Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: finita la protesta dei lavoratori del Tct

Porto di Taranto: finita la protesta dei lavoratori del Tct

Terminata ieri notte la protesta degli oltre 160 lavoratori del Taranto container terminal, del gruppo Evergreen-Hutchinson, la società ha deciso di sospendere le procedure di mobilità, chiedendo anche alle organizzazioni sindacali di attivarsi per aprire due tavoli di confronto: uno presso la prefettura di Taranto e l’altro presso la Regione Puglia.

Lo sciopero di 24 ore è terminato alle 7 di oggi. I segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil si sono recati dal prefetto Carmela Pagano per chiedere un incontro del primo tavolo tecnico. È probabile che si ricorra alla cassa integrazione per i lavoratori dichiarati in esubero.

Era stato lo stesso presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, martedì scorso, a chiedere la sospensione dei licenziamenti promettendo il rapido insediamento di un tavolo tecnico per riprogrammare tutti gli interventi pubblici e privati per il rilancio del porto di Taranto e delle attività di terminal container.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: i lavoratori occupano sede del Tct
  2. Porto di Taranto: comitato portuale sui licenziamenti del Tct
  3. Porto di Taranto: Piano industriale del Tct
  4. Porto di Taranto: accordo con la Cina
  5. Porto di Taranto: Sergio Prete verso la nomina all’Autorità portuale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5393

Scritto da Redazione su nov 17 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab