Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: bando per il Molo polisettoriale

Porto di Taranto: bando per il Molo polisettoriale

In data odierna, hanno fatto sapere dall’Autorità portuale di Taranto, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando per le opere di “riqualificazione del Molo polisettoriale di Taranto – Ammodernamento della banchina di ormeggio” e sono state avviate le procedure di evidenza pubblica per la prima delle opere previste nell’Accordo generale per lo sviluppo dei traffici containerizzati, sottoscritto a Roma il 20 giugno 2012, successivamente alla nomina del presidente dell’Autorità portuale quale commissario straordinario per le opere strategiche da realizzare nel porto di Taranto. Trattasi di un primo obiettivo raggiunto grazie al lavoro di Sergio Prete insieme alle autorità locali che hanno dimostrato di credere nella risorsa “porto” per la ripresa dell’economia jonica e nell’interesse dello sviluppo del Paese.

Inoltre è stata avviata dalle amministrazioni competenti l’istruttoria relativa ai progetti di dragaggio della banchina del Molo Polisettoriale e della Vasca di colmata per il contenimento dei fanghi, che terminerà nei primi mesi del 2013.  In data odierna, inoltre, sono iniziati i lavori rientranti tra quelli previsti nell’Opra strategica di interesse denominata Piastra portuale dell’hub portuale di Taranto: bonifica ordigni bellci, monitoraggi ambientali, demolizione delle strutture della ex squadra Rialzo e indagini archeologiche.

Dopo l’inizio nell’aprile scorso della realizzazione in ambito portuale degli impianti di cantiere, si è pervenuti ad uno stadio di effettiva operatività, nonostante non poche difficoltà e superando in tempi brevi quella empasse burocratico-procedurale che precede la realizzazione di opere pubbliche nel Paese.

Nel primo semestre del prossimo anno avranno inizio i lavori della Strada di collegamento dei Moli e le Opere marittime collegate al progetto. Si tratta di un risultato che evidenzia come l’unità di intenti e l’azione sinergica da più parti siano il presupposto essenzialee per il raggiungimento di obiettivi condivisi nell’interesse collettivo.

Leggi anche:

  1. Distripark e riconfigurazione molo polisettoriale del porto di Taranto: interrogazione di Mazza
  2. Porto di Taranto: niente Distripark, soldi al Molo polisettoriale
  3. Porto di Taranto: accordo per l’approdo turistico Molo Sant’Eligio
  4. Porto di Taranto: Prete commissario ad acta
  5. Porto di Taranto: domani firma per la Piastra logisitica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12978

Scritto da Redazione su dic 17 2012. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab