Home » Authority, News, Sud » Porto di Gioia Tauro: le multinazionali pronte per nuovi investimenti

Porto di Gioia Tauro: le multinazionali pronte per nuovi investimenti

Il futuro del porto di Gioia Tauro sarà possibile solo se diventerà un polo intermodale e non soltanto un porto di transhipment.

È su questa direttrice che si muove la Regione Calabria che, d’intesa con Assologistica cultura e formazione, ha promosso una visita di una trentina di manager di aziende e multinazionali (120 in tutto quelle contattate) per illustrare i vantaggi di fare business nell’infrastruttura calabrese.

La vicepresidente della giunta regionale, Antonella Stasi, ha illustrato i vantaggi che derivano dall’investimento a Gioia Tauro. Innanzitutto il punto di forza è “il collegamento con la terra e la possibilità di intermodalità su ferrovia e su gomma, che consente di arrivare in 24 ore nelle città del nord Italia e in 48 ore di raggiungere i porti del nord Europa”, ha spiegato infatti.

Il porto di Gioia Tauro, ha proseguito la vicepresidente, sarebbe conveniente inoltre per i vantaggi offerti dalla zona franca, finora sottoutilizzata. Su 86 ettari disponibili soltanto 26 sono effettivamente utilizzati, e di questi una buona parte di capannoni sono vuoti a causa degli imprenditori che dopo aver percepito gli aiuti comunitari non hanno proseguito l’attività.

“Noi vogliamo evitare quanto accaduto in passato -ha affermato Antonella Stasi – per questo, d’intesa con il presidente Giovanni Grimaldi, l’Autorità portuale costruirà una prima struttura che sarà a disposizione degli investitori a prezzi competitivi. A noi interessa l’operatività, non il numero di capannoni. Questa è la sfida per il futuro”.

Dal luglio dello scorso anno il porto di Gioia Tauro è inoltre zona a burocrazia zero. Sarà poi instaurato un meccanismo tale da consentire un risparmio di risorse e tempo per gli operatori della logistica grazie alla “remotizzazione dei controlli doganali a destino per i contenitori caricati a ferrovia”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: Lega navale e Circolo Pigonati accolgono le barche pronte alla Brindisi-Corfù
  2. Porto di Gioia Tauro: i sindacati chiedono l’intervento del governo
  3. PORTO DI BARI: AVVIO BRILLANTE DEL 2011
  4. Porti laziali: investimenti per porto canale Rio Martino
  5. Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1669

Scritto da Francesca Cuomo su giu 10 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab