peyrani
Home » Authority, Centro » Porto di Pescara: il Pd denuncia sprechi per i dragaggi

Porto di Pescara: il Pd denuncia sprechi per i dragaggi

Incompetenza, incapacità di amministratori comunali e anche profili di illegittimità che potrebbero sfociare in procedimenti penali. Li denuncia il Pd di Pescara in merito alla questione del dragaggio del porto canale. Sempre il Pd chiede lo stop di quelli che definisce “sperperi”. “La verità – ha detto il consigliere comunale Enzo Del Vecchio – è che oggi abbiamo una necessità di rimuovere una mole di limi accumulatisi tra il porto canale e l’avamporto cittadino nell’ordine di 150 mila metri cubi per rendere minimamente funzionale il porto, e per far questo non ci si può affidare ad un mulino che assorbe la stratosferica cifra di 250 euro a metro cubo. La situazione è intollerabile. Il porto sta chiudendo e la marineria è in subbuglio. E in questo stato gli amministratori locali restano a guardare”. Del Vecchio ha posto poi l’accento sulle prime operazioni svolte nelle settimane passate: “Sono stati buttati a mare 500 mila euro per dragare appena 2000 metri cubi di limi, senza che ci sia stato l’abbassamento di un solo centimetro di fondali dell’area oggetto dell’escavo, come dimostrato dai rilievi batimetrici svolti dall’Arta prima e dopo i lavori (31 gennaio 2011 e 10 marzo)”. Ma secondo il Pd ci sono anche risvolti di illegittimità e Del Vecchio spiega il perchè: “Si sta scavando in assenza di analisi e dove la legge lo vieta. Non si può dragare senza analisi e caratterizzazione delle acque (le ultime analisi risalgono a oltre un anno e mezzo fa), ma nonostante tutto la situazione resta di stallo, il dragaggio fermo, con la marineria pescarese ormai esasperata”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Bari: analisi più veloci per le merci grazie al protocollo con Arpa
  2. Porto di Fano: la Regione pronta al dragaggio
  3. Ancona dice NO al rigassificatore
  4. Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=473

Scritto da Francesca Cuomo su mar 31 2011. Archiviato come Authority, Centro. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab