peyrani
Home » Authority, Sud » Porto di Bari: analisi più veloci per le merci grazie al protocollo con Arpa

Porto di Bari: analisi più veloci per le merci grazie al protocollo con Arpa

Grazie al Protocollo di Intesa sottoscritto tra l’Autorità Portuale del Levante e l’ARPA Puglia le analisi di laboratorio sui campioni delle merci in transito nei porti di Bari, Barletta e Monopoli saranno più rapide ed economiche. Con il protocollo siglato mercoledì 23 marzo scorso dal Commissario dell’Autorità portuale, Francesco Mariani, e il direttore generale di ARPA Puglia, Giorgio Assennato, l’Ente per la protezione ambientale non solo si è impegnato ad eseguire delle analisi di laboratorio in tempi utili a soddisfare le esigenze commerciali dell’utenza portuale degli scali di Bari, Barletta e Monopoli, ma anche ad applicare uno sconto del 35% sul Tariffario Regionale. Secondo il commissario dell’Autorità portuale, Francesco Mariani, il protocollo di intesa è un segnale di forte e convinto sostegno del pubblico agli operatori portuali di Bari, Barletta e Monopoli, che stanno dimostrando grandi capacità imprenditoriali riuscendo ad attrarre nuovi traffici. Il professor Assennato ha sottolineato “la grande importanza del Protocollo congiunto, le cui attività dimostrano l’impegno dell’Agenzia per la Prevenzione e Protezione dell’Ambiente di supporto alle attività produttive – e non di mero controllo ambientale – della Regione Puglia”. Questo protocollo di intesa contribuirà in maniera fondamentale a ridurre i tempi di stazionamento delle merci nei porti di Bari, Barletta e Monopoli, rendendo assolutamente più competitivi gli scali. Per Mariani la sottoscrizione del protocollo di intesa con l’ARPA è solo una delle iniziative che stanno favorendo l’incremento dei traffici dei tre porti, consolidando un trend positivo che nei prossimi mesi potrebbe registrare altre interessanti iniziative imprenditoriali. Nel frattempo Bari vede consolidare la nuova linea container che sarà ufficialmente presentata dalla MSC il 13 aprile.

Leggi anche:

  1. Porto di Fano: grazie a Marina dei Cesari diventa snodo per la Croazia
  2. Porto di Bari: l’Authority punta su opere strategiche
  3. Porto di Bari: il nuovo Terminal crociere presentato a Miami
  4. Porto di Bari: la Corte dei conti contro BPM
  5. BARI PRIMO PORTO DELL’ADRIATICO PER PASSEGGERI E CABOTAGGIO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=431

Scritto da Redazione su mar 25 2011. Archiviato come Authority, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab