peyrani
Home » Authority, Sud » Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro

Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro

Proseguono le attività oggetto del Protocollo di Intesa sottoscritto il 5 novembre 2009 – tra Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Puglia, Provincia di Taranto, Comune di Taranto, Autorità Portuale di Taranto e Sogesid – finalizzato alla riqualificazione ambientale delle aree ricadenti nel Sito di Interesse Nazionale (SIN) di Taranto ed al contestuale sviluppo infrastrutturale del porto. Il 24 febbraio 2011 in conferenza di servizi decisoria presso il Ministero dell’Ambiente è stato preso atto dei progetti preliminari di Dragaggio dei sedimenti pari a 2.300.000 metri cubi in area polisettoriale e Cassa di colmata funzionale al c.d. V sporgente. A seguito dell’esito della Conferenza si sta procedendo alla redazione della convenzione – prevista dallo stesso Protocollo – per l’affidamento e l’avvio dei successivi livelli di progettazione. Per quanto concerne la realizzazione della cassa di colmata, funzionale all’ampliamento del V sporgente e, quindi, alla realizzazione del nuovo terminal contenitori, come previsto dal nuovo Piano Regolatore Portuale, sono in corso, sullo “Yard ex Belleli”, i lavori relativi al primo stralcio dell’intervento di messa in sicurezza e bonifica della falda, funzionale alla realizzazione dell’opera. Inoltre, sono iniziate le indagini geognostiche e campi prova propedeutici alla realizzazione degli interventi di bonifica dell’area. L’intervento, per un importo complessivo di circa 10 milioni di euro, è stato affidato dalla SOGESID (soggetto attuatore del Protocollo) mediante gara d’appalto. Infine, sono state di recente aggiudicate, sempre dalla SOGESID, anche le attività di indagine necessarie alla progettazione preliminare della messa in sicurezza e bonifica della falda dell’intero ambito portuale. Si continua così a dare attuazione a tutto il programma inteso e permettere le successive attività di dragaggio.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: Sergio Prete verso la nomina all’Autorità portuale
  2. Porto di Monfalcone: pronti 8 milioni di euro per gli escavi
  3. Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto
  4. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge
  5. Porto di Taranto: La Provincia indica Giuffrè per la presidenza

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=574

Scritto da Redazione su apr 15 2011. Archiviato come Authority, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab