peyrani
Home » Authority, News, Sud » Traghetto bloccato a Brindisi: l’Autorità portuale risponde

Traghetto bloccato a Brindisi: l’Autorità portuale risponde

In riferimento al blocco del traghetto Ionian Spirit, l’Autorità portuale di Brindisi ha riassunto i una nota i fatti che hanno determinato il disagio dei passeggeri.

“I fatti – riporta la nota – : ieri mattina una tubazione di notevole portata dell’Acquedotto Pugliese, che attraversa l’area utilizzata per l’imbarco e lo sbarco dei mezzi dalle navi ormeggiate alla banchina del porto interno riservata al traffico con l’Albania, ha subito un’improvvisa rottura.

Allertati dal personale di vigilanza, i tecnici dell’Autorità Portuale hanno effettuato immediatamente un sopralluogo richiedendo l’intervento dei tecnici dell’Acquedotto Pugliese, proprietario dell’impianto, il quale ha inviato il proprio personale. Sopraggiunto,  ha rilevato la gravità della lesione e nel pomeriggio sono stati accertati ben tre punti di perdita.

L’acqua fuoriscita nel frattempo ha provocato il sollevamento del manto stradale sul quale avrebbero a breve transitato i mezzi sbarcati dalla nave Ionian Spirit. La nave è stata raggiunta dal pilota all’imboccatura del porto alle 18:55 (da questo momento occorrono in media circa 30 minuti per completare l’ormeggio nel porto interno).

Unitamente alla Capitaneria di Porto ed alla Polizia di Frontiera si è cercata una soluzione che consentisse in ogni caso l’espletamento delle operazioni di sbarco e imbarco in sicurezza, tenuto conto che le perdite di acqua avevano dissestato la sede stradale. L’ormeggio della nave è stato comunque completato alle ore 20.00 con circa 30 minuti di ritardo.

Le operazioni di sbarco sono iniziate immediatamente dopo e regolarmente proseguite. L’AQP ha ripreso l’intervento per il ripristino definitivo della tubazione e della pavimentazione in data odierna. Questi sono i fatti. Emerge con chiarezza che l’episodio verificatosi rientra in una normale casistica, soprattutto se si considera che il ritardo (e quindi i disagi per i passeggeri) è stato contenuto in soli 30 minuti.

Tuttavia, trattandosi di una circostanza non prevedibile e certamente non ascrivibile alla responsabilità dell’Autorità Portuale, si ritiene di aver operato per garantire prioritariamente la sicurezza dei passeggeri. L’Autorità portuale di Brindisi ritiene che opinioni quali “chiudere il porto e gestire le attività da Bari e Taranto..” non contribuiscano a creare uno spirito comune e positivo di cooperazione che dovrebbe prevalere tra i cittadini per rilanciare il nostro porto con il suo nuovo manager.

Quest’ultimo, peraltro, non è in vacanza, come si vuole far credere, ma è impegnato a tempo pieno nella gestione del porto”.

Leggi anche:

  1. Traghetto per Valona bloccato fuori dal porto di Brindisi
  2. Il Comitato portuale di Brindisi riprende i lavori
  3. Haralambides a Brindisi: “Studierò per migliorare questo porto”
  4. Autorità portuale di Brindisi: la nomina di Haralambides, tra accuse e scontri politici, arriva in Senato
  5. Nomina Autorità portuale di Brindisi: Giurgola non farà ricorso

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2196

Scritto da Redazione su lug 1 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab