Home » Authority, News, Sud » Porto di Gioia Tauro: sbloccati 5,8 milioni di euro

Porto di Gioia Tauro: sbloccati 5,8 milioni di euro

La Vicepresidente della Regione Antonella Stasi ha preso parte a Roma alla riunione, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, del Comitato di coordinamento dell’accordo di programma del 29/7/1994, per l’infrastrutturazione del Porto di Gioia Tauro. A seguito della riunione è stato sbloccato l’utilizzo delle somme residue del vecchio Accordo di programma sottoscritto nel 1994 tra Regione, Ministeri del Bilancio e dei Trasporti e Contship Italia S.p.a. Le risorse dell’Accordo sono state utilizzate negli anni ’90 per la realizzazione di importanti opere civili all’interno del porto, consentendo il concreto avvio del servizio di transhipment.

Rispetto alle risorse originarie previste nell’Accordo, pari a 132 miliardi di vecchie lire, permaneva un residuo di 15 miliardi di lire (pari a 7.7 milioni di euro) di cui 1,6 milioni di euro per lavori già effettuati e 5,8 milioni di euro non utilizzati in quanto destinate alla realizzazione degli alloggi per la capitaneria di porto e ad opere di completamento del porto, mai avviate per vari ritardi e ostacoli di carattere burocratico.

“Con la riunione di oggi – ha dichiarato la Vicepresidente della Regione Antonella Stasi – il Ministero dello Sviluppo Economico ha svincolato le risorse che saranno rese disponibili alla Regione Calabria per la realizzazione delle opere. E’ stato concordato che le risorse saranno utilizzate, oltre che per il completamento degli alloggi della Capitaneria di Porto, anche per l’acquisto di un locomotore ed altre attrezzature che miglioreranno la sicurezza dei lavori sul porto.

Sono molto soddisfatta per l’esito positivo della riunione – ha aggiunto la Vicepresidente Stasi – che ha consentito di recuperare risorse della Regione Calabria che precedenti Amministrazioni avevano tralasciato, rischiando di perderle definitivamente. Un risultato che il Presidente Scopelliti ha voluto perseguire insieme con i molteplici altri obiettivi a cui questo governo regionale sta lavorando Gioia Tauro”.

Alla riunione erano presenti, oltre ai rappresentati del Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione, anche l’Autorità Portuale (che la Regione ha individuato come soggetto realizzatore delle opere) e Contship Italia – MCT che ha in concessione la gestione del porto.

Leggi anche:

  1. Porto di Ravenna: in arrivo 60 milioni di euro di fondi Cipe
  2. Porto di Anzio: 200 milioni di euro di investimento
  3. Porto di Pescara: due milioni di euro per i dragaggi
  4. Porto di pescara: 2,8 milioni di euro per lo scalo
  5. Porto di Gioia Tauro: Scopelliti incontra Msc

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11613

Scritto da Redazione su set 13 2012. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab