Home » Authority, Centro » Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto

Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto

Dopo l’intervento per lo scalo di alaggio del porto di San Benedetto del Tronto, finanziato interamente dalla Regione con un milione di euro, è stato approvato l’adeguamento tecnico dell’area portuale adibita alla cantieristica e ai servizi dell’approdo turistico. Il dirigente del servizio Territorio e Grandi infrastrutture ha firmato il decreto che regolamenta l’assetto funzionale della zona centro-sud del porto. Con questo provvedimento, sottolinea l’assessore Luigi Viventi, “puntiamo a migliorare la zona operativa dei cantieri navali, prevedendo una profonda rivisitazione urbanistica e funzionale dell’area cantieristica”. L’intervento mobiliterà “notevoli capitali privati per la realizzazione dei nuovi opifici e per l’ammodernamento delle strutture imprenditoriali”. Nel 2010 la Capitaneria di porto, la Regione e il Comune hanno sottoscritto un Protocollo di collaborazione istituzionale e tecnica per predisporre un nuovo Piano regolatore portuale al posto di quello in vigore, ormai superato. Tappe intermedie sono appunto lo scalo di alaggio e l’adeguamento della zona centro-sud del porto. L’adeguamento approvato dalla Regione riguarda le aree destinate a cantieri e servizi alla darsena turistica, nel loro assetto attuale. Vengono mantenute le perimetrazioni dell’attuale Piano regolatore, e sono interessate solo le proprietà demaniali. Gli interventi saranno realizzati con concessione demaniale rilasciata dalla Capitaneria di porto a privati o al Comune. È previsto un restyling dell’area, con indicazioni delle altezze e delle superfici coperte dei lotti destinati alla cantieristica, già occupati da queste attività. Viene riordinata la zona sud della darsena turistica, con l’adeguamento della viabilità e la sistemazione dei parcheggi e delle aree scoperte. Si punta poi ad un blocco funzionale di servizi alla darsena turistica, in cui ospitare agenzie turistiche, assicurative, noleggio auto e imbarcazioni, ristoranti, bar, attività commerciali compatibili con le attività portuali e turistiche. È prevista anche una riarticolazione della viabilità interna, differenziando i percorsi lavorativi da quelli dei visitatori e degli utenti della darsena turistica. La messa in sicurezza dei cantieri e dei luoghi di lavoro è garantita senza stravolgere le caratteristiche turistiche della zona.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La via “Castello di Mare” che unisce il porto turistico
  2. Porto di Salerno: il 20% a Invitalia
  3. Porto di Ancona: l’Interporto nel cda Istao
  4. Porti verdi: dopo l’Italia, arrivano anche in Spagna
  5. Porto di Ancona: parte il progetto della passeggiata “da mare a mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=335

Scritto da Francesca Cuomo su mar 15 2011. Archiviato come Authority, Centro. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab