Home » Authority, Centro, News » Porto di Pescara: Mascia chiede tempi brevi alla procura

Porto di Pescara: Mascia chiede tempi brevi alla procura

Il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e il capogruppo Pdl Lorenzo Sospiri intervengono sulla vicenda del porto di Pescara in riferimento alla nuova protesta odierna della marineria contro il ritardato dragaggio dello scalo di Pescara dopo lo stop ordinato dalla Procura della Repubblica de L’Aquila.

Sindaco e capogruppo spiegano che «La Procura de L’Aquila ha il diritto e il dovere di effettuare le proprie indagini per chiarire ogni aspetto legato al dragaggio del porto e alla qualità dei fanghi, ma alla stessa Procura chiediamo celerità, garantendo l’incidente probatorio sulle controanalisi in tempi rapidissimi per mettere il Commissario straordinario Testa nelle condizioni di sapere in modo definitivo se potrà scaricare in mare quei fanghi dragati o se dovrà ricorrere al Piano B, ovvero una discarica a terra.

Se dovesse prevalere la seconda ipotesi la Regione Abruzzo ha già avviato le procedure per attrezzare allo scopo l’ex discarica di Pianella. Non basta: già stamane abbiamo assunto contatti con l’assessore alla Pesca Mauro Febbo che si è attivato per individuare e stanziare un fondo integrativo da assegnare alla marineria quale risarcimento per il ritardo nel dragaggio e nelle prossime ore sarà lo stesso assessore Febbo a convocare le Associazioni di categoria per illustrare tempi e modalità di erogazione della somma.

Mentre nella finanziaria regionale è stato stanziato un ulteriore milione di euro destinato al dragaggio: la somma consentirà di incrementare la quantità di fanghi da dragare o, in alternativa, di coprire l’incremento dei costi per l’eventuale trasporto dei fanghi in discarica.

Comune di Pescara e Regione Abruzzo stanno continuando a lavorare per supportare una marineria sicuramente sfiancata, stanca ed esasperata, ma alla marineria torniamo a chiedere unità e collaborazione: solo continuando la lotta insieme potremo giungere a un risultato, il dragaggio e la salvezza del porto, individuando, nel frattempo, delle misure di sostegno strategiche che consentano ai pescatori di andare avanti. Domani, alle 11, incontreremo una delegazione della marineria stessa in Comune per decidere insieme i nuovi passi da compiere».

Leggi anche:

  1. Porto di Pescara: i fanghi del dragaggio non sono tossici
  2. Porto di Pescara: Testa chiede intervento a Monti
  3. Porto di Pescara: sequestrata draga per i lavori
  4. Porto di Pescara: si allungano i tempi per il dragaggio
  5. Porto di Pescara: i dragaggi partiranno a metà settembre

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6421

Scritto da Redazione su gen 2 2012. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab