Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: il Comune non vuole attività portuali a Camerano

Porto di Ancona: il Comune non vuole attività portuali a Camerano

Nel nuovo Piano regolatore del porto di Ancona il Comune ha deciso di delocalizzare in un’area di Camerano, già lottizzata, le imprese dell’ex Zipa che non svolgono attività attinenti a quella portuale.

Infatti il Comune ha chiesto al Consorzio Zipa di farsi portavoce anche con le imprese coinvolte. Lo conferma anche l’assessore comunale al Porto e all’Ambiente Diego Franzoni, che ha avviato contatti con il Consorzio perchè favorisca un incontro con le realtà economiche.

Le aree che si renderebbero disponibili dopo la delocalizzazione a Camerano, ha spiegato l’assessore, potrebbero essere utilizzate per «specifiche attività portuali, anche di tipo logistico».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: Regione vara Piano regolatore di Numana
  2. Dockers ellenici scioperano contro la privatizzazione delle attività portuali
  3. Attività / Logiche portuali
  4. Ancona dice NO al rigassificatore
  5. Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3361

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 17 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab