peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: Invitalia promuove intesa con Shenzen

Porto di Taranto: Invitalia promuove intesa con Shenzen

Uno scambio di competenze finalizzate a sviluppare i traffici commerciali tra il porto di Taranto e quello di Shenzhen. Questo il contenuto del Memorandum of Understanding che l’Autorità Portuale di Taranto e la Shenzhen Port Authority sigleranno il prossimo 12 ottobre a Shenzhen, grazie all’impegno di Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa.

L’accordo rientra nell’ambito di una serie di attività di promozione congiunta dell’Autorità Portuale con l’Agenzia nell’area di Shenzhen finalizzate ad attrarre investimenti esteri nel nostro Paese. La firma avrà come cornice la China International Logistics Fair 2011 (CILF), una delle più importanti fiere cinesi dedicate al settore della logistica, sponsorizzata dal Governo della Repubblica Popolare cinese e dalla Municipalità di Shenzhen.

A questa importante piattaforma di networking parteciperà una nutrita delegazione italiana organizzata da Invitalia e che vede, oltre all’Autorità Portuale di Taranto (presente in fiera con un proprio stand), anche Assoporti, Uir, l’Autorità Portuale di Augusta, i porti liguri con Ligurian Ports, l’Interporto Marche e l’Interporto Regionale della Puglia.

Il Protocollo di Intesa tra il Porto di Taranto e il Porto di Shenzhen si inserisce, fra l’altro, in un percorso finalizzato ad istituire rapporti di collaborazione e partenariato, già avviato dal Presidente della Regione Puglia con la provincia cinese del Guangdong (la cosiddetta fabbrica del mondo), una delle regioni più ricche della Repubblica Popolare Cinese e dell’intera Asia.

Accanto ai temi già promossi dalla Regione Puglia, quali intermodalità e logistica, energie rinnovabili, turismo, valorizzazione del patrimonio culturale, industria e cultura creativa, il protocollo tra i due maggiori porti sancisce anche un consolidamento dei rapporti commerciali e l’istituzione, quindi, di un ponte d’oltremare, canale privilegiato per lo sviluppo dei traffici marittimi, finalizzato, quindi, alla crescita del’Economia delle relative regioni attraverso l’import/export.

Per Invitalia, l’accordo tra i due porti conferma l’impegno dell’Agenzia nel settore della logistica, con particolare riferimento al mercato cinese. Si tratta di un altro tassello nella strategia di promozione dei porti e degli interporti italiani come sede di investimenti esteri. “La partecipazione dell’Agenzia al CILF 2011 – afferma Giuseppe Arcucci, Responsabile Inward Investment di Invitalia – è stata impostata in termini di sistema grazie alla collaborazione strutturata con Assoporti e Uir.

Oltre all’accordo che siglerà l’Autorità Portuale di Taranto, sono previsti per la delegazione italiana una serie di incontri con i principali terminalisti del porto di Shenzhen. Inoltre, il giorno 13 la delegazione si recherà in visita al porto di Canton per presentare le opportunità di investimento in Italia nel settore della logistica e per una visita al medesimo porto.
Peraltro, le numerose richieste di incontro ricevute nel frattempo dall’Agenzia da parte di molti operatori cinesi presenti in fiera confermano il livello qualitativo dell’iniziativa di sistema avviata”.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: presente anche al China International Logistics Fair 2011
  2. Porto di Taranto: accordo con la Cina
  3. Porto di Taranto: approvato il Piano operativo triennale
  4. Porto di Taranto: domani firma per la Piastra logisitica
  5. Porto di Salerno: il 20% a Invitalia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4657

Scritto da Redazione su ott 11 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab