Home » Authority, Centro, Italia, News » Porto di Ortona: 95 milioni di euro per l’ampliamento dello scalo

Porto di Ortona: 95 milioni di euro per l’ampliamento dello scalo

Il porto di Ortona di qui ai prossimi mesi beneficierà di lavori per oltre 95 milioni di euro ma il primo intervento, strategico e propedeutico a quelli successivi di rifacimento ed ampliamento, è il dragaggio, che la Regione Abruzzo, anticipando i fondi Fas, ha finanziato con 8 milioni di euro. La legge regionale n. 7 dell’8 aprile 2011, che dispone il finanziamento, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 22 aprile scorso. L’intervento è stato illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa ad Ortona dal senatore Fabrizio Di Stefano, dall’assessore regionale all’Agricoltura e pesca Mauro Febbo, dal vice sindaco di Ortona Lucio Cieri. In particolare gli 8 milioni di euro, ai quali si aggiungono 1,2 milioni stanziati dal Ministro delle Infastrutture, serviranno a realizzare il dragaggio che, una volta ultimato, abbasserà i fondali fino a 12 metri, consentendo in tal modo l’ingresso nel porto di navi e imbarcazioni commerciali di qualsiasi dimensione. La sabbia che verrà estrattà dai fondali sarà invece impiegata per il ripascimento della costa teatina. Il Comune di Ortona verrà indicato come ente appaltante dell’intervento, i lavori, considerando che l’affidamento avverrà con un bando pubblico europeo, potrebbero iniziare dopo l’estate. “Il dragaggio è un intervento strategico – ha detto Febbo – perchè è l’obiettivo che il Ministero ci ha chiesto di raggiungere in vista dei successivi interventi che il Ministero stesso finanzierà: ovvero l’ampliamento e il rifacimento della banchina, per 50 milioni, e l’ampliamento del molo sud per 36 milioni. Ma è in intervento importantissimo anche perchè è stata la Sevel a chiederci nel corso dell’ultimo incontro che abbiamo avuto il potenziamento di tale infrastruttura per le sue necessità di carattere logistico. Un potenziamento, quello del porto di Ortona – ha concluso Febbo – che si sta portando avanti da oltre dieci anni e che ha visto nel tempo dapprima l’ampliamento del molo nord quindi la realizzazione della cosiddetta bretella porto – casello autostradale A/14″. “Credo che la sinergia istituzionale fra livelli diversi di governo stia funzionando molto bene in questa occasione – ha detto Di Stefano – , con un amministrazione comunale attenta a sollecitate e a predisporre gli atti necessari, una Regione che oggi stanzia una somma importante per il dragaggio e soprattutto predispone gli atti conseguenziali affinchè poi il Governo possa intervenire per attivare quel finanziamento di 86 milioni di euro quantomai importante per questa struttura portuale”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Pescara: interventi per 20 milioni di euro
  2. Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro
  3. Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo
  4. Porto di Monfalcone: pronti 8 milioni di euro per gli escavi
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=649

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 27 2011. Archiviato come Authority, Centro, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab