peyrani
Home » Authority, Centro » Porto di Pescara: chiesta la modifica dell’ordinanza per i dragaggi

Porto di Pescara: chiesta la modifica dell’ordinanza per i dragaggi

“Porteremo avanti una forte protesta nei confronti del governo per rivedere l’ordinanza della Protezione civile sulle operazioni di dragaggio e messa in sicurezza del porto di Pescara”. Lo ha annunciato l’assessore regionale ai Trasporti Giandonato Morra che, proprio in virtù di questa azione politica del governo regionale, chiederà a Goio di rivedere la decisione di non accettare l’incarico, arrivata dopo aver letto i contenuti dell’ordinanza. La prossima settimana sarà quella decisiva per capire le reali intenzioni del governo e della Protezione civile sul porto di Pescara. “Con il presidente stiamo portando avanti un’azione che procede su un doppio binario: da un alto convincere Goio ad accettare l’incarico non prima di aver chiarito i contenuti delle sue competenze e dall’altro richiedere alla Protezione civile di riscrivere completamente l’ordinanza conferendo le competenze necessaria alla figura del commissario. Come Regione abbiamo provveduto in tempi strettissimi alla erogazione delle risorse di nostra spettanza e alla richiesta di stato di emergenza con conseguente nomina di Goio, puntando sulle sue capacità e conoscenze. Inspiegabilmente, i termini dell’ordinanza non corrispondono alle effettive esigenze del dragaggio e alla risoluzione definitiva dei problemi, non prevedendo nè somme aggiuntive nè competenze specifiche”. La linea tracciata dall’assessore ai Trasporti è pienamente condivisa del presidente della Regione che, allo stesso modo, ritiene Goio in grado di gestire, con i poteri del caso, la difficile situazione che si è creata al porto di Pescara. “Riteniamo questa situazione molto grave tenuto conto che il porto di Pescara è di interesse nazionale e la competenza è in capo al governo che per tanti anni ha trascurato il dragaggio la progettualità necessaria per rendere efficiente la struttura portuale”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Pescara: necessari i dragaggi
  2. Porto di Pescara: il Pd denuncia sprechi per i dragaggi
  3. Porto di Fano: la Regione pronta al dragaggio
  4. Porto di Brindisi: parte lo studio del Piano della costa
  5. Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=580

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 16 2011. Archiviato come Authority, Centro. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab