peyrani
Home » Authority, News, Nord » Porto di Genova: Burlando chiede autonomia fiscale

Porto di Genova: Burlando chiede autonomia fiscale

Autonomia fiscale ai porti perchè finanzino incentivi al trasporto delle merci su rotaia. La proposta è di Claudio Burlando, governatore della Liguria, una regione che nel giro di pochi giorni ha ricevuto il via libera a due opere fondamentali, ristrutturazione del sito Fincantieri di Genova-Sestri Ponente e Terzo Valico dei Giovi, e nei prossimi anni potenzierà il proprio sistema portuale, ma dovrà riuscire a mandare oltre Appennino i container sui treni e non sui camion.

«Se i porti potessero avere l’autonomia fiscale, almeno parziale, sarebbero in grado non solo di finanziare opere infrastrutturali necessarie al loro sviluppo – ha detto Burlando -, ma di incentivare il trasporto su ferro delle merci movimentate sulle loro banchine».

L’accordo di programma siglato giovedì scorso da governo, Fincantieri, porto Petroli, enti locali e Autorità portuale di Genova prevede la realizzazione a Sestri Ponente di un nuovo piazzale di 117.000 metri quadri, tramite il riempimento di uno specchio acqueo di 71.000 metri quadri e l’allestimento di nuove strutture.

Fincantieri sposterà verso il mare le sue attività, lasciando libera, a monte, un’area in cui troveranno posto nuove attività industriali e commerciali e verranno realizzati nuovi spazi urbani. I lavori partiranno con un finanziamento iniziale di 50 milioni che il ministero dei Trasporti assegnerà all’Autorità Portuale.

L’investimento pubblico verrà integrato in seguito con un altro stanziamento di 20 milioni e l’Autorità portuale riceverà ancora 50 milioni per le riparazioni navali. La Regione garantirà l’impiego del materiale di scavo dei lavori per il Terzo Valico nel riempimento a mare. Venerdì a Roma è stato firmato il verbale che consente di riaprire i cantieri del Terzo Valico.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: Bersani chiede un nuovo Piano industriale
  2. Fincantieri: Romani chiede piano condiviso
  3. Porto di Pescara: il governatore Chiodi chiede dragaggi
  4. Porto di Genova: In mostra i progetti mai realizzati
  5. Porto di Bari: l’Authority punta su opere strategiche

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2959

Scritto da Salvatore Carruezzo su lug 31 2011. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab