Home » Authority, News, Nord » Porto di Savona: piattaforma Maersk, a maggio ricorso Vado

Porto di Savona: piattaforma Maersk, a maggio ricorso Vado

Il Tar della Liguria ha fissato per il prossimo 17 maggio l’udienza per la decisione sul ricorso che il Comune di Vado Ligure ha presentato lo scorso novembre contro il decreto 3164 con cui la Regione Liguria ha autorizzato i lavori di dragaggio dei fondali della rada di Vado, necessari per la realizzazione della mega piattaforma Maersk.

Il terminalista Atm Maersk prevede di cominciare i lavori di dragaggio nel secondo semestre del 2012, poiché la sentenza verrà pronunciata prima non è stato necessario per il Tar pronunciarsi sulla richiesta di sospensiva presentata dal Comune di Vado.

Oltre alla contrarietà ai dragaggi del Comune di Vado Ligure, la mega piattaforma multipourpose ha scatenato le ire di ambientalisti e comitati locali; la comunità vadese appare estremamente divisa tra chi considera l’opera troppo impattante sull’ambiente e chi preferisce pensare che quando sarà a pieno regime il terminal impiegherà 645 addetti.

Nel 2008 ci fu addirittura un referendum sulla realizzazione della piattaforma, parteciparono alla consultazione il 50% dei residenti di Vado, e il 60% di loro votò per bocciarla, ma quel referendum non aveva carattere vincolante, lo avrà invece, ovviamente, la sentenza del Tar sui dragaggi, che in molti a Vado, sia tra i favorevoli che tra i contrari, attendono con preoccupazione.

Intanto l’Autorità portuale di Savona fa sapere che, anche se i lavori di dragaggio non cominceranno prima di Settembre, i lavori per la realizzazione della piattaforma sono già in corso e proseguiranno regolarmente. La nuova piattaforma Maersk, realizzata da APM Terminals, varrà investimenti per 300 milioni di euro pubblici più 150 messi sul piatto da Maersk, e rappresenta un’ infrastruttura necessaria secondo AP Savona, che intende concentrare tutto lo sviluppo futuro dello scalo merci sull’area di Vado.

Tra l’altro, a riprova del fatto che AP Savona e Maersk fanno sul serio, sul sito internet dell’Autorita’ Portuale di Savona, all’indirizzo web www.porto.sv.it, e’ attivo lo sportello del lavoro per il reclutamento del personale specializzato che dovrà lavorare nel nuovo terminal.

Un mese fa c’è stata la firma dell’accordo quadro sull’occupazione fra le segreterie di Cgil, Cisl e Uil, APM Terminals, Compagnia portuale e Autorità portuale di Savona, che prevede che le manifestazioni di interesse saranno esaminate e valutate di concerto tra gli enti sottoscrittori, e verrà data priorità ai residenti nel comprensorio Vadese, soprattutto a disoccupati e lavoratori in mobilità.

Matteo Bianchi

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=6684

Scritto da su Gen 17 2012. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab