Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: pronti a realizzare i progetti di “cold ironing”

Porto di Venezia: pronti a realizzare i progetti di “cold ironing”

Nel corso del convegno internazionale «Shoreside Power Conference» tenutosi oggi a Venezia nelle strutture congressuali del Terminal Crociere, è emersa la pratica del così detto «Cold Ironing», l’alimentazione elettrica da banchina nei porti per le navi da crociera, come fattore sempre più strategico strategico e competitivo per il comparto crocieristico.

L’incontro è stato organizzato dall’European Cruise Council, associazione che riunisce le maggiori compagnie di crociera in Europa, e  da Venezia Terminal Passeggeri, società che promuove l’attività passeggeri nel Porto di Venezia, e vi hanno preso parte i massimi esperti internazionali , i rappresentanti istituzionali, fornitori di attrezzature ed operatori hanno fatto il punto sulle novità e gli sviluppi dei sistemi energetici eco friendly per il settore.

«Per il Porto Crociere di Venezia, – sostiene Roberto Perocchio, Amministratore Delegato della Venezia Terminal Passeggeri -, uno dei più importanti homeport (Porto di sbarco ed imbarco) al mondo, quarto nel ranking internazionale , lo sviluppo del cold ironing, sistema di alimentazione elettrica delle navi in banchina che consente di spegnere i motori ausiliari delle navi attraccate, eliminando le emissioni, è di fondamentale rilevanza per il futuro. Soprattutto alla luce di un equilibrio tra il miglioramento dei servizi portuali e la riduzione dell’impatto sull’ambiente. Ritengo che l’alimentazione da banchina, ha continuato Perocchio, possa essere in alcuni casi, la soluzione ideale per superare con successo i problemi di accoglienza delle navi in luoghi dove bisogna trovare il giusto compromesso tra le dimensioni delle stesse ed il delicato equilibrio ambientale. Abbiamo apprezzato lo sforzo che stanno facendo le compagnie di crociera per migliorare la qualità del carburante e il cold ironing è un ulteriore passo in questa direzione».

Nella sessione di apertura si sono analizzate alcune esperienze pilota nel settore, quali la presentazione di uno studio a cura della Princess Cruises e del Porto di Vancouver, concernente la loro esperienza di fornitura di alimentazione da banchina sulla costa occidentale del Nord America.

La Princess Cruises e`stata infatti la prima compagnia ad utilizzare questo strumento nei porti della costa occidentale americana nel 2001. Il suo direttore tecnico, Piero Susino, ha rilevato come sia necessario far luce sulle tariffe energetiche , che spesso rappresentano uno scoglio per lo sviluppo in questa direzione anche alla luce dei grandi sforzi economici delle compagnie per adattare le navi all’alimentazione da banchina la cui modifica può raggiungere anche la cifra di 1,5 milioni di dollari.

 

Matteo Bianchi

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: lunedì accordo per Marghera
  2. Porto di Venezia: accordo per la nuova edizione del Salone
  3. Porto di Venezia: studio per elettricità in banchina
  4. Porto di Taranto: pronti a realizzare la Piastra Portuale
  5. Porto di Venezia: inaugurato il Terminal Isonzo II

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8877

Scritto da Matteo Bianchi su apr 26 2012. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab