peyrani
Home »

Gill Melges 24 World Championship 2014: titolo a Blu Moon

L’equipaggio di Blu Moon con Flavio Favini al timone, Gabriele Benussi (tattico), Stefano Rizzi (tailer), Giovanni Ferrari e Nicholas Dal Ferro (a prua), ha vinto il Gill Melges 24 World Championship 2014 che si è concluso a Geelong in Australia dopo 4 giorni e 11 regate disputate.

Al secondo posto Star dell’americano Harry Melges con Federico Michetti, Presidente di Melges Europe, a bordo. Sul terzo gradino del podio è salito l’equipaggio di West Marine Rigging di Bora Gulari. La categoria Corinthian è stata vinta da Cameron Miles su Roger That.
Per Flavio Favini questa è la seconda vittoria mondiale sul Melges 24 dopo quella del 2001 a Key West negli Usa.

Il team di Blu Moon a Geelong era completato da Tiziano Nava (coach), Federico Valenti (rigger) e da Franco Rossini (armatore). Al quinto posto si è classificato Audi Ultra (Simoneschi) e all’ottavo Andrea Rachelli su Altea. Oggi, domenica 2 febbraio, a causa dell’assenza di vento non è stata disputata l’ultima prova del programma. Sono state 26 le imbarcazioni, provenienti da 7 nazioni che hanno preso parte al 18mo Campionato del Mondo della classe Melges 24, che per la prima volta nella sua storia si è disputato in Australia.

Al termine delle regate, Federico Michetti, Presidente di Melges Europe, secondo classificato a bordo di Star dell’americano Harry Melges, ha dichiarato: “E’ stato un campionato bellissimo, intenso e molto combattuto. L’accoglienza che abbiamo avuto è stata entusiasmante. Gli australiani hanno davvero una grande passione per la vela e in questa occasione ne hanno dimostrato tanta anche per il Melges 24. Prima di tutto faccio i complimenti a Flavio e a tutto il suo equipaggio per la vittoria strameritata che arriva 11 anni dopo la precedente.

Mi sarebbe piaciuto tornare a casa con il sesto titolo della mia carriera al collo, ma dovrò aspettare almeno un altro anno…. Sono soddisfatto per la qualità dei partecipanti, per l’organizzazione delle regate e ringrazio ancora una volta la Classe Internazionale Melges 24 che ha fortemente voluto che il Campionato quest’anno si svolgesse qui in Australia. Ora torniamo in Europa per l’inizio di una fantastica stagione agonistica a tutto Melges che ci vedrà impegnati in particolare in Italia nelle Audi Sailing Series, per il Campionato del Mondo Melges 20 e per l’Europeo Melges 32, il Circuito italiano del Melges 24 e l’Europa Cup”.

ISAF Sailing World Cup Miami: sono quattro le medaglie per l’Italia

Sabato da ricordare per la vela azzurra, che ieri sera (ora italiana), nelle acque della Biscayne Bay, a Miami, ha brillato nella giornata finale della tappa americana dell’ISAF Sailing World Cup, il circuito delle classi olimpiche e paralimpiche che riunisce i migliori velisti al mondo. Quattro, alla fine, le medaglie conquistate dagli italiani, un risultato davvero eccellente, cui vanno aggiunti una serie di piazzamenti altrettanto soddisfacenti, a conferma dell’ottimo lavoro portato avanti fin qui dallo staff tecnico azzurro guidato dal DT Michele Marchesini.

È oro per Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri nella classe Nacra 17, una vittoria perentoria, arricchita dal successo nella Medal race, la regata finale con punteggio doppio che i due azzurri avevano affrontato da primi della classe e che hanno vinto davanti ai compagni di squadra Federica Salvà e Francesco Bianchi, quinti nella classifica finale del catamarano misto.

È argento invece per Giulia Conti e Francesca Clapcich nel 49er FX, una conferma ai vertici della classe per le due olimpioniche di Londra 2012, ed è argento anche per la giovane siciliana Laura Linares, che grazie a un finale eccellente (ovvero una magnifica vittoria nella Medal race) è riuscita a conquistare una seconda piazza nella tavola a vela RS:X che vale come un oro, seguita dalla romana Flavia Tartaglini, medaglia di bronzo.

Quattro equipaggi sul podio, quindi, ma non solo. Il grande risultato di squadra è infatti completato da una serie di piazzamenti nella top ten delle varie classi (oltre ai già citati Salvà-Bianchi): Michele Paoletti è quarto ed Enrico Voltolini è decimo tra i Finn, Giovanni Coccoluto è sesto nel Laser Standard, Mattia Camboni è settimo (con un secondo nella Medal race) e Marcantonio Baglione decimo nell’RS:X maschile, Gabrio Zandonà e Giulia Zappacosta sono decimi nel Nacra 17, e Veronica Fanciulli è nona nell’RS:X femminile.

“La regata di Coppa del Mondo di Miami rappresentava un elemento di verifica importante del lavoro svolto in questa prima parte della preparazione invernale e il bilancio è certamente positivo, sia dal punto di vista dei risultati che della prestazione di tutta la Squadra nei diversi settori”, ha dichiarato Michele Marchesini, DT della Squadra Azzurra di vela. “Abbiamo inoltre avuto modo, nel corso di questa trasferta, di raccogliere una grande quantità di dati che nei prossimi giorni analizzeremo con lo Staff Tecnico e che ci forniranno utili indicatori per il tune-up dei prossimi allenamenti. Mi complimento personalmente con tutti i ragazzi per l’impegno e la serietà con cui stanno lavorando”.

Nacra 17 (31 barche, 10 prove disputate)
1.Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (5-2-10-5-22-1-10-2-1-2); 2.Zajac-Frank AUT (25-3-2-2-2-5-1-15-6-14); 5.Federica Salvà-Francesco Bianchi (16-5-1-13-19-2-11-12-7-4); 10.Gabrio Zandonà-Giulia Zappacosta (23-10-16-16-21-17-19-3-3-10).

49er FX (34 barche, 13 prove disputate)
1.Steyaert-Bossard FRA (6-35-10-3-1-6-1-27-2-2-8-2-5); 2.Conti-Francesca Clapcich (3-2-2-1-8-7-15-25-25-11-7-3-3).

RS:X donne (21 tavole, 7 prove disputate
1.Briony Shaw GBR (2-1-4-1-1-3-2); 2.Flavia Tartaglini (1-6-1-2-6-2-6); 3.Laura Linares (8-3-3-3-3-4-3); 9.Veronica Fanciulli (6-9-9-8-4-9-9).

RS:X uomini (28 tavole, 8 prove disputate)
1.Byron Kokalanis GRE (1-1-3-1-7-2-2-2); 7.Mattia Camboni (8-6-2-2-13-10-16-4); 10.Marcantonio Baglione (12-11-11-13-6-8-14-18); 11.Daniele Benedetti (OCS-7-14-OCS-5-7-7).

49er (33 barche, 12 prove disputate)
1.Warrer-Lang DEN (4-13-15-7-3-3-8-20-1-6-4-3); 26.Ruggero Tita-Giacomo Cavalli (25-14-5-25-21-24-27-UFD-24).

Finn (37 barche, 6 prove disputate)
1.Giles Scott GBR (6-2-1-5-5-4-4); 4.Michele Paoletti (9-DSQ-4-4-9-3-8); 10.Enrico Voltolini (6-8-BFD-13-10-14-18); 28.Lanfranco Cirillo (23-24-24-29-23-24).

Laser Standard (97 barche, 6 prove disputate)
1.Tonci Stipanovic CRO (2-5-1-1-2-10); 6.Giovanni Coccoluto (5-10-3-UFD-2-12); 15.Francesco Marrai (5-16-8-25-7); 34.Alessio Spadoni (9-36-22-20-14); 56.Enrico Strazzera (UFD-16-15-16-BFD).

Laser Radial (50 barche, 7 prove disputate)
1.Paige Railey USA (2-1-2-12-2-4-4); 19.Silvia Zennaro (22-25-14-37-5-21); 24.Laura Cosentino (26-20-8-31-11-30).

470 uomini (29 barche, 7 prove disputate)
1.Bouvet-Mion FRA (1-1-10-1-5-3-8); 14.Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti (23-24-26-10-2-8); 20.Matteo Pilati-Francesco Rubagotti (14-14-21-16-17-25).

470 donne (10 barche, 7 prove disputate)
1.Weguelin-McIntyre GBR (1-DSQ-1-1-1-2-2).

2.4 (26 barche, 5 prove disputate)
1.Megan Pascoe GBR (3-2-1-1-3).

Skud 18 (4 barche, 5 prove disputate)
1.Rickham-Birrell GBR (1-1-1-1-4).

Sonar (8 barche, 5 prove disputate)
1.Jourdren-Flagaul-Vicary FRA (2-3-1-2-4).
Foto: Bruni

Seatec: la 12esima edizione dal 5 al 7 febbraio

Conto alla rovescia per la 12esima edizione di Seatec, rassegna internazionale di tecnologie, subforniture e design per imbarcazioni, yacht e navi, in programma a Marina di Carrara dal 5 al 7 febbraio, che rappresenta una delle eccellenze del comparto nautico italiano, quello della componentistica, tutt’altro che in crisi.

Oltre 440 i marchi esposti con moltissimi prodotti innovativi: dai materiali ai software di gestione più avanzati e sofisticati, dai nuovi motori elettrici alle ultime novità in campo di strumentazione elettronica, dalle soluzioni “green” ai sistemi di generazione di corrente sempre più efficienti. Tra le novità di quest’anno c’è il MedVillage, un’area appositamente dedicata ai paesi che compongono la linea costiera del Mediterraneo – Spagna, Francia, Monaco, Slovenia, Croazia, Grecia – per ampliare le opportunità di business e presentare i 15 marchi di punta del settore accessori e componentistica.

All’interno del Seatec, si svolgerà anche YARE (Yacht After Sales & Refit Experience) una sezione riservata al refitting all’interno del padiglione C, in cui le aziende espositrici avranno la possibilità di incontrare gli oltre 110 comandanti in visita e la delegazione di oltre 70 buyers internazionali organizzata in coordinamento con ICE, Toscana Promozione e CCIAA di Lucca.

In “Area Vela” quest’anno ci sarà uno spazio espositivo dedicato anche alle startup, con quattro realtà che presenteranno nuovi progetti al servizio della nautica da diporto. Confermata anche l’Area Ascomac-Unimot, con la partecipazione di aziende del settore motori e propulsione e incontri con ATENA, Associazione Italiana di tecnica navale sulle nuove normative e sui porti.

ISAF Sailing World Cup Miami: oggi le medal race (con 12 equipaggi azzurri)

Penultima giornata di regate a Miami nella tappa americana dell’ISAF Sailing World Cup, ancora una volta caratterizzata dalle difficili condizioni meteo (venti molto leggeri) che hanno consentito solo alle classi 49er e 49er FX di disputare le regate previste dal programma.

Nel frattempo sono state assegnate le medaglie nelle tre classi paralimpiche (l’inglese Megan Pascoe nel 2.4m, i connazionali Alexandra Rickham e Niki Birrell nello Skud 18 e i francesi Bruno Jourdren, Eric Flageul e Nicolas Vimont Vicary nel Sonar), titoli che nelle altre dieci classi olimpiche verranno decisi oggi dopo la disputa delle medal race, una regata con punteggio doppio per i primi dieci della classifica (tranne che per 49er e 49er FX che disputeranno tre corte regate).

Questi gli italiani che parteciperanno alle medal: Bissaro-Sicouri, Salvà-Bianchi e Zandonà-Zappacosta (Nacra 17), Conti-Clapcich (49er FX), Flavia Tartaglini, Laura Linares e Veronica Fanciulli (RS:X femminile), Mattia Camboni e Marcantonio Baglione (RS:X maschile), Michele Paoletti ed Enrico Voltolini (Finn), Giovanni Coccoluto (Laser).

Nacra 17 (31 barche, 9 prove disputate)
1.Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (5-2-10-5-22-1-10-2-1); 2.Zajac-Frank AUT (25-3-2-2-2-5-1-15-6); 7.Federica Salvà-Francesco Bianchi (16-5-1-13-19-2-11-12-7); 10.Gabrio Zandonà-Giulia Zappacosta (23-10-16-16-21-17-19-3-3).

49er FX (34 barche, 10 prove disputate)
1.Steyaert-Bossard FRA (6-35-10-3-1-6-1-27-2-2); 2.Conti-Francesca Clapcich (3-2-2-1-8-7-15-25-25-11).

RS:X donne (21 tavole, 7 prove disputate)
1.Briony Shaw GBR (2-1-4-1-1-3-2); 2.Flavia Tartaglini (1-6-1-2-6-2-6); 3.Laura Linares (8-3-3-3-3-4-3); 9.Veronica Fanciulli (6-9-9-8-4-9-9).

RS:X uomini (28 tavole, 7 prove disputate)
1.Byron Kokalanis GRE (1-1-3-1-7-2-2); 7.Mattia Camboni (8-6-2-2-13-10-16); 10.Marcantonio Baglione (12-11-11-13-6-8-14); 11.Daniele Benedetti (OCS-7-14-OCS-5-7-7).

49er (33 barche, 9 prove disputate)
1.Morrison-Grube GBR (6-4-8-4-12-12-1-16-4); 26.Ruggero Tita-Giacomo Cavalli (25-14-5-25-21-24-27-UFD-24).

Finn (37 barche, 6 prove disputate)
1.Oliver Tweddel AUS (2-1-9-1-2-2); 7.Michele Paoletti (9-DSQ-4-4-9-3); 10.Enrico Voltolini (6-8-BFD-13-10-14); 28.Lanfranco Cirillo (23-24-24-29-23-24).

Laser Standard (97 barche, 5 prove disputate)
1.Tonci Stipanovic CRO (2-5-1-1-2); 6.Giovanni Coccoluto (5-10-3-UFD-2); 15.Francesco Marrai (5-16-8-25-7); 34.Alessio Spadoni (9-36-22-20-14); 56.Enrico Strazzera (UFD-16-15-16-BFD).

Laser Radial (50 barche, 6 prove disputate)
1.Paige Railey USA (2-1-2-12-2-4); 19.Silvia Zennaro (22-25-14-37-5-22); 24.Laura Cosentino (26-20-8-31-11-31).

470 uomini (29 barche, 6 prove disputate)
1.Mcnay-Hughes USA (2-2-4-5-1-1); 14.Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti (23-24-26-10-2-8); 20.Matteo Pilati-Francesco Rubagotti (14-14-21-16-17-25).

470 donne (10 barche, 6 prove disputate)
1.Weguelin-McIntyre GBR (1-DSQ-1-1-1-2).

Grandi navi a Venezia: l’ Authority boccia il ricorso del Comune

“Il ricorso che il Comune di Venezia intende presentare contro l’ordinanza e il decreto della Capitaneria di Porto è contro il Governo” e rischia di riportare le grandi navi a San Marco per il mancato utilizzo del canale Sant’Angelo-Contorta previsto dal Governo. Replica così l’Autorità portuale di Venezia all’iniziativa annunciata ieri dal Comune di Venezia.

“I provvedimenti della Capitaneria – ricorda la nota – sono la trasposizione letterale di una direttiva inviata dal Ministro competente, che ha tradotto in termini amministrativi l’accordo di Palazzo Chigi del 5 novembre. Spetta solo al Presidente del Consiglio Letta, ai Ministri competenti Lupi e Orlando e al presidente della Regione Veneto Zaia, valutare l’atteggiamento da prendere”.

CNS sez. Rc – Presentazione “Convegno Cultura Marinaresca” – Villa San Giovanni

Al via il lavori per il primo “Convengo di Cultura Marinaresca”, organizzato dal Circolo Nautico Sopo di Reggio Calabria presso il Museo di Storia Naturale dello Stretto, nella città di Villa San Giovanni. La conferenza di lancio della manifestazione, composta da una serie di otto conferenze, è stata presieduta da Francesco Ventura, presidente della sezione reggina del CNS, dalla presidente Antonia Messina del Museo dello Stretto e da Giovanni Siclari, assessore alla cultura del comune di Villa.

Presenti all’incontro anche i vertici delle locali associazioni nautico marinaresche, tra cui Rosario Ventura e Giuseppe Vetere, rispettivamente presidenti delle sezioni della Lega Navale Italiana di Reggio Calabria e Villa San Giovanni. Sono giunti i saluti anche del vicesindaco villese Antonio Messina e di Giuseppe Cartella, presidente della locale sezione dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, i quali non potendo intervenire direttamente, hanno comunque voluto augurare un buon inizio ai lavori del convegno.

“La nostra è una giovane realtà che si affaccia sull’amplio panorama associativo del reggino, già forte di alcune istituzioni nautiche storiche e ben affermate sul territorio – spiega Francesco Ventura, presidente del CNS – Essere i nuovi, gli ultimi arrivati, dà sempre uno slancio entusiastico verso l’agire, accompagnato irrimediabilmente da una parallela e naturale inesperienza. Per questo motivo, il CNS ha deciso di iniziare le proprie attività con un convegno, finalizzato allo sviluppo di una buona conoscenza delle questioni marittime locali e dell’influenza sul territorio della cultura e delle tradizioni marinaresche. Il primo insegnamento che stiamo applicando è quello della condivisione, siamo infatti felici di potere aprire le porte del convegno alla cittadinanza, offrendo un’ulteriore canale per diffondere l’amore per il mare”.

Parole di approvazione sono giunte anche da Antonia Messina, presidente e fondatrice del museo, la quale ha espresso anche un cauto ottimismo per l’iniziativa di amplio respiro posta in essere dal neo costituito CNS di Reggio. L’appuntamento si rinnova dunque a mercoledì, con l’incontro su “Lo Stretto e le origini della Terra”.

IL NAUTILUS Anno 8 N°5

Il nuovo numero de Il Nautilus propone una serie di approfondimenti legati all'ambiente ma anche agli scali internazionali. Dalla nuova barca laboratorio Innovation Hub, realizzata a Lecco, allo speciale sullo smaltimento delle navi che affronta la problematica e chiarisce le ultime norme europee in tema di costi ambientali. In tema di sicurezza in mare alcuni chiarimenti anche sulle Colregs che risalgono al 1972, e le norme del Club P&I di Londra. Ci sono anche 40 milioni di euro di investimenti, destinati al porto di Livorno, per i binari sulle banchine. Dalla Alleanza P3 arrivano nuove direttive, proprio com nuove indicazioni sono arrivate dall'Italian Cruise Day. Come investire a Malta? Il commercialista Francesco De Giosa spiega come fare e quali vantaggi e differenza fiscali esistano con l'Italia. Infine l'obiettivo del progetto Ten-T e la consueta carrellata sulla Barcolana di Trieste.
telebrindisi.tv telebrindisi.tv poseidone danese bocchedipuglia

© 2014 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab