peyrani
Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: chiesta sospensione per imposta demaniale

Porto di Ancona: chiesta sospensione per imposta demaniale

Confartigianato Imprese della provincia di Ancona chiede di sospendere l’imposta regionale per l’uso del demanio introdotta dalla Regione nel 2008 perchè lo scalo è sede di Autorità portuale.

L’imposta è stata notificata solo oggi alle imprese portuali, con tanto di avviso di accertamento comprese le sanzioni e gli interessi di mora. Una “sberla” per gli imprenditori, ha affermato la Cgia, “chiamati a versare somme cospicue, dato che finora la tassa era sconosciuta: anche chi avrebbe voluto non era in condizione di pagarla”.

Solo le Marche hanno adottato un provvedimento simile: in tutti gli altri porti l’imposta è sconosciuta e inapplicata. Penalizzerà “solo le imprese operative nella fascia demaniale, rendendo le aziende sempre meno competitive, e indebolendo il sistema della portualità, già fiaccato dalla crisi della Bunge, dei Cantieri navali minori e della Fincantieri, dalla perdita dei traffici del carbone” ha concluso l’associazione di categoria.

Salvatore Carruezzo

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: Regione vara Piano regolatore di Numana
  2. Porto di Ancona: nei primi 5 mesi crestita supera 9%
  3. Porto di Pescara: chiesta la modifica dell’ordinanza per i dragaggi
  4. Porto di Ancona: Canepa assicura i livelli occupazionali
  5. Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3203

Scritto da Redazione su ago 9 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab