Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: i silos del porto saranno abbattuti

Porto di Ancona: i silos del porto saranno abbattuti

Dopo la morte di un lavoratore portuale di sei giorni fa, Ancona si è decisa ad abbattere i silos per i cereali, cambiando decisamente lo skyline del porto.

Presenti a filo di banchina da oltre mezzo secolo, questi manufatti servivano e servono per lo scarico di cereali da navi;  la delibera per la demolizione del primo silos è già operativa e sarà a cura della Consar, azienda portuale che opera nel settore della movimentazione dei container.

In molti porti dell’Adriatico questi grandi contenitori di prodotti cerealicoli hanno fatto e fanno mostra di sé, dividendo l’opinione pubblica se conservarli o abbatterli. Oggi il settore della produzione  cerealicola per il trasporto nave è in diminuzione e per Ancona l’operatività dei silos è già ferma da due anni; mentre per Brindisi sono operativi ma non si conosce la frequenza precisa di attracchi di queste navi, anche se fino all’anno scorso era di una nave al mese.

Architetti sono da anni all’opera per una progettualità di trasformazione dei silos in “pezzi pregiati” di testimonianza di una architettura industriale passata; comunque sono sempre dei cilindri di cemento consumato dalle intemperie che occupano spazi e banchine che vanno recuperati.

L’Autorità Portuale di Ancona ha dato il via libera all’abbattimento a cominciare da quello lato mare e ieri vi è stata la visita ispettiva dell’ambiente e del silos: l’interno del silos è ridotto male, i pannelli elettrici, i comandi sono arrugginiti. I lavori sono stati affidati alla Moschini Demolizioni e dovrebbero terminare entro il mese di maggio, per un importo complessivo che si aggira attorno ai 250-300mila euro.

Si inizierà la demolizione partendo dall’alto fino a scendere in basso, previa la bonifica dall’amianto per le parti in eternit; poi sarà la volta delle gru e del nastro trasportatore che prelevava i cereali dalle navi per trasferirli nei silos. Dopo la demolizione, l’area  sarà bonificata per essere acquisita dall’Autorità portuale e per dedicarla a nuova destinazione. Si aspetta  l’ok operativo per i lavori da parte dell’AP di Ancona.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: calo di merci e passeggeri
  2. Porto di Ancona: anche il Comune nell’Osservatorio del porto
  3. Porto di Ancona: il Comune chiede di restare in Assoporti
  4. Porto di Ancona: accordo tra Authority e regione su dragaggi
  5. Porto di Ancona: in arrivo commessa da Fincantieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=7946

Scritto da Abele Carruezzo su mar 15 2012. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab