Home » Authority, News, Sud » Porto di Gioia Tauro: la Regione prova a salvare lo scalo

Porto di Gioia Tauro: la Regione prova a salvare lo scalo

Il consiglio regionale della Calabria ha approvato oggi un ordine del giorno sul porto di Gioia Tauro, in vista del tavolo nazionale che è stato convocato per mercoledì a Roma.

Al termine degli interventi delle diverse forze politiche, il governatore Giuseppe Scopelliti ha affermato che la Regione sta lavorando per salvare l’infrastruttura conservando un ruolo di primo piano nel transhipment ma si sta allargando l’orizzonte.

La prima preoccupazione è evitare che “Gioia Tauro diventi campo per una sola impresa Mct, che possa far gravare il momento di difficoltà sul personale dipendente.

Gioia Tauro non è – ha affermato il governatore – nelle condizioni di dettare le regole nel mercato poichè i porti comunitari non possono offrire i benefitt (costo del lavoro, accise, ancoraggio) su cui i porti non comunitari stanno puntando.

Il futuro del porto, ha ribadito il governatore della Calabria, si gioca sulla capacità di diventare polo della logistica, creando capannoni che consentano alle grandi imprese investimenti di prospettiva che avrebbero anche una grande ricaduta sul territorio”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Gioia Tauro: le multinazionali pronte per nuovi investimenti
  2. Porto di Gioia Tauro: i sindacati chiedono l’intervento del governo
  3. Porto di Ortona: 95 milioni di euro per l’ampliamento dello scalo
  4. Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo
  5. Porto di Fano: la Regione pronta al dragaggio

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1937

Scritto da Francesca Cuomo su giu 20 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab