Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: il Comune non vuole attività portuali a Camerano

Porto di Ancona: il Comune non vuole attività portuali a Camerano

Nel nuovo Piano regolatore del porto di Ancona il Comune ha deciso di delocalizzare in un’area di Camerano, già lottizzata, le imprese dell’ex Zipa che non svolgono attività attinenti a quella portuale.

Infatti il Comune ha chiesto al Consorzio Zipa di farsi portavoce anche con le imprese coinvolte. Lo conferma anche l’assessore comunale al Porto e all’Ambiente Diego Franzoni, che ha avviato contatti con il Consorzio perchè favorisca un incontro con le realtà economiche.

Le aree che si renderebbero disponibili dopo la delocalizzazione a Camerano, ha spiegato l’assessore, potrebbero essere utilizzate per «specifiche attività portuali, anche di tipo logistico».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: Regione vara Piano regolatore di Numana
  2. Dockers ellenici scioperano contro la privatizzazione delle attività portuali
  3. Attività / Logiche portuali
  4. Ancona dice NO al rigassificatore
  5. Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3361

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 17 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab