Home » Authority, News, Nord » Porto di Trieste: i risultati di Alpe Adria

Porto di Trieste: i risultati di Alpe Adria

L’Autorità Portuale di Trieste – nell’ambito delle competenze istituzionali previste dall’art. 6, comma 6, L. 84/94, ulteriormente ribadite sul piano strategico dal recente decreto “salva Italia” (artt. 46 e 47) del Governo nazionale – ha proceduto ad una verifica puntuale delle attività svolte dalla partecipata Società Alpe Adria in ordine allo sviluppo dei collegamenti intermodali da e per il porto di Trieste.

A tale fine, nel corso di un incontro operativo tra la Presidente dell’Autorità Portuale di Trieste, Marina Monassi e l’Amministratore Delegato di Alpe Adria, Antonio Gurrieri, si è fatto il punto sui risultati del 2011 e sono state tracciate le linee per il mantenimento dei prodotti strategici e l’avvio delle nuove iniziative in linea con la politica comunitaria sui grandi corridoi del “core-network” TEN-T.

Nel 2011 il trasportato complessivo di Alpe Adria ha superato i 211.000 TEUs, con un incremento del 17% rispetto al 2010, dato sostanzialmente in linea con le previsioni del “Piano Operativo” a suo tempo approvato dagli Organi di Alpe Adria.
Il risultato economico in termini di fatturato si è attestato attorno ai 32 milioni di Euro, con una crescita pari al 24% rispetto al 2010, indice che evidenzia anche un significativo recupero sul piano della remuneratività dei servizi ed un miglior rendimento nel rapporto con le risorse investite.

I prodotti attualmente in esercizio (v. all. tabella) coprono quasi l’intero arco dei collegamenti sul mercato nazionale ed internazionale del porto di Trieste, operati direttamente dalla Società e, per i mercati esteri consolidati, in joint con altri operatori logistici ed in sinergia con il Terminal Contenitori di Trieste.

Per quanto riguarda le iniziative di gestione ed avvio dei servizi intermodali per il 2012 – che sulla scorta dei mezzi finanziari da investire impegnati nella legge Finanziaria regionale 2012-2014 potranno essere assicurati su base annua – l’Autorità Portuale di Trieste ha fissato il criterio prioritario che Alpe Adria dovrà seguire nella sua attività operando con soggetti in grado di garantire volumi utili a sostenere la regolarità dei prodotti, nonché un alto indice di saturazione dei convogli mediante impegni di acquisto di treni completi bilanciati e/o di spazi treno proporzionalmente significativi, con l’obiettivo di migliorare ulteriormente il rapporto costi/ricavi ed ottimizzare l’impiego delle risorse.

Relativamente alle nuove iniziative, di particolare rilievo sono il ripristino del collegamento con Milano, attuato mediante l’estensione “on cargo inducement” dei servizi su Padova e, sul mercato internazionale, l’avvio del collegamento a lungo raggio Trieste-Rostock, lungo la direttrice del Corridoio 1 (Adriatico-Baltico) del “core-network” TEN-T.

Questo ultimo prodotto è previsto realizzarsi attraverso un percorso graduale attuato, in una prima fase, mediante l’aggregazione di tre segmenti operativi Trieste-Villach, Villach-Wels e Wels-Rostock e viceversa, con una resa complessiva intorno alle 65 ore e, successivamente, con l’integrazione del primo e del secondo segmento (Trieste-Wels diretto) per completarsi attraverso l’ulteriore integrazione del terzo segmento (Trieste-Rostock), raggiungendo una resa finale intorno alle 36 ore.

L’altro comparto strategicamente rilevante è rappresentato dal consolidamento e sviluppo dei collegamenti intermodali terra-mare da estendere progressivamente all’intero bacino Nord Adriatico, con particolare attenzione al versante costiero orientale dell’Adriatico, a servizio dell’intera area balcanica; fattore quest’ultimo determinante per poter prospettare ai grandi operatori dello shipping l’utilizzo dello scalo di Trieste quale hub di interscambio per i flussi del traffico in uscita ed in entrata dal Mediterraneo (via Suez) da/per i mercati emergenti dell’Europa Centro-Orientale.

Si sta inoltre valutando l’ipotesi di poter integrare il pacchetto dei servizi intermodali offerti da Alpe Adria ai clienti armatori, mediante l’inclusione di altri prodotti complementari, in linea con le potenziali aspettative del mercato e con l’obiettivo soprattutto di contenere la concorrenza dei vicini scali esteri.

Leggi anche:

  1. Porto di Trieste: traffico container in aumento al molo VII
  2. Trieste Porto Blu: workshop il 25 novembre
  3. Porto di Trieste: firmato Memorandum d’intesa con Busan
  4. Porto di Trieste: Authority sigla accordo con il porto di Rostock
  5. Porto di Trieste: sabato parte la Staffetta nautica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6865

Scritto da Redazione su gen 26 2012. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab