peyrani
Home » Authority, News, Nord » Trieste Terminal Passeggeri: cessione del 60% delle azioni

Trieste Terminal Passeggeri: cessione del 60% delle azioni

Oggi, 19 ottobre, è stato siglato il contratto per la cessione del  60% del capitale sociale della Trieste Terminal Passeggeri SpA tra l’Autorità Portuale di Trieste e la Trieste Adriatic Maritime Initiatives srl, società costituita ad hoc da Unicredit (31%), Costa Crociere (29%), Giuliana Bunkeraggi (15%), Reguardia (15%) ed Assicurazioni Generali (10%). Come noto, l’operazione è stata portata a termine a seguito di una procedura ad evidenza pubblica di cui TAMI è risultata aggiudicataria.

Il piano industriale presentato da TAMI in corso di gara presuppone un forte rilancio di due core- business fondamentali: quello crocieristico e quello comunemente identificato come industria degli eventi (MICE). Per quanto riguarda il primo, l’obiettivo è la creazione di un hub turistico per lo sviluppo del mercato crocieristico dell’Europa Centrale e Orientale.

er quanto riguarda il secondo, si lavora nella prospettiva di una forte implementazione dell’attività congressuale e di eventi culturali, con un particolare focus su quelli vocati al mare e alle eccellenze del territorio, identificando Stazione Marittima e Molo Quarto quali parti di un progetto complessivo di riqualificazione del waterfront cittadino.

Per il rilancio di TTP si punterà da un lato all’internazionalizzazione delle attività – con un particolare ma non esclusivo interesse verso i mercati confinanti – dall’altro a rendere maggiormente attrattivo il territorio con azioni mirate alla promozione dell’immagine di Trieste, quale approdo caratterizzato da una buona offerta di itinerari turistici, culturali, naturalistici ed enogastronomici.

L’Autorità Portuale – ora socio al 40% della società TTP – accompagnerà questo percorso con una serie di interventi infrastrutturali che troveranno sostegno economico finanziario anche nell’ambito delle proposte di Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS). In tale contesto, l’Autorità Portuale ha presentato al Comune di Trieste tre idee progettuali legate all’attività crocieristica e congressuale:

•       Riqualificazione urbana delle aree demaniali marittime delle Rive di Trieste, finalizzata al ripristino della passeggiata a mare nel tratto compreso tra la Capitaneria di Porto e il molo Sartorio.

•       Restauro degli Scalandroni sul molo Bersaglieri, volto al recupero storico monumentale, ma anche funzionale, delle passerelle già destinate allo sbarco dei passeggeri dalle navi da crociera.

•       Elettrificazione del molo Bersaglieri per garantire l’alimentazione elettrica da terra delle navi da crociera (cold ironing) sulla falsariga di quanto è già avvenuto nei principali porti europei.

L’Autorità Portuale è inoltre intervenuta nei confronti della società esecutrice dei lavori di riconversione del Magazzino 42 in Stazione Marittima, affinché gli stessi siano ultimati entro la primavera 2012, in modo da consentire l’utilizzo della struttura per la prossima stagione crocieristica.

Leggi anche:

  1. Porto di Trieste: Magazzino 42 pronto per la prossima stagione crocieristica
  2. Porto di Trieste: il traffico container aumenta del 74%
  3. Italian Cruise Day: il primo forum nazionale sulla crocieristica al Terminal Passeggeri di Venezia il 28 ottobre
  4. Fondazione Istituto di Cultura Marittimo Portuale di Trieste: cambio al vertice
  5. Porto di Venezia: inaugurato il Terminal Isonzo II

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4802

Scritto da Redazione su ott 19 2011. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab