peyrani
Home » Authority, News, Nord » Fincantieri: Merlo chiede di non costruire navi in altri cantieri

Fincantieri: Merlo chiede di non costruire navi in altri cantieri

«Tra gli armatori c’è un giudizio positivo sulle capacità produttive dello stabilimento di Sestri, eppure Fincantieri parla sempre di costruire navi in altri cantieri».

Il presidente dell’Autorità portuale di Genova, Luigi Merlo, chiede certezze sul futuro del cantiere navale a margine del consiglio provinciale di questa mattina interamente dedicato al porto di Genova.

«Ho notato discussioni cicliche sul fatto che a Sestri si possa fare altro, dalle carceri agli impianti per l’energia, ma non ci sono atti formali conseguenti, non ci sono progetti o piani d’impresa», insiste il presidente dell’Authority, che è titolare di quelle aree portuali. «Se c’è anche solo una possibilità di passare dalle parole ai fatti – aggiunge – allora la comunità portuale esaminerà con piacere le proposte.

Ma se non c’è nulla, vorrei sapere che cosa succederà in quel cantiere a partire da marzo, quando cioè verrà terminata l’ultima nave in costruzione». I lavoratori, intanto, hanno annunciato per domani mattina uno sciopero, con corteo verso la prefettura.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: Pinotti chiede impegno del governo
  2. Fincantieri: Merlo e Bagnasco incontrano Compagnia unica
  3. Fincantieri: Cgil chiede incentivi al governo
  4. Porto di Genova: Burlando chiede autonomia fiscale
  5. Fincantieri: Bersani chiede un nuovo Piano industriale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5568

Scritto da Salvatore Carruezzo su nov 23 2011. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab