peyrani
Home » Authority, News, Nord » Fondazione Istituto di Cultura Marittimo Portuale di Trieste: cambio al vertice

Fondazione Istituto di Cultura Marittimo Portuale di Trieste: cambio al vertice

Oggi pomeriggio, alla presenza del Presidente dell’Autorità Portuale Marina Monassi, si è svolto il cambio ai vertici della Fondazione Istituto di Cultura Marittimo Portuale di Trieste (ICMP), di cui l’Amministrazione Portuale è socio unico.

Il nuovo Presidente è Alfonso Maria Rossi Brigante, che ha rivestito numerosi incarichi prestigiosi nel corso della sua carriera ed attualmente è Presidente della Società Gestore Mercati Energetici (GME), alla quale sono affidate, tra l’altro, l’organizzazione e la gestione economica del mercato elettrico nazionale.

La Fondazione ICMP è stata costituita nel 2009 al fine di valorizzare i beni culturali del Porto Vecchio e di contribuire allo sviluppo del comparto marittimo portuale attraverso attività formative e azioni di promozione quali convegni, dibattiti e seminari di studio. Finora l’attività della Fondazione è stata centrata principalmente sulla realizzazione di corsi di formazione professionale in ambito marittimo-portuale.

La nomina di Rossi Brigante a Presidente della Fondazione, pur senza tralasciare le iniziali finalità statutarie, rende evidente l’intenzione di inaugurare nuove aree di sviluppo collegate anche alle linee guida che il socio Autorità Portuale vorrà indicare per il futuro,  affiancando tale attività con risorse adeguate, mirate a specifiche iniziative condivise.

La volontà dei due vertici è quella di valorizzare l’ambito del Porto Vecchio con percorsi rispettosi degli aspetti naturalistici ed ambientali, che abbiano anche ricadute di natura economica sull’intero territorio. In questo contesto si inseriscono la possibile partecipazione al progetto Colibrì e la volontà di aprire al pubblico, adeguatamente allestita, la Centrale Idrodinamica il cui restauro architettonico si prevede termini nei primi mesi del 2012. Parallelamente si completerà l’iter necessario alla prevista musealizzazione con apertura al pubblico del sommergile Fecia di Cossato.

In queste azioni la Fondazione sarà soggetto facilitatore per realizzare quei progetti che avranno caratteristiche di “cantierabilità”,  ponendosi come cerniera di relazioni tra i diversi soggetti pubblici e privati interessati, senza per questo interrompere la propria “mission” istituzionale che viene da oggi di fatto  ampliata.

Il Comitato di Indirizzo ha nominato anche gli altri componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione nelle persone di Renato Cristin (Professore di Filosofia Teoretica dell’Università di Trieste) e Antonio De Paolo (Presidente regionale FIAIP).

Leggi anche:

  1. Il settore marittimo inglese naviga in acque agitate
  2. Demanio Marittimo abbandonato?
  3. Trivellazioni off shore: domani vertice con il ministro Prestigiacomo
  4. Porto di Venezia: inaugurato l’anno portuale
  5. Soprintendenza del Mare: strumento per la tutela della cultura e dell’ambiente del mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4169

Scritto da Redazione su set 23 2011. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab