Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: diminuiscono passeggeri e merci

Porto di Ancona: diminuiscono passeggeri e merci

Nei primi otto mesi del 2011 il traffico merci al porto di Ancona si è mantenuto in sostanza sui livelli dello scorso anno (5,7 milioni di tonnellate; -0,7% rispetto allo scorso anno) mentre ha fatto segnare una sensibile diminuzione quello di passeggeri (1.190.716; -6%). Quest’ultimo calo ha riguardato principalmente la direttrice greca con 747.638 transiti (-83.627 persone; -10%).

MERCI - In consistente aumento è risultata la movimentazione di merci liquide (petrolio e derivati) in arrivo e partenza presso la Raffineria Api di Falconara: oltre 3 milioni di tonnellate, pari a +3,3% rispetto al 2010.

In crescita anche le merci che viaggiano sui containers (612.394 tonnellate, +10,4%) e sui tir (1,7 milioni di tonnellate; +6,4%). In lieve calo, invece, imbarchi e sbarchi di tir e trailer (109.847; -2,9%). «Ciò – osserva in una nota il segretario generale dell’Autorità portuale Tito Vespasiani – testimonia che, in conseguenza della grave crisi economica internazionale, aumenta la concentrazione dei carichi».

Un ulteriore dato positivo riguarda il traffico di contenitori: da gennaio ad agosto 2011 sono stati 79.427 Teu (Twenti Equivalent Unit, unità di misura dei containers), pari a + 9,3%. Un brusco calo l’hanno invece fatto segnare le merci rifuse solide a causa della contrazione del traffico di cereali e carbone: sono state movimentate complessivamente 318.925 tonnellate, pari a -48% rispetto al 2010.

PASSEGGERI – Nei primi otto mesi dell’anno i transiti di passeggeri nello scalo dorico sono diminuiti del 6% e in particolare quelli diretti o provenienti dalla Grecia. Questo è dipeso, spiega l’Autorithy, «sicuramente dalla forte instabilità economica e sociale di tale Paese, tanto che la contrazione del traffico si registra anche verso lo scalo di Bari, secondo principale collegamento tra Grecia e Italia». In controtendenza, il traffico passeggeri da e per la Croazia con 298.981 persone che segna una crescita dell’8%.

Leggi anche:

  1. Porti del Nord Sardegna: calo vicino al 30% per i passeggeri ad Olbia
  2. Porto di Ancona: nei primi 5 mesi crestita supera 9%
  3. Ancora crisi per i porti del Nord Sardegna: a maggio diminuiscono i passeggeri
  4. Porto di Ancona: febbraio fa registrare un calo di merci
  5. BARI PRIMO PORTO DELL’ADRIATICO PER PASSEGGERI E CABOTAGGIO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4300

Scritto da Redazione su set 28 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab