Home » Authority, Centro, News » Porto di Napoli: Masucci chiede nomina per l’Authority

Porto di Napoli: Masucci chiede nomina per l’Authority

”Sul porto di Napoli, bisogna cambiare velocita’. La nomina del nuovo presidente dell’autorita’ portuale deve arrivare dal nuovo ministro entro fine marzo”. Lo ha detto Umberto Masucci, presidente nazionale del Propeller Club, l’associazione che riunisce gli operatori dei porti, a margine di un incontro promosso a Napoli da Scelta Civica per Monti. Per Masucci, ”dobbiamo comprendere perche’ certe cose che in altri porti o in altri paesi sono molto normali come le nomine per l’autorita’ portuale da noi siano complicate.

Noi Propeller abbiamo gia’ stigmatizzato la decisione del ministro Passera di non nominare il presidente per il Porto di Napoli e ora chiediamo tempi rapidi”. Masucci, pur ringraziando il commissario Dassatti ”per la disponibilita’ a dare continuita’ all’ente pur non essendo stato candidato”, ha ricordato che in gioco c’e’ il grande progetto per il Porto di Napoli ”su cui il presidente della Regione Caldoro si e’ molto impegnato”, precisa. ”Attualmente – conclude – portare un armatore a Napoli e’ impossibile perche’ le banchine sono piene. Per questo il porto deve allargarsi sulle sue due grandi ali, con ad occidente il molo San Vincenzo e ad oriente la nuova darsena di Levante.

Sono cose che si possono e devono fare ma serve una autorita’ portuale compiuta”. La necessita’ dell’ammodernamento dello scalo partenopeo e’ stato sottolineato anche da Fabrizio Vettosi Managing director della holding del settore Venice shipping: ”A dircelo sono i numeri: l’80% delle grandi navi in costruzione oggi nel mondo ha una capacita’ di 8.000 teus, quindi servono porti adeguati ad accoglierle ma anche una logistica e gli spazi adeguati”.

Agostino Gallozzi, presidente del Gallozzi Group che opera nel porto di Salerno, ha ricordato come ”in questa campagna elettorale si sia parlato pochissimo di economia del mare”, sottolineando che e’ prima di tutto necessario alleggerire la burocrazia per far ripartire il sistema. ”Ricordo sempre – ha concluso – che dalla prima conferenza dei servizi per la realizzazione del porto turistico Marina di Arechi alla posa della prima pietra sono passati dieci anni di conferenze dei servizi”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=13969

Scritto da su Feb 20 2013. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab