peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale

Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale

Nella odierna seduta il Comitato Portuale ha approvato il Piano Operativo Triennale del Porto di Taranto, presentato dal Presidente Sergio Prete, deliberando a maggioranza dei presenti, 19 voti favorevoli su 21, con la sola astensione dell’Ing.

Nicola Duni, dirigente del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche di Puglia e Basilicata – rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – e dell’Ing. Cosimo Serafino, Direttore dell’Agenzia delle Dogane di Taranto – rappresentante del Ministero dell’Economia e Finanze.

Il Presidente ha espresso il proprio ringraziamento ai dirigenti e dipendenti dell’Ente per l’impegno e la solerzia nella stesura del Piano Operativo portato a termine in meno di 60 giorni dalla data del suo insediamento. Trattasi del documento programmatico dell’Ente, previsto dalla Legge 84/94, con il quale vengono individuate le strategie di sviluppo delle attività portuali e gli interventi volti a garantire il rispetto degli obiettivi prefissati.

Il Piano è stato strutturato inquadrando il contesto geo-economico (internazionale, nazionale, mediterraneo e regionale) e lo scenario di riferimento dei traffici marittimi nel quale il porto di Taranto è chiamato ad operare. L’obiettivo primario su cui si concentra il Piano Operativo è quello di fare di Taranto un porto di terza generazione ossia una infrastruttura che vada oltre le prestazione connesse allo sbarco/imbarco delle merci e che sia in grado di offrire il ciclo completo dei servizi nell’ambito della catena logistica. Ciò consentirà di aumentare l’import/export a tutto vantaggio dell’economia regionale.

Accanto ad una progettualità di ampio respiro, tuttavia, il documento non trascura una visione realistica delle problematiche che riguardano la quotidianità e le necessità di tutti gli operatori. Pertanto senza smettere di “pensare in grande” si partirà dai problemi più immediati, per i quali serve soprattutto impegno e buona volontà, oltre che risorse e strumenti ordinari:

- dare soluzione alle problematiche connesse al coordinamento tra le pubbliche amministrazioni operanti in porto;
- individuare adeguate soluzioni e sistemazioni anche logistiche per coloro che operano in condizioni precarie;
- investire in iniziative eco sostenibili;
- investire in moderne tecnologie per abbattere tempi, costi ed accrescere le rese;
- amplificare la visibilità del porto con la maggiore presenza dell’AP in contesti internazionali specializzati;
- supportare la formazione/istruzione in materia di shipping e logistica. Investire quindi sui giovani del territorio jonico affinchè Taranto diventi una città portuale e non più solo una città con il suo porto;

- migliorare il rapporto porto/città con iniziative socio-culturali che coinvolgano la collettività su tematiche afferenti la portualità;
- implementare i servizi offerti agli operatori;
- fare sistema con altre realtà (altri porti pugliesi, aeroporto Grottaglie, RFI);
- ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili (aree libere, banchine, ecc.)
- creare le condizioni affinchè gli operatori svolgano al meglio le proprie attività e possano impegnare fruttuosamente le proprie risorse

Una novità presente in questo documento è la premessa comune dei tre porti pugliesi di Taranto, Bari e Brindisi, sottoscritta dai Presidenti delle tre Autorità Portuali e dall’Assessore alle Infrastrutture strategiche e Mobilità, Guglielmo Minervini il quale nel corso della seduta ha condiviso le manifestazioni di apprezzamento da parte dei componenti per il lavoro presentato dal Presidente, esortando, altresì, a concentrarsi sulle opportunità che oggi vengono offerte alla Piattaforma Logistica regionale pugliese sia in termini di finanziamenti che di consapevolezza della necessità di condivisione di strategie e obiettivi comuni.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: piastra logistica tra cinque anni
  2. Porto di Taranto: domani firma per la Piastra logisitica
  3. Piano del Sud: 35 milioni di euro per il Distripark di Taranto
  4. Porto di Taranto: ecco la Vale Brasil
  5. Porto di Taranto: promozione anche in Olanda

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3594

Scritto da Redazione su ago 30 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab