peyrani
Home » Authority, Centro » Porto di Pescara: interventi per 20 milioni di euro

Porto di Pescara: interventi per 20 milioni di euro

“Non si può pensare di spendere ogni anno una marea di soldi che lo Stato non ha e che non è in grado di spendere per fare la manutenzione. C’è bisogno di fare interventi strutturali che richiedono 19-20 milioni di euro”. Lo ha detto il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, a proposito dell’emergenza dragaggio a Pescara, a margine della conferenza per la sottoscrizione dell’accordo di programma Abruzzo 2015. “Questa è la somma che noi riteniamo che lo Stato debba mettere a disposizione – ha sottolineato Chiodi – per gli interventi strutturali, affinchè ogni anno non abbia quella manutenzione da fare e che poi magari non fa. La Regione Abruzzo ha fatto più di quello che avrebbe dovuto fare perchè ha messo a disposizione anche 2 milioni e mezzo di euro per cercare di affrontare la prima fase. Si tratta di un porto nazionale e quindi la manutenzione è a carico dello Stato. Negli anni passati questa manutenzione è stata molto carente e, come sempre accade quando la manutenzione per anni è carente, poi i problemi esplodono”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Pescara: il governatore Chiodi chiede dragaggi
  2. Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro
  3. Porto di Pescara: necessari i dragaggi
  4. Porto di Monfalcone: pronti 8 milioni di euro per gli escavi
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=616

Scritto da Francesca Cuomo su apr 21 2011. Archiviato come Authority, Centro. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab