peyrani
Home » Authority, Centro, News » Porto di Livorno: potenziamento della rete ferroviaria al servizio del porto

Porto di Livorno: potenziamento della rete ferroviaria al servizio del porto

Entro la fine del 2012 si concluderanno gli adempimenti preliminari, le richieste di autorizzazioni e pareri, l’attività negoziale e la presentazione dei progetto. Poi inizieranno i lavori veri e propri ed entro il 2015 il porto di Livorno (dalla Darsena Toscana) avrà nuovi arredi ferroviari e un collegamento ferroviario diretto con la linea Roma-Genova (lato Pisa).

Il presidente della Toscana Enrico Rossi e l’amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, Michele Mario Elia, alla presenza dell’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, hanno sottoscritto oggi insieme al presidente dell’Autorità portuale di Livorno Giuliano Gallanti, l’assessore alle opere pubbliche di Livorno Bruno Picchi ed al presidente della Provincia di Livorno Giorgio Kutufà un protocollo d’intesa che aggiorna accordi presi nel novembre 2008 e conferma le risorse destinate all’intervento dettando tempi certi per la realizzazione dell’opera.

Il documento stabilisce un dettagliato cronoprogramma e vincola le risorse regionali al rispetto rigoroso dei tempi prefissati. Si stabilisce anche che in caso di ritardi che rendano incompatibili i tempi di realizzazione con quelli di rendicontazione dei fondi POR-FESR, i 33 milioni di euro della Regione saranno destinati ad altre opere. Entro marzo 2012 sarà verificato lo stato di attuazione degli interventi per avere la certezza del rispetto dei tempi dettati dal cronoprogramma.

Il potenziamento delle strutture ferroviarie della Darsena e dei collegamenti tra il principale porto toscano e la linea ferroviaria Roma-Genova era atteso dal 2008, da quando Regione Toscana, Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e Ferrovie dello Stato firmarono un protocollo d’intesa in cui la Toscana si impegnava a destinare a quest’opera 33 milioni di fondi europei POR-FESR ed il Ministero le dedicava 7 milioni di euro di risorse statali.

Il Governo ha stanziato queste risorse con decreto ministeriale n.1066 in data 23 dicembre 2010 (registrato alla Corte dei Conti in data 4 febbraio 2011), nell’ambito del programma di interventi per il potenziamento dei collegamenti tra i porti e la rete ferroviaria. Rete ferroviaria italiana ha avviato la progettazione, nel corso della quale sono emerse alcune criticità collegate alla bonifica di aree comprese nel SIN del porto di Livorno.

Per risolvere questi problemi sono stati individuati alcuni interventi specifici (ad esempio il consolidamento della vasca di colmata, a carico dell’Autorità portuale di Livorno), considerati come propedeutici e preliminari all’avvio dei lavori per il potenziamento dei collegamenti ferroviari.

Leggi anche:

  1. Porto di Livorno: riqualificazione per tre porticcioli
  2. Porto di Brindisi: l’Authority punta sulla rete Ten-T
  3. Porto di Livorno: la Regione punta sullo scalo
  4. Porto di Livorno: ecco il nuovo Livorno refeer terminal
  5. Porto di Livorno: pronto il veliero a emissioni zero

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5742

Scritto da Redazione su dic 1 2011. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab