peyrani
Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: protocollo per l’ex Bunge

Porto di Ancona: protocollo per l’ex Bunge

Creare le migliori condizioni per nuovi investimenti privati capaci di riassorbire i livelli occupazionali dello stabilimento Bunge di Ancona (che lavorava semi oleosi), e rilanciare le attività portuali.

Sono gli obiettivi del protocollo di intesa siglato oggi dall’assessore al Lavoro della Regione Marche Marco Luchetti, dal presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, dal sindaco di Ancona Fiorello Gramillano, dall’Autorità portuale del capoluogo, dai rappresentanti della Bunge Italia e delle organizzazioni sindacali.

Il protocollo impegna l’Autorità portuale a completare le procedure di acquisizione delle aree e dei terreni della Bunge nell’ambito portuale, per un’estensione totale di 48.000 metri quadrati. Acquisita la proprietà, l’Authority avvierà un bando per la presentazione di progetti di investimento sull’area Bunge, con una premialità per le proposte che prevedano la riassunzione dei lavoratori ex Bunge.

Prima dell’assegnazione, il progetto di razionalizzazione e di riorganizzazione dello spazio portuale, insieme alla proposta di conferimento, saranno sottoposti al Comitato portuale. La Regione e la Provincia di Ancona si impegnano a sostenere l’eventuale attività formativa per il reinserimento dei lavoratori. Il Comune a modificare le norme tecniche di attuazione del Prg per consentire interventi adeguati; la Provincia, inoltre, si impegna a facilitare la conclusione dei procedimenti urbanistici.

L’Autorità portuale introduce come criterio preferenziale per assegnare i magazzini liberi dell’ex Tubimar, l’impegno ad assumere personale della Bunge. «Un accordo importante che aiuta a trovare una soluzione per favorire il ricollocamento dei personale – commenta Luchetti -: l’area portuale dello stabilimento ha una collocazione strategica e può risultare di interesse per nuovi investimenti; dispone di tutte le caratteristiche utili per favorire iniziative imprenditoriali nel settore delle attività industriali e portuali, in grado di garantire il massimo riassorbimento del personale.

Con la chiusura dello stabilimento Bunge e la conseguente cessazione di sbarco dei semi oleosi, il porto di Ancona ha subito una perdita complessiva annua di 400 mila tonnellate di merce movimentata e di circa 20 scali di unità navali di elevato tonnellaggio.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: il Comune non vuole attività portuali a Camerano
  2. Porto di Ancona: chiesta sospensione per imposta demaniale
  3. Porto di Ancona: accordo tra Authority e regione su dragaggi
  4. Porto di Ancona: nei primi 5 mesi crestita supera 9%
  5. Porto di Ancona: Canepa assicura i livelli occupazionali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5605

Scritto da Salvatore Carruezzo su nov 25 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab