peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale

Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale

Nella odierna seduta il Comitato Portuale ha approvato il Piano Operativo Triennale del Porto di Taranto, presentato dal Presidente Sergio Prete, deliberando a maggioranza dei presenti, 19 voti favorevoli su 21, con la sola astensione dell’Ing.

Nicola Duni, dirigente del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche di Puglia e Basilicata – rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – e dell’Ing. Cosimo Serafino, Direttore dell’Agenzia delle Dogane di Taranto – rappresentante del Ministero dell’Economia e Finanze.

Il Presidente ha espresso il proprio ringraziamento ai dirigenti e dipendenti dell’Ente per l’impegno e la solerzia nella stesura del Piano Operativo portato a termine in meno di 60 giorni dalla data del suo insediamento. Trattasi del documento programmatico dell’Ente, previsto dalla Legge 84/94, con il quale vengono individuate le strategie di sviluppo delle attività portuali e gli interventi volti a garantire il rispetto degli obiettivi prefissati.

Il Piano è stato strutturato inquadrando il contesto geo-economico (internazionale, nazionale, mediterraneo e regionale) e lo scenario di riferimento dei traffici marittimi nel quale il porto di Taranto è chiamato ad operare. L’obiettivo primario su cui si concentra il Piano Operativo è quello di fare di Taranto un porto di terza generazione ossia una infrastruttura che vada oltre le prestazione connesse allo sbarco/imbarco delle merci e che sia in grado di offrire il ciclo completo dei servizi nell’ambito della catena logistica. Ciò consentirà di aumentare l’import/export a tutto vantaggio dell’economia regionale.

Accanto ad una progettualità di ampio respiro, tuttavia, il documento non trascura una visione realistica delle problematiche che riguardano la quotidianità e le necessità di tutti gli operatori. Pertanto senza smettere di “pensare in grande” si partirà dai problemi più immediati, per i quali serve soprattutto impegno e buona volontà, oltre che risorse e strumenti ordinari:

- dare soluzione alle problematiche connesse al coordinamento tra le pubbliche amministrazioni operanti in porto;
- individuare adeguate soluzioni e sistemazioni anche logistiche per coloro che operano in condizioni precarie;
- investire in iniziative eco sostenibili;
- investire in moderne tecnologie per abbattere tempi, costi ed accrescere le rese;
- amplificare la visibilità del porto con la maggiore presenza dell’AP in contesti internazionali specializzati;
- supportare la formazione/istruzione in materia di shipping e logistica. Investire quindi sui giovani del territorio jonico affinchè Taranto diventi una città portuale e non più solo una città con il suo porto;

- migliorare il rapporto porto/città con iniziative socio-culturali che coinvolgano la collettività su tematiche afferenti la portualità;
- implementare i servizi offerti agli operatori;
- fare sistema con altre realtà (altri porti pugliesi, aeroporto Grottaglie, RFI);
- ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili (aree libere, banchine, ecc.)
- creare le condizioni affinchè gli operatori svolgano al meglio le proprie attività e possano impegnare fruttuosamente le proprie risorse

Una novità presente in questo documento è la premessa comune dei tre porti pugliesi di Taranto, Bari e Brindisi, sottoscritta dai Presidenti delle tre Autorità Portuali e dall’Assessore alle Infrastrutture strategiche e Mobilità, Guglielmo Minervini il quale nel corso della seduta ha condiviso le manifestazioni di apprezzamento da parte dei componenti per il lavoro presentato dal Presidente, esortando, altresì, a concentrarsi sulle opportunità che oggi vengono offerte alla Piattaforma Logistica regionale pugliese sia in termini di finanziamenti che di consapevolezza della necessità di condivisione di strategie e obiettivi comuni.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: piastra logistica tra cinque anni
  2. Porto di Taranto: domani firma per la Piastra logisitica
  3. Piano del Sud: 35 milioni di euro per il Distripark di Taranto
  4. Porto di Taranto: ecco la Vale Brasil
  5. Porto di Taranto: promozione anche in Olanda

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3594

Scritto da Redazione su ago 30 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab