peyrani
Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: richiesta certificazione Iso

Porto di Venezia: richiesta certificazione Iso

L’Autorità portuale di Venezia ha intrapreso l’iter per diventare un porto certificato Iso 14001; certificazione che attesta gli standard ambientali entro cui un’organizzazione deve operare per essere “green”.

Superata la prima fase, in autunno si chiuderà l’iter per ottenere la certificazione, che non è obbligatoria, ma è frutto della scelta volontaria dell’Autorità portuale veneziana, che ha deciso di stabilire, attuare e mantenere attivo il proprio sistema di gestione ambientale, con una serie di progetti, sia locali che a livello internazionale, come il Safeport, inserito nell’ambito della cooperazione

tra porti adriatici italiani e sloveni e forte di un co-finanziamento pari a 2,7 milioni di euro complessivi, che si pone l’obiettivo di promuovere e applicare, per la prima volta, una logica di sistema tra i porti dell’alto Adriatico sul tema della sicurezza in ambito portuale. Il programma individua come priorità la tematica Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile, al fine di rafforzare la tutela dell’ambiente contro i rischi naturali e tecnologici e l’inquinamento.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: Burlando chiede autonomia fiscale
  2. Porto di Venezia: inaugurato il Terminal Isonzo II
  3. Authority di Pireo è contro la privatizzazione del porto
  4. Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico
  5. Porto di Venezia: inaugurato l’anno portuale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3163

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 8 2011. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab