peyrani
Home » Authority, Italia, News, Nord » Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico

Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico

Un protocollo d’intesa per il potenziamento dei collegamenti da porto a porto tra Adriatico e Mar Baltico attraverso comuni strategie di sviluppo del trasporto sia a livello europeo sia nazionale e regionale è stato siglato oggi tra i porti di Ravenna, Venezia, Trieste, Koper e Rijeka attraverso il Napa, l’associazione dei porti del Nord Adriatico rappresentata per l’occasione dal presidente dell’Autorità Portuale della città romagnola, Giuseppe Parrello. I rappresentanti di questi scali lo hanno sottoscritto con l’associazione dei porti del Mecklemburg-Vorpommern, rappresentata dal suo presidente, Ulrich Bauermeister. L’intesa è stata raggiunta oggi, in occasione della manifestazione “Transport & Logistic”, la piu grande fiera internazionale di logistica e trasporti con circa 1.900 espositori provenienti da 59 differenti Paesi in corso a Monaco di Baviera sino a venerdì alla quale il Napa – ha riferito l’Autorità Portuale di Ravenna in una nota – sta partecipando con un proprio stand. Con questo atto, continua la nota, “Napa prosegue nella sua attività di promozione del sistema portuale Nord Adriatico”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: inaugurato l’anno portuale
  2. Porto di Ravenna: ordigno bellico trovato da una draga
  3. A Ravenna la Offshore Mediterranean Conference&Exhibition
  4. Associazione del Nord Adriatico: è Monassi il nuovo presidente
  5. Porto di Bari: l’Authority punta su opere strategiche

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=857

Scritto da Salvatore Carruezzo su mag 11 2011. Archiviato come Authority, Italia, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab