peyrani
Home »

DOMANI AL VIA ANCHE IL CAMPIONATO INVERNALE D’ALTURA DEL CIRCEO

ROMA – Prenderа il via domani al Circeo il Campionato Invernale d’Altura 2016/2017, organizzato dal Circeo Yacht Vela Club con la collaborazione del Terracina Vela Club, della Cooperativa Circeo Primo e con il Patrocinio del Comune di San Felice Circeo. Giunto alla sua XXXVIII edizione, il Campionato inaugura la stagione delle regate invernali del Sud Pontino, confermando con i suoi 35 iscritti un trend positivo che negli ultimi anni vede il Circeo come nuovo approdo di riferimento per la vela d’altura nel Lazio.

Come sempre la straordinaria cornice naturalistica del Promontorio del Circeo, delle Isole Ponziane, e del Tempio di Giove Anxur a Terracina, farà da scenario a un campo di regata unico nel suo genere.

Le imbarcazioni iscritte, suddivise nei due raggruppamenti Regata e Crociera, avranno a disposizione otto domeniche di regate da ottobre a marzo 2017, per contendersi l’ambito titolo di Campione d’Inverno, con il campo di regata che verrà posizionato nei pressi del Lungomare Europa al fine di consentire ai numerosi spettatori di assistere alle partenze e agli arrivi.

Numerosi gli eventi collaterali organizzati dal Circeo Yacht Vela Club e dal Terracina Vela Club in occasione del Campionato: Seminari, Corsi, Proiezioni, tanti momenti aggregativi, ma soprattutto il progetto di sensibilizzazione alle regate “Nessuno Resta in Banchina…”, mirato ad offrire imbarco a nuovi appassionati non ancora armatori e che ha riscosso grande successo.

Oggi, invece, alle ore 17, presso la sede del CYVC, si terrà il briefing per gli armatori e a seguire un cocktail di benvenuto offerto dalla M20 Marine, partner ufficiale del Campionato. Numerosi i Trofei e i Premi messi in palio dalla Veleria Murphy&Nye, da PORT Royal Marine Solution e da MyWineStore, molti dei quali sorteggiati tra gli equipaggi durante il Dopo regata. Appuntamento invece in acqua per domenica, alle ore 11, con il segnale di avviso.

FRANCESCO ETTORRE È IL NUOVO PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA VELA

GENOVA – Francesco Ettorre è il nuovo Presidente della Federazione Italiana Vela (FIV), in carica per il quadriennio 2017-2020: l’ha deciso oggi la XLVII Assemblea Nazionale Elettiva della FIV, riunita a Genova, presso il Teatro della Corte in Piazza Borgo Pila, per il rinnovo delle cariche federali.

Nato a Giulianova (Teramo) nel 1970, sposato con un figlio e Dottore Commercialista con Laurea in Economia e Commercio, Francesco Ettorre, che nel quadriennio 2009-2012 aveva ricoperto il ruolo di Consigliere Federale e nel successivo di Vice-Presidente e Consigliere Federale con Delega all’Amministrazione e ai Rapporti con il Territorio, era il candidato unico per la Presidenza ed è stato eletto oggi dall’Assemblea Nazionale Elettiva con un totale di 537 voti (35 le schede bianche) su 572 presenti con diritto di voto, ovvero l’86 per cento della forza votante. Decimo Presidente della Federazione fondata nel 1927, Ettorre succede a Carlo Croce, Presidente della FIV negli ultimi otto anni e attuale Presidente di World Sailing, la federazione velica mondiale.

Regatante per molti anni nell’ambito delle derive e delle classi olimpiche, istruttore di vela, dirigente di circolo e in seguito dirigente federale periferico e centrale, Francesco Ettorre ha maturato una lunga esperienza sul campo, che l’ha portato a raggiungere il vertice della Federazione Italiana Vela, grazie a un impegno costante su tutto il territorio a stretto contatto con la “base”.

“Grazie a tutti, in questo momento è difficile non emozionarmi, perché come potrete capire è un momento molto importante, sia a livello personale che per la Federazione”, sono le prime parole del nuovo Presidente della FIV Francesco Ettorre. “La presenza qui a Genova di così tante persone, è senza dubbio il miglior modo possibile per iniziare questo nuovo corso. Chiaramente il passato deve essere tenuto in considerazione, ma vogliamo dare una nuova impronta e lavoreremo al massimo per fare in modo che i nostri progetti diventino realtà.

Ringrazio il CONI, qui rappresentato dal Segretario Generale Roberto Fabbricini, per la vicinanza alla FIV, e spero di essere in grado, a mia volta, di supportarlo e ricevere le stesse parole, fra quattro anni, che oggi sono state rivolte al mio predecessore, il Dottor Carlo Croce. Ringrazio voi che siete qui, in rappresentanza delle Società, dei Tecnici e degli Atleti, che mi avete fatto vivere questo sogno personale: posso assicurarvi che io ce la metterà tutta, mi prendo questa responsabilità con il Consiglio e con voi. Il mio obiettivo è essere il Presidente di tutti e condividere con la base il mio operato.

Ringrazio il Presidente Croce, è stato un onore per me passare otto anni bellissimi e costruttivi, gli ultimi quattro da suo vice, insieme a tutti i Consiglieri uscenti. Ringrazio anche Sergio Gaibisso, che ora purtroppo non c’è più, e che è stato il mio Presidente per quattro anni, oltre a tutti i Presidenti di Zona, e mi fa piacere che molti di loro siano diventati membri del prossimo Consiglio, perché vengono dal territorio e questo per me è molto importante. Grazie, infine, anche al Segretario Generale Gianni Storti, pedina fondamentale della FIV, al personale della Federazione, persone serie e competenti che mi hanno sempre aiutato, e soprattutto, ultimi ma solo in ordine cronologico, un grazie di cuore alla mia famiglia: senza una moglie e un figlio che mi hanno dato questa possibilità e questo supporto, sicuramente non sarei qui”.

Nel corso dell’Assemblea Nazionale, a cui era presente il Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini, sono stati eletti anche i nuovi Consiglieri Federali per il quadriennio 2017-2020 e il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti.Entrano in Consiglio Federale Domenico Foschini (245 voti, Nord), Fabio Colella (245, Sud), Alessandro Mei (237, Centro), Adolfo “Dodi” Villani (Nord, 233), Pietro Sanna (219, Sud), Donatello Mellina (207, Centro) e Ignazio Florio Pipitone (187, Sud, primo dei non eletti) in rappresentanza degli Affiliati, Francesco Rebaudi (14 voti) e Ivan Branciamore (13 voti) in rappresentanza degli Atleti e Luisa Franza in rappresentanza dei Tecnici. Francesco Innamorato è stato invece confermato come Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti.

I lavori della XLVII Assemblea Nazionale Elettiva della FIV erano iniziati nella mattinata con le nomine dell’Avvocato Giancarlo Sabatini in qualità di Presidente dell’Assemblea, del suo Vice, l’Avvocato Marcello Maresca, e del Segretario Generale della FIV Gianni Storti nel ruolo di Segretario dell’Assemblea. Pierluigi Ciammaichella, Eugenio Torre, Alberto Volandri, Gianni Magnano, Guglielmo Vatteroni e lo stesso Storti sono stati invece chiamati a formare la Commissione di Scrutinio.Prima di passare alle votazioni elezioni, sono intervenuti il Presidente uscente della FIV Carlo Croce e il Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini.

“Nel lasciare questo incarico che ho cercato di svolgere con passione, ci tengo a ringraziare tutti i Consiglieri che ho avuto al mio fianco in questi 8 anni: è stato un lavoro lungo e l’impegno non è mai mancato. Spero, anzi, ne sono convinto, che il nuovo Consiglio avrà una visione da seguire e che questo percorso iniziato anni fa continui. Non mi resta che augurare buon lavoro al nuovo Presidente Francesco Ettorre e ai Consiglieri eletti”, ha dichiarato Croce.

“Ringrazio Carlo Croce, anche a nome del Presidente del CONI Malagò, per questi otto anni, un periodo di grande collaborazione, serenità e piacere sportivo. Porto i saluti del Presidente al mondo della vela e ringrazio il Consiglio uscente: quello vissuto è stato un periodo davvero proficuo per lo sport italiano”, sono le parole di Fabbricini. “Portare tre equipaggi tra i primi sei ai Giochi di Rio è comunque un risultato positivo, perché se si è arrivati a quel punto vuol dire che si è lavorato bene. Il risultato finale in termini di medaglie non è stato soddisfacente, certo, ma l’esperienza e la prestazione lo sono stati.

A tal proposito, posso già annunciare che nella prossima Giunta del CONI ci sarà un riconoscimento tangibile per la FIV. Ringrazio infine anche il Segretario Generale, perché è anche grazie al suo lavoro se la FIV è sana, un’isola felice in un contesto che non sempre lo è. Ora Francesco Ettorre, a cui faccio gli auguri di buon lavoro, raccoglie il testimone della Presidenza e sono certo che lavorerà nella continuità”.Appena insidiato alla Presidenza, Francesco Ettorre ha annunciato che la prima riunione del Consiglio Federale si svolgerà a Roma, presso il CONI, il 25 e 26 novembre.

DOMENICA L’INIZIO DEL CAMPIONATO INVERNALE DI ROMA–TROFEO CITTÀ DI FIUMICINO

FIUMICINO – Al via il Campionato Invernale di Roma–Trofeo Città di Fiumicino, organizzato dal Circolo Velico di Fiumicino: domenica è in programma la prima giornata di regate della 36ma edizione del Campionato, che si concluderà il 12 marzo 2017.

Il Campionato ha avuto in questi anni un forte sviluppo ed è diventato un riferimento per la vela d’altura nel Lazio, lo confermano le oltre 90 barche iscritte. Sarà effettuata una suddivisione in macro raggruppamenti: Regata, Crociera e Vele Bianche. In funzione delle imbarcazioni iscritte saranno costituiti dei sotto-raggruppamenti, che terranno conto delle caratteristiche specifiche delle barche e della tecnologia impiegata, allo scopo di disputare regate sempre equilibrate e aperte.

Le regate si svolgeranno su un campo unico, con partenze differenziate: prima partenza per il raggruppamento Regata, a seguire partiranno i raggruppamenti Crociera e infine le Vele Bianche. I percorsi saranno a bastone per tutti i raggruppamenti, ad eccezione delle vele bianche che faranno un percorso a triangolo.

Tutte le imbarcazioni avranno a bordo il Tack Tracker, il sistema di rilevamento e tracciamento, ad alta definizione, del percorso di regata. Il sistema consente di rivedere sul web la propria regata corredata dei dati di navigazione e quella degli altri partecipanti, per fare comparazioni e valutazioni sulle scelte operate durante la regata. Sabato 29 ottobre alle ore 17, presso la sede del CVF, si terrà il briefing per gli armatori. Il primo segnale d’avviso per le dieci giornate del Campionato è in programma domenica alle ore 10. Nei giorni successivi le regate, presso la sede del Circolo Velico di Fiumicino, professionisti del mondo della vela analizzeranno i dati dei tracciamenti delle singole performance e saranno a disposizione dei partecipanti per approfondimenti, consigli tecnici e tattici.

Sabato 12 novembre, alle 17, nei locali del CVF, inizierà il primo dei seminari gratuiti previsti relativo ai fondamentali della regata con focus sul lato di bolina e verranno approfonditi gli aspetti strategici, tattici, meteorologici, di conduzione della barca e delle regole ISAF specifici di questa importante fase di una regate tra le boe.Il Nautilus Yacht Club, invece, ha realizzato un progetto semplice e gratuito, allo scopo di favorire gli armatori a disporre di un idoneo equipaggio per partecipare alle regate e gli atleti ad alimentare la loro passione per la vela. Maggiori dettagli sul sito: http://www.nautilusmarina.it/content/nautilus-sailing-team-progetto-vela.

Foto Tony Costa

Signorini e Roncallo presidenti delle Authority di Genova e La Spezia

GENOVA – Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha inviato questa mattina la risposta al ministro Delrio che chiedeva l’intesa su Paolo Emilio Signorini e Carla Roncallo alla presidenza dei porti di Genova e La Spezia. “La scelta è il frutto di un confronto positivo con il ministro che ha superato la leale collaborazione istituzionale – commenta Toti -. In più è la conferma dell’alta qualità amministrativa espressa da questo ente: infatti stiamo parlando di due alti dirigenti della nostra regione”.

Signorini, 53 anni, è oggi il segretario generale della giunta regionale ligure, è stato capo dipartimento per le infrastrutture, i sistemi informativi e statistici al ministero delle Infrastrutture e Trasporti e in precedenza era stato a capo del dipartimento per la programmazione e il coordinamento delle politiche economiche della Presidenza del consiglio e coordinatore della struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture. “Ci sarà tantissimo lavoro da fare – commenta – ma sono fiducioso della grandissima forza della comunità dello shipping genovese e ligure”.

Carla Roncallo essendo destinata alla guida dell’Autorità di sistema portuale del Mar ligure orientale che nascerà dalla fusione dei porti della Spezia e Marina di Carrara, dovrà ottenere anche l’intesa del governatore della Toscana e per ora è ancora molto cauta: “Affronterò questa esperienza con grande entusiasmo e positività” commenta. Attualmente è dirigente del settore Progetti, infrastrutture, viabilità, porti e logistica presso la Regione Liguria dove è arrivata nel 2012 e in precedenza era stata capo dipartimento Anas per la viabilità della Liguria.

MONTE ARGENTARIO WINTER SERIES E ARGENTARIO COASTAL RACE AL VIA NEL WEEK END

ARGENTARIO – Sono 45 oltre gli equipaggi che si troveranno sulla linea di partenza della Monte Argentario Winter Series e della seconda Argentario Coastal Race. Un buon successo per l’esordio del Campionato organizzato per la prima volta insieme dai tre Circoli dell’Argentario: Circolo Nautico e della Vela Argentario, Yacht Club Santo Stefano e Circolo Canottieri e Vela Porto Santo Stefano.

L’Argentario Coastal Race è un campionato di solwe costiere già collaudato lo scorso anno con successo dal CNVA, aperto ad equipaggi completi o nella formula X2; la Monte Argentario Winter Series, invece, si disputerà sui tradizionali percorsi tra le boe, ad eccezione della prima giornata ed in quella dedicata al trasferimento tra Porto Santo Stefano e Cala Galera. In queste due giornate le flotte regateranno insieme.

La prima fase si svolgerà sullo splendido campo di regata prospiciente Santo Stefano, con i percorsi delle costiere che arriveranno fino a Talamone o al Giglio; la seconda fase, a partire dalla prova del 22 gennaio che prevede il giro del promontorio, si svolgerà nel campo di regata tra Porto Ercole, la Feniglia ed il promontorio di Ansedonia, l’area che fin dagli Anni ’60 è stata palcoscenico del Campionato Invernale.

“Da questa iniziativa speriamo possano nascere sempre più frequenti collaborazioni tra i tre circoli, per regate di livello tecnico e sociale sempre più elevato, sulla spinta di un comune amore per questo territorio”, spiega Augusto Massaccesi, Direttore Sportivo del CNVA. “Sarà un campionato molto tecnico e difficile sia per i partecipanti, per gli organizzatori e il Comitato di Regata per la contemporaneità di due diverse regate nello stesso giorno. Un’ulteriore aspetto tecnico da non sottovalutare è che quando si saranno carpiti i segreti dell’area davanti a Porto Santo Stefano, ci si trasferirà sull’altro versante del promontorio dell’Argentario”, sottolinea Daniele Scotto, Direttore Sportivo del Circolo Canottieri e Vela Porto Santo Stefano.

Foto James Robinson Taylor

Porti del Nord Sardegna: approvato Pot e Bilancio Previsionale

OLBIA – Dati in crescita ed infrastrutturazione adeguata a sostenere il rilancio dei porti del Nord Sardegna. E’, in estrema sintesi, l’agenda dei prossimi tre anni inserita nel Piano Operativo Triennale 2017 – 2019 approvato all’unanimità, insieme al Bilancio di Previsione 2017 e al Programma triennale e annuale delle Opere Pubbliche, dal Comitato portuale riunitosi questa mattina ad Olbia.

Un documento corposo che, anche alla luce dell’entrata in vigore, in data 15 settembre 2016, del Decreto Legislativo n. 169 – che modifica la legge n. 84/94 dettando le disposizioni transitorie per l’attuazione della nuova governance dei porti – affronta uno scenario del tutto inedito di fronte al quale, l’Ente prosegue la sua opera di programmazione.

Punto di partenza, l’analisi dei dati di traffico che, al mese di settembre, segnano un più 15 per cento per Olbia, + 12 per cento su Golfo Aranci, + 26,4 per cento per Porto Torres, per un totale di crescita, su tutti i tre porti, del 16,3 per cento, ossia 562.470 passeggeri in più rispetto al 2015.  Un riallineamento sempre più vicino ai numeri record degli anni 2009 – 2010, che conferma il posizionamento dei tre scali del nord isolano tra i primi posti nelle classifiche dei porti passeggeri del Mediterraneo e di fronte al quale proprio il Piano Operativo Triennale delinea un’azione concreta. A partire dalla costante manutenzione delle infrastrutture e degli impianti portuali e all’attuazione dei servizi di interesse generale. In particolare, nel POT 2017 – 2019 vengono inseriti una serie di interventi, quali, nel caso di Olbia, l’eliminazione delle sgrottature delle banchine, la manutenzione dei piazzali dell’Isola Bianca e la delimitazione del molo 1 Bis per creare un’area di “sosta” dei mezzi pesanti.

Su Golfo Aranci proseguiranno gli interventi di manutenzione del porto, con la sistemazione della nuova piastra d’appoggio della scassa del Pontile EST, il posizionamento dei nuovi parabordi e il livellamento dei fondali. Interventi, questi, che completeranno l’opera di riqualificazione e rilancio del secondo scalo gallurese, avviata con il restyling della stazione marittima, che si concluderà entro la seconda metà di novembre, ed il potenziamento dell’impianto di illuminazione già collaudato. Per quanto attiene a Porto Torres, i progetti che prenderanno corpo nel prossimo triennio saranno l’Hub Portuale, che prevede la resecazione della banchina Alti fondali ed il prolungamento dell’Antemurale, il cui iter è attualmente al vaglio del Ministero dell’Ambiente per l’imminente procedura di Valutazione di Impatto Ambientale.

Entro la fine di novembre verrà concluso, invece, il primo lotto della Darsena Servizi, che consentirà un primo trasferimento di alcune unità da pesca, così da poter destinare, in maniera definitiva, la darsena di levante, tutt’ora occupata dai pescherecci, alla nautica da diporto. A tale intervento ha già seguito l’approvazione del progetto preliminare del 2° Lotto che prenderà corpo nel 2017. Sempre per quanto riguarda gli Alti Fondali, nel mese di marzo 2017 verranno conclusi i lavori relativi alla ristrutturazione della banchina, che prevedono il consolidamento strutturale e la ristrutturazione generale. Altrettanto fondamentali saranno opere come la riqualificazione del Mercato Ittico, per il quale l’Ente ha predisposto il progetto di fattibilità per la manutenzione, il completamento e la trasformazione in centro servizi per il porto, con spostamento degli uffici della sede di Porto Torres dell’Autorità Portuale e la consegna di altri locali agli operatori portuali.

Fondamentale, nel rilancio dello scalo, sarà, infine, l’approfondimento dei fondali del porto commerciale a meno10 metri (moli di ponente, Alti fondali e il bacino di evoluzione). Interventi, questi, che saranno inoltre indispensabili per soddisfare le esigenze di un’industria crocieristica sempre più rivolta a navi extra large e a policy stringenti sulla sicurezza della navigazione. Un mercato che, come riporta il POT, nel 2017 segnerà una leggera stagnazione in Italia ed un possibile calo in alcuni porti. Uno scenario nel quale, sicuramente, influirà la riapertura alle crociere del porto di Tunisi, la cui chiusura nel 2015 ha contribuito ad incrementare il volume delle crociere negli scali sardi e del sud della penisola.

Numeri in crescita che, nel documento di programmazione, portano ad accettare nuove scommesse sulle tematiche ambientali (parte già messe in atto nel tavolo operativo con Autorità Marittima, compagnie di navigazione e agenzie marittime in rappresentanza degli armatori crocieristici), più precisamente per la riduzione delle emissioni e la produzione di studi rivolti all’adozione e all’eventuale progettazione di impianti di rifornimento di combustibili con bassissimo impatto ambientale come il GNL, uno dei quali in fase di studio di fattibilità su Porto Torres. Crescita portuale che significa anche attenzione dell’Ente verso il demanio ed il rilascio di nuove concessioni volte a favorire l’imprenditorialità locale.

Ma anche alle dinamiche delle imprese portuali che, dallo scorso anno, con l’incremento dei traffici, rivivono una nuova stagione operativa, anche se i numeri non consentono ancora il raggiungimento della piena soddisfazione e l’apertura ad eventuali nuovi ingressi sul mercato. È comunque evidente nel POT, l’operato nell’Ente a sostenere tale imprenditorialità e la sensibilità verso le politiche di safety e formazione. Per quanto attiene al Marketing, anche alla luce del Decreto Legislativo n. 169, il prossimo triennio sarà orientato alla programmazione e alla realizzazione di una nuova campagna promozionale dei porti del Nord Sardegna nelle fiere internazionali, in particolare quelle legate al crocierismo.

Un’azione che sarà sinergica con l’Autorità Portuale di Cagliari, la Regione Sardegna e la Camera di Commercio, così come già avvenuto, nel mese di marzo, in occasione del Seatrade Cruise Global di Fort Lauderdale, durante il quale, per la prima volta, nell’industria delle crociere si è affacciato il brand unico della destinazione “Sardegna”. Un’occasione per mettere in evidenza l’offerta integrata di un’isola che, sul versante crocieristico, molto ha da offrire, con proposte escursionistiche variegate e altamente competitive rispetto alle altre destinazioni del Mediterraneo.

“Il Piano Operativo Triennale approvato nella riunione odierna del Comitato Portuale – spiega Pietro Preziosi, Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale del Nord Sardegna – stante anche la recente riforma ed il periodo di transizione imposto, è un documento concreto, già operativo e cantierabile, che sosterrà e accompagnerà perfettamente il trend positivo dei traffici dei tre porti di Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres. Numerose opere programmate, ma anche iniziative di carattere ambientale, di sostegno alle imprese portuali e alla valorizzazione del demanio sono una bella agenda che il Comitato consegna a chi dovrà prendersi cura, in futuro, di questo Ente. Non un libro dei sogni, ma un elenco di esigenze da soddisfare che, sono sicuro, contribuiranno in modo decisivo a tenere la portualità del Nord Sardegna ai vertici delle classifiche mediterranee dei porti passeggeri”.

Nel corso della riunione di oggi, inoltre, in largo anticipo rispetto alle altre Autorità Portuali italiane è stato approvato all’unanimità il bilancio di previsione 2017 dell’Ente, allegato al quale sono inseriti anche i Programmi triennale e annuale delle Opere Pubbliche. Così come sono andate ad approvazione la fissazione del numero massimo di imprese autorizzabili allo svolgimento di operazioni e servizi portuali e il rinnovo di alcune concessioni demaniali su Olbia e Golfo Aranci. Necessario, alla presenza dell’Assessore Regionale ai Trasporti Massimo Deiana, anche il chiarimento relativo all’iter del Piano Regolatore di Porto Torres attorno al quale, nelle settimane precedenti, sono state evidenziate alcune criticità.

“In merito al Piano Regolatore – conclude Preziosi – insieme all’Assessore Regionale ai Trasporti abbiamo ben chiarito ai membri del Comitato che non è stata disposta la sospensione dell’iter, ma semplicemente è stata data disposizione di approfondire ulteriormente la compatibilità di progettualità, quali il rigassificatore proposto dal Consorzio Industriale di Sassari, il progetto europeo Optimed che vede capofila la Regione Sardegna e lo stesso Piano Urbanistico Comunale di Porto Torres, con le linee guida adottate dallo stesso Comitato portuale nel 2012. Un’analisi necessaria e di buon senso che mira a non escludere alcuna iniziativa che possa favore la crescita economica e sociale del territorio”.

Parte rotta traghetti quotidiana Salerno-Genova

NAPOLI – E’ stato inaugurato il collegamento di traghetti diretto tra il porto di Salerno e quello di Genova con traghetti che percorreranno la rotta con frequenza giornaliera. Lo rende noto l’autorità portuale di Salerno che sottolinea come il collegamento rappresenta una vera autostrada del Mare del versante del Tirreno, che consentirà di collegare le Regioni del Nord Italia e della Francia alle Regioni del Centro-Sud Italia quali Campania, Calabria, Puglia e Basilicata.

Il nuovo servizio giornaliero operato da Grimaldi punta su un bacino di utenza elevatissimo e, sottolinea il porto di Salerno, si potrà contribuire, da un lato, alla creazione di un sistema di trasporto regolare, efficiente, affidabile ed economicamente vantaggioso e, dall’altro, alla riduzione della congestione stradale e dell’inquinamento atmosferico ed acustico, riducendo la presenza di mezzi pesanti lungo le arterie autostradali, soprattutto sull’Autostrada del Sole.

“Con questa nuova linea regolare – spiega il presidente dell’Autorità Portuale di Salerno Andrea Annunziata – si mette un altro tassello al grande successo delle Autostrade del Mare e del Porto di Salerno; uno Scalo che contribuisce a decongestionare le strade, rafforzando sempre più il suo ruolo strategico nel Mediterraneo.

Gli investimenti di questi anni e la grande capacità ed efficienza mostrate dai nostri operatori portuali hanno consentito di raggiungere grandi successi. Sono in programma altri investimenti e sono state avviate altre gare per completare l’ammodernamento infrastrutturale del Porto di Salerno, per favorire lo sviluppo dei traffici commerciali, non solo dei rotabili, anche attraverso la realizzazione di aree retro-portuali, in grado di soddisfare le richieste di nuovi piazzali per lo stoccaggio delle merci”.

VENEZIA E L’ITALIA CENTRO DELLO SHIPPING E DEI TRASPORTI INTERNAZIONALI

VENEZIA – Oltre 500 delegati provenienti da tutta Europa e 15 relatori di fama internazionale. Sono questi i numeri della XX Euromed Convention “From Land to Sea”, svoltasi oggi nella città lagunare e organizzata dal Gruppo Grimaldi, che per l’occasione ha riunito presso l’hotel Hilton Molino Stucky i principali esponenti della politica dei trasporti e i più importanti rappresentanti della logistica, della portualità e del settore marittimo dell’area euro-mediterranea.

Fulcro del dibattito – come suggerisce lo stesso titolo della convention “From Land to Sea” – è stato lo sviluppo delle Autostrade del Mare, nate da una precisa istanza dell’UE in merito alla necessità di ridurre le forti emissioni di CO2 generate dal trasporto merci via terra. Il trasporto marittimo a corto raggio consente, infatti, di ridurre del 40% le emissioni inquinanti, oltre a comportare evidenti benefici in termini economici e sociali.Pioniere e leader mondiale per le Autostrade del Mare è proprio il Gruppo Grimaldi, grazie alla sua rete di collegamenti short sea: una rete di 100 collegamenti marittimi per il trasporto delle merci attraverso Mar Mediterraneo, Mar Baltico e Mar del Nord.

Nel discorso che ha rivolto a tutti i presenti, l’Amministratore  Delegato del Gruppo Emanuele Grimaldi ha dichiarato: “Grazie agli ingenti investimenti in nuove navi e al lancio di vari collegamenti nel Mediterraneo, nei primi otto mesi del 2016 il nostro Gruppo ha riportato una crescita del volume di merce rotabile e passeggeri, rispettivamente del 20% e del 90%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Incoraggiati dalla calorosa risposta della clientela, il nostro Gruppo rilancia e annuncia l’avvio di innovativi collegamenti, ovvero di linee di cabotaggio continentale tra Nord e Sud Italia sulle dorsali adriatica e tirrenica, nonché un ambizioso piano di ordini di navi ro/ro e ro/pax destinato a rivoluzionare gli standard di competitività ed eco- sostenibilità del settore per gli anni a venire”.

A fargli eco è stata Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: “Il Gruppo Grimaldi è un esempio fortemente positivo per i giovani imprenditori in quanto dimostra che in questo Paese si può fare impresa. Non a caso è ripetutamente citato nei documenti ufficiali della Commissione Europea come “best practice” per le Autostrade del Mare. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e tutto il Governo sono da sempre impegnati, insieme agli operatori e alle associazioni di categoria, sul fronte della logistica e della portualità, settori trainanti per l’economia italiana”.

I lavori della XX Euromed Convention hanno quindi avuto inizio con il saluto dell’Assessore Comunale allo Sviluppo Economico del territorio Simone Venturini, in rappresentanza del Sindaco di Venezia Lugi Brugnaro: “Siamo orgogliosi di ospitare per la prima volta nella nostra città il Gruppo Grimaldi per la ventesima edizione della Euromed Convention. Venezia è consapevole dell’importanza del suo porto e sta dimostrando da tempo una forte volontà nel riscoprire la sua vocazione portuale sia passeggeri che merci”.

A seguire, dopo i discorsi di Emanuele Grimaldi e del Sottosegretario Simona Vicari, la prima tavola rotonda, dal titolo “Autostrade del Mare nel Mediterraneo: quale ruolo per l’Italia?”, moderata dal giornalista de Il Sole 24 Ore, Raoul De Forcade. Al dibattito hanno preso parte lo stesso Sottosegretario Vicari, Paolo Costa (Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia), Andrea Annunziata (Presidente dell’Autorità Portuale di Salerno), Pierre Lahutte (Presidente di IVECO), Thomas Baumgartner (Presidente dell’Associazione Nazionale Imprese Trasporti Automobilistici – ANITA), Antonio Cancian (Presidente di Reti Autostrade Mediterranee) e Guido Grimaldi (Corporate Short Sea Shipping Commercial Director del Gruppo Grimaldi).

La seconda tavola rotonda, interamente dedicata alle nuove normative ambientali, ha visto la partecipazione di Peter Weiss (Head of Supply Chain Management di Fiat Chrysler Auto), Ugo Salerno (Presidente e Amministratore Delegato del RINA – Registro Navale Italiano), Patrick Verhoeven (Segretario Generale di ECSA – Associazione Europea Armatori), Mike Sturgeon (Direttore Esecutivo di ECG), Eddy Bruyninckx (Presidente dell’Autorità Portuale di Anversa) e Emanuele Grimaldi (Amministratore Delegato del Gruppo Grimaldi). Moderatore l’ex Segretario Generale dell’ECSA, Alfons Guinier.

Daniele Rossi nuovo presidente dell’Authority di Ravenna

RAVENNA – Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha annunciato di aver firmato con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio “l’intesa per nominare Daniele Rossi presidente dell’Autorità portuale di Ravenna”. L’annuncio è arrivato durante l’assemblea di Confindustria Romagna a Milano Marittima (Ravenna).

“Se vogliamo dare competitività al porto a livello internazionale – ha detto Bonaccini – l’escavo dei fondali è fondamentale”. Daniele Rossi, 55 anni, laureato in giurisprudenza, ha alle spalle una carriera in ambito petrolifero (Eni-Saipem, Gsp, Rosetti Marino).

DISPUTATA A CAMPIONE L’HOBIE 4 NATIONS CUP

OSTIA – Germania, Austria e Francia è il podio per nazioni della prima edizione della Hobie 4 Nations Cup organizzata sulle acque del Garda Lombardo da Univela Sailing. L’affermazione nei 16 piedi è andata ai tedeschi Jens e Juke Goritz che hanno preceduto gli austriaci Kitzmueller e i transalpini Dindsdale-Choleva.

Primo equipaggio azzurro è quello di Luca Ragazzini e Riccardo Pironi della Congrega Velisti di Cesenatico, che occupa il sesto posto. Il Dragon, catamarano per i giovanissimi, ha visto il successo di Eleonora Tabussi e Leonardo Matarazzo della Lega Navale Ostia.

IL NAUTILUS Anno 11 N°2

BRINDISI - Uno speciale su porto di Venezia, dagli accordi internazionali con Tianjin e Rostock alla crescita dei traffici grazie alla “cita del ferro”, è tra gli argomenti di questo nuovo numero della rivista Il Nautilus. All’interno anche i porti del Nord Sardegna in continua crescita sul fronte dei passeggeri. A cura di Stefano Carbonara, le ultime novità sul pronunciamento dell’Aja nell’arbitrato delle Filippine. Poi i dati Nomisma sul porto di Genova, l’autostrada del mare di Livorno verso Fujairah, l’adeguamento dei porti rispetto alla pesatura dei container e la piattaforma di Vado Ligure finanziata dall’Unione europea. Infine i costi dei porti green, da Adriatic Sea Tourism Report un focus sui porti dell’Adriatico, l’importanza dell’acquacoltura, il piano regolatore di Salerno e le gare di motonautica che si sono svolte a Brindisi a luglio.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2016 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab