Home » Authority, News, Sud » Porto di Brindisi: il progetto “TEN-ECOPORT”

Porto di Brindisi: il progetto “TEN-ECOPORT”

“Ten-Ecoport” è il progetto approvato e finanziato nell’ambito del programma di cooperazione trans-nazionale SEE (South East Europe) che vede partecipe, tra i vari partners, l’Autorità portuale di Brindisi. Il nome attribuito a tale proposta è molto ambizioso ed esprime immediatamente quali siano i 2 pilastri su cui si fonda l’iniziativa: la sostenibilità ambientale e l’adesione alla rete trans-europea di trasporti TEN-T.

L’iniziativa, presentata lo scorso 25 novembre e approvata dal Monitoring Committee lo scorso 27 giugno, contribuisce allo sviluppo della cooperazione tra molte Autorità portuali delle aree del Mar Adriatico, del Mar Ionio e del Mar Nero. Sono ben 15, infatti, i partners che affiancheranno il Politecnico di Bari, ente capofila, per l’intera durata di vita del progetto (settembre 2012 – agosto 2014): oltre alle Autorità portuali del Levante e di Brindisi e al consorzio universitario UNIVERSUS (partners italiani), infatti, vi sono numerosi enti provenienti da Grecia, Bulgaria, Romania, Montenegro, Croazia e Albania.

I partners di progetto, cooperando per definire un modello “intelligente” e comune di eco-gestione delle rotte marittime, porranno in essere seminari,  attività educativo-formative e soprattutto implementeranno una piattaforma in grado di garantire la futura efficienza e sostenibilità delle reti del mare. La realizzazione di un web-GIS avanzato, inoltre, consentirà di monitorare e analizzare l’ecosistema portuale mediante dati del satellite. Allo scopo di garantire una gestione portuale ambientale intelligente Ten-Ecoport favorirà un sistema di relazioni, fattivo e sinergico, tra tutti gli operatori portuali.
Il Professor Hercules Haralambides dichiara che questo nuovo prestigioso progetto dimostra non solo la volontà dell’Autorità portuale di conformarsi alle moderne tecnologie, che incrementano l’efficienza e la qualità dei servizi portuali, ma anche l’importanza strategica che il porto di Brindisi assume nell’ambito della rete Ten-T e nel contesto marittimo e logistico del Mediterraneo.

Oltre ai programmi IPA (Instrument for pre-accession) e INTERREG (all’interno dei quali sono stati recentemente approvati 2 progetti in cui è parte l’Autorità portuale), il programma SEE  costituisce una fonte di finanziamento aggiuntiva cui l’ente portuale brindisino non ha voluto rinunciare. Con Ten-Ecoport, pertanto, l’Autorità portuale di Brindisi arricchisce ulteriormente il palmarès di progetti finanziati in ambito comunitario.

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: approvato il progetto Smart Tunnel
  2. Porto di Brindisi: Asi e Authority lavorano sul progetto della piattaforma logistica
  3. Ecoport 8: progetto per aumentare la prevenzione dai rischi ambientali lungo le rotte del sud-est europeo
  4. Porto di Brindisi: progetto per migliorare efficienza
  5. Porto di Brindisi: archiviato il ricorso contro il progetto del terminal a Costa Morena

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=10758

Scritto da Redazione su lug 24 2012. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab