peyrani
Home » Authority, News, Nord » TRENITALIA CARGO E ALPE ADRIA INVESTONO SUL PORTO DI TRIESTE

TRENITALIA CARGO E ALPE ADRIA INVESTONO SUL PORTO DI TRIESTE

Trenitalia Cargo e Alpe Adria investono sul Porto di Trieste: crescono da 4 (inizio 2012) a 32 treni  (fine 2012) sullo scalo del capoluogo giuliano. <Un Porto virtuoso in continua crescita attira l’attenzione – ha affermato il responsabile di Trenitalia Cargo, Osvaldo Bagnasco – e noi intercettiamo la crescita>. L’intenso lavoro di Alpe Adria, Autorità Portuale e Adriafer (che gestisce tutta la manovra ferroviaria in ambito portuale) stanno portando risultati immediati. <Il convoglio – ha precisato l’ad di Alpe Adria, Antonio Gurrieri -  ha una portata di 1.430 tonnellate, 547 metri, 16 vagoni per complessivi 32 camion: per ora 2 collegamenti a settimana, 3 entro fine 2012 per arrivare a 5 in primavera del 2013>.

<Sono i numeri del Porto di Trieste – ha precisato Marina Monassi, presidente dell’APT – che consentono di potenziare a fianco dei traffici i collegamenti ferroviari, in piena linea con quanto voluto dall’Unione Europea in fatto di intermodalità green a basso impatto ambientale con riduzioni di emissioni di anidride carbonica. Ma ci sono importanti novità anche sul fronte Rostock, dopo il protocollo firmato a ottobre 2011, siamo arrivati all’accordo di questi giorni che farà partire dal 9 dicembre del 2012 in fase sperimentale il collegamento Trieste-Monaco-Rostock per arrivare a regime a un collegamento diretto, dando piena attuazione a quel corridoio Baltico-Adriatico fortemente voluto dall’Unione Europea>. <A suggello – da parte di Gurrieri – la notizia che si sta lavorando anche su dei possibili collegamenti su Mosca>.

Dopo un test di prova effettuato nel mese di agosto, il 10 settembre 2012 è partito il nuovo servizio ferroviario combinato per il trasporto di trailers (semirimorchi stradali) sulla direttrice che collega il porto di Trieste al Lussemburgo, sulla tratta Bettembourg-Trieste-Bettembourg, gestito dalla Società Alpe Adria S.p.A., in collaborazione con la società ferroviaria lussemburghese CFL Cargo S.A. e quella italiana Trenitalia S.p.A., avviato in fase di start up con frequenza bisettimanale (2 treni round trip, da dicembre 3).

Alpe Adria ha assunto tale iniziativa nel quadro dell’ampliamento delle proprie attività di operatore logistico M.T.O. che cura la gestione e lo sviluppo dei collegamenti intermodali da e per il porto di Trieste.
L’organizzazione e la gestione dei convogli sarà assicurata da Alpe Adria e CFL con la seguente articolazione operativa: Alpe Adria si occuperà della tratta  Trieste-Monaco e viceversa, utilizzando quale vettore la società Trenitalia in joint con la sua partecipata TX Logistic per il tratto estero, mentre la lussemburghese CFL Cargo si occuperà della tratta Monaco-Bettembourg e viceversa, operando essa stessa in qualità di vettore ed MTO.

La terminalizzazione del servizio a Trieste è attestata sugli impianti ferroviari portuali del Terminal E.M.T. S.r.l. (Europa Multipurpose Terminals), società del gruppo Parisi che gestisce in concessione il Molo VI del Punto Franco Nuovo, operazione che vede direttamente coinvolta anche la società controllata dall’A.P.T. Adriafer, in qualità di gestore della manovra ferroviaria sugli impianti portuali.
Francesco Parisi, concessionario del molo VI dal 1994, si è dichiarato particolarmente soddisfatto del fatto che <Trenitalia è ritornata a credere sui traffici da e per il Porto di Trieste, riuscendo ad essere competitiva sul mercato>.

Il carico trasportato è costituito da semirimorchi stradali con provenienza e direzione da/per la Turchia via mare con i servizi Ro/Ro che scalano Trieste, appartenenti al Gruppo MARS Logistics, uno dei più grandi operatori del trasporto internazionale sulle direttrici che collegano il mercato europeo ai mercati turco e medio-orientale, rappresentata da Erdin Erengul che ha sottolineato l’intenzione di <lavorare ulteriormente alla crescita del Porto di Trieste, con ulteriori servizi ferroviari da e per lo scalo giuliano>.

L’avvio del collegamento si sta rivelando soddisfacente sia in termini di affidabilità che di transit time, per cui si ritiene che potrà a breve realizzarsi il programma di implementazione del servizio previsto dalle due Società, mediante il progressivo aumento dei convogli fino a raggiungere la frequenza di n. 5 treni round-trip a settimana.

Gli orari di circolazione del servizio, per quanto riguarda Trieste, nella prima fase di start-up, sono stati fissati su richiesta dei clienti, con la seguente articolazione:
-tratta Nord-Sud: partenza da Bettembourg alle ore 06:50 del martedì e del sabato, con arrivo a Trieste Campo Marzio alle ore 07:05 rispettivamente del mercoledì e della domenica;
-tratta Sud-Nord: partenza da Trieste Campo Marzio alle ore 19:50 del mercoledì e della domenica, con arrivo a Bettembourg alle ore 21:50 rispettivamente del giovedì e del lunedì.

Lo schedule definitivo della tratta Monaco-Bettemburg ed i relativi orari di arrivo/partenza a Bettembourg sono tuttora in fase di perfezionamento; da rilevare che i primi convogli sperimentali hanno garantito un transit-time complessivo per tratta pari mediamente a 25/26 ore.

Il servizio in questione, che si sviluppa  su di una percorrenza ferroviaria  complessiva pari a 960 Km, rappresenta un primo concreto esempio di estensione verso Nord del range di influenza del porto di Trieste sull’entroterra del Centro Europa, ed è stato inserito tra i “pilot projects” del recente studio “Transitects” (Transalpine Transport Architects), un progetto comunitario sviluppato dai paesi membri Italia, Austria, Germania e Slovenia nell’ambito del programma 2007-2013 Spazio Alpino a valere sui fondi ERDF-INTERRGE IV B.

Su diretta istanza di C.F.L. inoltre, detto servizio è stato positivamente valutato ed incluso nell’elenco dei progetti approvati dalla UE nell’ambito del programma Marco Polo II – call 2011 (MPII-2011/8) tra le iniziative finalizzate al trasferimento modale strada/rotaia.

Nell’ambito del programma generale di sviluppo dei collegamenti intermodali e combinati tra il porto di Trieste ed il suo hinterland, l’iniziativa in questione va ad inserirsi nel piano strategico attuato da Alpe Adria, anche su esplicito mandato dell’Autorità Portuale di Trieste che, a partire dagli inizi del 2012 ha visto realizzarsi la ripresa del collegamento con Milano ed il rafforzamento della direttrice su Padova, che di fatto ha assunto frequenza e caratteristiche da “Shuttle metropolitano”.

Di prossima realizzazione il collegamento transeuropeo con Rostock, servizio che sarà proposto ai clienti a partire dal mese di dicembre 2012 e che si concretizza quale primo prodotto del Corridoio TEN-T n. 1 Adriatico-Baltico; l’accordo operativo che attiva tale servizio è stato firmato a Rostock il 24 settembre scorso tra Alpe Adria e la Hafen-Entwicklungsgesellschaft di Rostock.
Altre iniziative sono allo studio per implementare i collegamenti con il Nord-Est italiano (Verona) e con la Slovacchia (Dobra), nonché – sulle direttrici a lunga percorrenza – con il mercato della C.S.I.

Leggi anche:

  1. Porto di Trieste: collegamento di Trenitalia
  2. Porto di Trieste: nota sulla riunione odierna del Comitato Portuale
  3. Porto di Trieste: traffico in aumento a marzo al molo VII
  4. Porto di Trieste: collaborazione tra Authority e TTP
  5. Porto di Trieste: i risultati di Alpe Adria

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11876

Scritto da Redazione su set 28 2012. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab