Mario Noto (tattica), Giuseppe Leonardi (trimmer), Salvatore Gagliano (trimmer), Fabio Mulé (drizze), Giacomo Lo Nigro (jolly), Vincenzo Picciurro (aiuto prodiere) e Davide Mulé (prodiere). Il team ha potuto contare sull’esperienza di Gabriele Bruni, presente a Riva di Traiano nella veste di allenatore.

Terminata la proficua trasferta laziale, il sailing team di Vela del Sud torna ora a concentrarsi sull’RC44 Championship Tour: tra un mese esatto è in programma la tappa conclusiva del circuito riservato agli specialisti del monotipo disegnato da Russell Coutts e Andrej Justin. Per l’occasione, a bordo di AFX Capital Racing Team sarà presente il tattico Flavio Favini, già in America’s Cup con Mascalzone Latino.

Teatro della sfida saranno le acque croate di Rovigno (3-7 ottobre) dove, per il secondo anno consecutivo, verranno decise le sorti del circuito iniziato a Lanzarote lo scorso febbraio e si assegneranno i titoli iridati.

Favorito d’obbligo alla conquista del successo overall nelle regate di flotta è Team Aqua che, dopo la frazione di Marstrand, vanta un margine di tre punti su Artemis Racing e di quattro su Katusha. Tutta da vivere anche la lotta per la supremazia nell’uno contro uno, dove Synergy Russian Sailing Team e Aleph Sailing Team si presenteranno separati da due sole lunghezze.

“Veni, vidi, vici” il Tp52 Aniene 1ª Classe è Campione Italiano Altura

Nell’ultima giornata di regate a Riva di Traiano, Aniene 1ª Classe palesa lo strapotere tecnico-sportivo messo in acqua per mantenere cucito alla maglia lo scudetto di campione italiano altura anche nel 2012.

Dopo un giorno di stop per avvisi di burrasca, si chiude il Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura con due regate difficili per tutti i team. L’onda residua lasciata dalla forte libecciata di ieri ha creato non pochi problemi agli equipaggi in gara per la disputa del campionato che hanno dovuto affrontare due prove virili che ha visto ancora protagonista il Tp52 Aniene 1ª Classe che, come un’autentica monoposto del mare, ha trasformato vento ed onda ostili in un mansueto circuito di Formula Uno. E grazie ad esso esprime, sopratutto nelle andature portanti, velocità incredibili, da vera fuoriclasse.

Il Comitato di Regata aveva dato avviso nel pomeriggio di ieri che oggi (1 settembre, ndr) le procedure di partenza sarebbero iniziate con un’ora di anticipo. Alle 10 circa quindi è tutto pronto; le condizioni del mare sono difficili, soprattutto per un’onda molto ripida che mette a dura prova la sensibilità degli equipaggi. Partire liberi e in “pin” è la scelta che Vascotto detta al suo timoniere Alessandro Maria Rinaldi. A bordo l’olimpionica Giovanna Micol, che con gli amici triestini trova subito il feeling, moglie di Michele Paoletti e reduce da l’esperienza olimpica di Londra, non ha voluto mancare all’invito del suo circolo, il Canottieri Aniene 1892. Il Tp52 vola sulle onde, di poppa viene spinto a velocità incredibili. Corsa contro il tempo come sempre ed è un secondo posto nella nella prima regata. A conti fatti potrebbe essere già chiuso il Campionato, ma con una giornata così, perchè non chiudere in bellezza? Il vento sale, l’adrenalina è a mille, i ragazzi scalpitano come dei purosangue, perchè questa barca corre proprio come Secretariat nel film “Un anno da ricordare”. A bordo si festeggia con “bollicine” rigorosamente italiane in onore di questo campionato. Il Tp52 Aniene 1ª Classe e’ Campione d’Italia 2012!

“E’ una grande emozione essere lo Skipper di questo gruppo, di questo equipaggio di soci e amici che hanno lavorato un’inverno per raggiungere questo traguardo” sono le parole di Alessandro Maria Rinaldi, Skipper di Aniene 1ª Classe. Lo spirito dell’Aniene unito al grande affiatamento con il gruppo di velisti triestini capitanati da Vasco Vascotto e Giorgio Martin continua a dare grandi risultati, ci siamo presi una bella soddisfazione nelle acque di casa. Con Roberto Emanuele de Felice siamo riusciti a portare la vela d’altura nel cuore dell’Aniene”.

“E’ una grande soddisfazione vincere nella acque di casa questo titolo italiano sono felice per questo risultato voluto e meritato da tutti animati da una grande passione e voglia di vincere, un gruppo di amici che è riuscito ad arrivare a raggiungere questo grande traguardo” sono le parole di un’entusiasta Vasco Vascorro, Tattico di Aniene 1ª Classe. “I ragazzi sono rimasti concentrati fino alla fine, oggi non era facile regatare con questa onda formata, sono stati tutti molto bravi. E’ un’esperienza unica poter vincere insieme a degli amici. Voglio ringraziare gli amici dell’Aniene e Alessandro Maria Rinaldi che è riuscito a creare un gruppo vincente”

“Che bella giornata vincere un titolo con i miei amici – sono le parole di Giovanna Micol – da atleta dell’Aniene e amica di tutti i triestini a bordo è un titolo che vale doppio. Oggi era una bella giornata per surfare e questa barca è una vera formula uno”.

“Sono molto emozionato – sono le parole di un commosso Giorgio Martin, Armatore del Tp52 Aniene 1ª Classe – questo titolo è il frutto di tante ore di allenamento insieme e di un gruppo che è riuscito a vincere praticamente tutto in questa stagione, sono molto contento”. Perche’ come disse Friedrich Nietzsche “Il successo non viene solo con la vittoria, ma talvolta anche già con il voler vincere”.

CAMPIONATO NAZIONALE SUNFISH: AL VIA

Al via il 31 agosto il Campionato Italiano riservato alla classe Sunfish a Castiglione della Pescaia. La manifestazione organizzata dal CVCP si concluderà il 2 settembre. Difende il titolo Andrea Milla del Circolo velico Planet Sail contrastato, primo fra tutti, dal toscano Umberto Valle portacolori del Cicolo Velico ospitante e vincitore, proprio in Maremma, dell’edizione 2009 del campionato. Entrambi i velisti hanno al loro attivo, infatti – oltre a numerose partecipazioni a regate internazionali e a vittorie in regate nazionali – due titoli nazionali ciascuno.

Nutrita la delegazione messinese presente al campionato, a partire da Ivan Mazzeo proveniente dalla classe velica Star. In acqua il segretario della classe Luigi De Luca (un titolo italiano al suo attivo, Follonica 2009) e i veterani Lelio Bonanno e Antonio Liotta.

Lo spettacolo nelle acque di Castiglione non mancherà certamente in questo week end di fine agosto, in quanto oltre al campionato Sunfish, si svolgeranno i campionati di una delle classi che ha costituito il primo banco di scuola di molte generazioni di velisti, la classe Vaurien. Sono altre due le classi veliche i cui timonieri regateranno per la conquista del titolo nazionale: Flying junior e Iso.

La perfetta macchina organizzativa messa a punto dal Comitato organizzatore del Club velico di Castiglione prevede per giovedì 30 agosto la disputa delle prime prove delle classi Flying junior e ISO che si concluderanno sabato1 settembre, mentre il 31 agosto, scenderanno in mare per le prime prove Sunfish e Vaurien che concluderanno il campionato domenica 2 settembre.

LONDRA 2012: OGGI COMINCIANO LE REGATE A WEYMOUTH E PORTLAND

Ieri si sono disputate le Practice Race delle tre classi Paralimpiche che hanno visto scendere in acqua tutti e tre gli equipaggi azzurri Fabrizio Olmi (2.4mR), Marco Gualandris e Marta Zanetti (Skud 18) e Antonio Squizzato, Massimo Dighe e Paola Protopapa (Sonar).

“Gli equipaggi Skud 18 e 2.4mR – ha raccontato Beppe Devoti, Coordinatore Classi Paralimpiche FIV – sono stati i primi a scendere in acqua attorno alle 11.00.
Nello Skud 18 la Practice Race ha preso il via con vento leggero e irregolare proveniente da nord. Buona la prova di Gualandris e Zanetti che per tutta la prova sono stati nelle posizioni di testa navigando tra la terza e la quinta posizione. La flotta Skud 18 non ha però potuto concludere la La Practice per un salto di vento al termine della seconda bolina.
I 2.4mR hanno iniziato 15 minuti più tardi con condizioni più regolari. Bene Fabrizio Olmi che alla prima boa è passato in 7ª posizione e si è mantenuto tra il 6° e l’8° posto.

I Sonar sono partiti alle 14.00 con vento proveniente da 270° e di intensità oscillante tra 6 e 10 nodi d’intensità. Buon test anche Squizzato, Dighe e Protopapa ha condotto quasi tutta la regata tra l’8° ed il 9° posto ma un salto di vento nell’ultima bolina gli ha fatto perdere alcune posizioni relegandoli all’11° posto.
Da oggi si fa sul serio – ha concluso Devoti – i ragazzi sono tranquilli e concentrati, vedremo cosa succederà oggi. La partenza della prima prova per Skud 18 e 2.4mR è prevista per le 11.00, ora locale, mentre i Sonar regateranno a partire dalle 14.00.”

Ieri alle 17.00 si è svolta presso la base nautica di Weymouth e Portland si è svolta la cerimonia di apertura con l’arrivo della fiaccola e l’accensione del braciere.

L’Italia della vela alle Paralimpiadi di Londra sarà in gara in tutte e tre le classi. Questi gli atleti che parteciperanno alla competizione velica di Weymouth e Portland:
- Fabrizio Olmi (AV Alto Sebino), classe 2.4mR
- Marco Gualandris (AV Alto Sebino) e Marta Zanetti (CV Alto Adriatico), classe Skud 18
- Antonio Squizzato (SC Garda Salò), Massimo Dighe (GS Fiamme Azzurre) e Paola Protopapa (CC Aniene) costituiscono l’equipaggio della classe Sonar.

La staff tecnico FIV a Londra 2012 è composto da:
- Giuseppe Devoti, Coordinatore Classi Paralimpiche FIV e tecnico della classe Sonar,
- Filippo Maretti, tecnico della classe 2.4mR,
- Giulio Comboni, tecnico della classe Skud 18.

Il team azzurro è completato da:
- Rodolfo Bergamaschi, Dirigente accompagnatore, Consigliere Federale e Responsabile dell’Attività Paralimpica,
- Francesco Maria Manozzi, Medico
- Roberta Ciampolini, Fisioterapista

Stefano Galino, il meteorologo della FIV che ha già collaborato con la Nazionale Olimpica, fornirà quotidianamente le previsioni sul campo di regata direttamente da Genova. Tutte le mattine Gallino si metterà in contatto con la squadra durante il briefing meteo e invierà tutte le informazioni e le immagini satellitari elaborate.

Il programma della vela paralimpica prevede sei giorni di regata, dall’1 al 6 settembre, e vedrà impegnati 80 atleti in rappresentanza di 23 paesi.
Tre le classi: 2.4mR (singolo), Skud 18 (doppio misto), Sonar (triplo).
Tutte le regate sono di flotta e in totale ogni classe disputerà 11 prove, due al giorno tranne il 6 settembre quando ne è prevista una soltanto. Sempre il 6 si svolgerà la cerimonia di premiazione.
Il primo segnale d’avviso è previsto per le 11.00 (ora locale) di sabato 1 settembre per lo Skud 18, alle 11.10 toccherà al 2.4mR e alle 14.00 al Sonar.

Porto di Ancona: per Commissione europea è core network

Il porto di Ancona e’ stato individuato dalla Commissione europea come nodo del core network, ovvero la rete di infrastrutture che interconnettera’ i nodi piu’ importanti di trasporto, in modo da renderla pienamente operativa entro il 2030.

Nella riunione del Consiglio dei ministri dei Trasporti Ue del 7 giugno scorso, l’Italia ha inoltre chiesto e ottenuto di includere nel corridoio Helsinki-Valletta tre diramazioni verso i porti di La Spezia, Livorno e Ancona (collegamento ferroviario tra Ancona e Bologna). Lo rende noto l’Autorita’ portuale di Ancona, precisando che ”non e’ stato dato seguito al momento alla richiesta di inserimento nel Corridoio Adriatico-Baltico”.

L’inserimento nel corridoio Helsinki-Valletta ”consente – prosegue la nota – di avere pieno accesso ai fondi comunitari per supportare la realizzazione delle opere infrastrutturali marittime e terrestri necessarie allo sviluppo del porto di Ancona, valorizzandone in particolare la funzione di terminal delle Autostrade del Mare che collegano il nostro porto alle sponde orientali dell’Adriatico e del Mediterraneo”.

Inoltre, ”agevola la messa a sistema degli investimenti infrastrutturali per migliorare l’accessibilita’ ferroviaria del porto (Nuovo raccordo ferroviario e trasformazione dello Scalo Marotti) rendendo piu’ competitiva la posizione dello scalo rispetto allo sviluppo del trasporto intermodale, specialmente per quanto riguarda il traffico contenitori, in costante crescita (+13,4% nel 2012)”.

La valenza del porto di Ancona come nodo intermodale di interesse comunitario per il trasporto merci e passeggeri e’ rappresentata da lungo tempo, secondo l’Authority, dalle linee ferry dirette verso la Grecia (90% del traffico tir in transito per il porto di Ancona), Croazia e, in misura minore, Albania e Montenegro.

IL NAUTILUS Anno 7 N°4

nuovo numeroIn questo numero de Il Nautilus, giunto al settimo anno di pubblicazioni, troverete lo speciale sulle Autostrade del mare di Giovanna Lodato, realizzato dopo un viaggio tra i porti della Spagna e Civitavecchia. Un focus importante è stato realizzato sulla regione Sardegna con le novità e le statistiche su Porto Torres e sui porti del Nord come pure per quelli della zona più a Sud dell'isola. Una piccola valutazione è stata fatta anche sul settore delle crociere che si sposta versa il Nord Europa ma anche sui porti di Brindisi, Barcellona, Bari. Spazio anche alla vela internazionale con un resoconto, anche fotografico, completo sull'ultima edizione della Volvo Ocean Race. Consueta parte didattica affidata al direttore scientifico Abele Carruezzo che in questo numero ha affrontato il problema della pirateria spiegando il funzionamento del nuovo metodo P-Trap, quello relativo alla formazione del personale di bordo ed infine le nuove norme sul noleggio di imbarcazioni.
telebrindisi.tv telebrindisi.tv poseidone danese bocchedipuglia peyrani

© 2012 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab