peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Bari: approvato il Piano operativo triennale

Porto di Bari: approvato il Piano operativo triennale

Il Comitato Portuale dell’Autorità Portuale del Levante, nella seduta di oggi, ha approvato all’unanimità il Piano Operativo Triennale 2011-2013.

Dopo quello di Taranto, proposto al comitato dal presidente Sergio prete e approvato con diciannove voti favorevoli, su ventuno, e in attesa di quello di Brindisi, il cui completamento è previsto per ottobre, anche Bari ha ottemperato ad una delle norme previste dalla legge 84 del 1994.

Il Piano barese colloca le iniziative dell’Autorità portuale per lo sviluppo dei traffici nei prossimi tre anni entro lo scenario generale di crisi, individuando alcune scelte strategiche per affrontare in modo positivo l’attuale congiuntura.

Il Piano assume, come primo punto di riferimento, il documento sottoscritto congiuntamente dalle Autorità portuali di Brindisi, Taranto e dall’Assessorato regionale ai Trasporti, che costituisce premessa comune ai Piani Operativi dei porti in questione e che prevede azioni comuni su diverse materie in modo da rafforzare il profilo dei porti pugliesi nell’ambito dellediverse sedi a livello nazionale ed internazionale.

In particolare, l’Autorità del Levante, si propone di lavorare sui punti di forza che, già in questi anni, hanno consentito ai porti di Bari, Barletta e Monopoli di resistere in modo positivo ai colpi della crisi economica. Si tratta, segnatamente,del rapporto privilegiato con i Balcani e l’Europa Sud Orientale fino alle repubbliche caucasiche, la diversificazione dei traffici e la flessibilità nell’utilizzo degli spazi portuali nonché la forte attenzione agli standard dei servizi offerti.

Questa strategia di consolidamento della “nicchia” di mercato alla quale i porti del Levante fanno riferimento, prevede una serie di adeguamenti infrastrutturali per i quali sono in corso le attività di progettazione e l’acquisizione delle necessarie autorizzazioni.

Fra questi si segnalano, oltre al completamento della colmata di Marisabella, ormai nell’imminenza dell’apertura del cantiere, il raddoppio del Terminal crociere, la nuova banchina di prolungamento della Darsena di Ponente del porto di Bari, il prolungamento del Molo Tramontana di Barletta e la riqualificazione della radice del Molo Tramontana di Monopoli nonché una campagna generalizzata di dragaggi di manutenzione per assicurare la piena operatività dei porti in questione.

Il Piano affronta inoltre il tema dell’integrazione fra porto e territorio rilevando l’impatto economico che i porti già oggi hanno sull’area vasta nella quale insistono. Si prevede in tal senso il consolidamento  di un modello di “governance” secondo la tipologia della “Port Authority Community Manager”, vale a dire unamodalità di gestione basata sul coinvolgimento di tutti gli attori economici, sociali e istituzionali a livello territoriale e sulla costante verifica dell’effettiva efficacia delle decisioni assunte.

Il Piano, si legge nella nota dell’Authority, nel ribadire l’interesse pubblico che sottende al corretto utilizzo dei beni demaniali, prevede altresì l’utilizzo di alcune porzioni delle aree portuali in questioneanche per fini diportistici e ricreativi contemplando quindi un uso “urbano” dei porti accanto alla funzione prettamente commerciale.

Il piano prevede inoltre lo sviluppo delle attività di cooperazione internazionale che già hanno visto l’Autorità portuale del Levante protagonista di svariati progetti a livello comunitario e di aree di prossimità inter-adriatica nonché, rilevando la centralità delle risorse umane la promozione, nell’ambito degli strumenti esistenti in materia, di una diffusa campagna di formazione e riqualificazione professionale volta ad elevare il contributo del “lavoro” ai fini del miglioramento dell’efficacia, produttività e sicurezza delle attività che si svolgono in porto.

Francesca Cuomo
Foto: SC-Lab

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale
  2. Porto di Bari: comincia l’iter per renderlo “verde”
  3. Porto di Bari: Enel e Authority per aumentare l’efficienza dello scalo
  4. Festa dei porti a Bari: la Puglia si affida alla gestione integrata
  5. Porto di Bari: il Tar legittima l’assegnazione dell’Authority

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3795

Scritto da Francesca Cuomo su set 7 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab