Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: Minervini annuncia impegni concreti

Porto di Taranto: Minervini annuncia impegni concreti

“Per il porto di Taranto è un momento delicatissimo, c’è la consapevolezza dei rischi occupazionali ma questa vicenda non può essere vissuta in termini di riduzione del danno”. È stata questa la premessa dell’assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini in apertura del tavolo tecnico riunito oggi a Bari con il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, il Presidente dell’autorità portuale Sergio Prete, i responsabili della Tct, i rappresentanti della provincia e dei sindacati confederali.

“Siamo in un passaggio chiave per rilanciare le potenzialità del porto di Taranto – ha spiegato Minervini – dobbiamo ridurre lo scarto che avvertiamo tra le potenzialità e la realtà che si consuma sulle banchine. La Tct ha ribadito la volontà di investire. L’obiettivo è straordinariamente ambizioso, fare in tre anni quello che non è stato fatto negli ultimi quindici”. La riunione si è aperta subito con una buona notizia.

La realizzazione della vasca di colmata, intervento propedeutico alla realizzazione dei dragaggi potrà andare immediatamente in cantiere perché sono stati riassegnati i 9 milioni  di finanziamento grazie alla conclusione, nei giorni scorsi, dell’accordo regione-governo. Inoltre la Regione, riconoscendo una priorità assoluta, si è impegnata ad attivare procedure accelerate per l’approvazione del Piano regolatore portuale.

Per la progettazione e l’esecuzione dei lavori più complessi: il dragaggio, la banchina, la realizzazione della diga foranea, dal tavolo tecnico è arrivata la richiesta al governo di attivare le procedure straordinarie, attraverso il ricorso ad un commissario ad acta, al fine di ridurre gli ostacoli e abbattere i tempi.

Nei prossimi giorni il tavolo tornerà a riunirsi per redigere l’agenda di lavoro e il cronoprogramma delle scadenze. “Ci aspettiamo – conclude Minervini – che tutto questo produca la revoca dei provvedimenti di licenziamento dei lavoratori”.

Foto: Simone Rella

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: Minervini convoca il tavolo tecnico per domani
  2. Porto di Taranto: finita la protesta dei lavoratori del Tct
  3. Porto di Taranto: i lavoratori occupano sede del Tct
  4. Porto di Taranto: comitato portuale sui licenziamenti del Tct
  5. Porto di Taranto: domani firma per la Piastra logisitica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5572

Scritto da Redazione su nov 24 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab