Home » Authority, News, Nord » Porto La Spezia: Forcieri presenta il progetto Widermos al Ten-T Days

Porto La Spezia: Forcieri presenta il progetto Widermos al Ten-T Days

Il commissario dell’Autorità portuale di La Spezia, Lorenzo Forcieri, è intervenuto oggi in occasione dei TEN-T Days, organizzati dalla Commissione UE ad Helsinki, per illustrare il progetto WIDERMOS: unico progetto europeo finanziato nel programma Autostrade del Mare i cui un porto italiano è capofila.

“Questo evento è motivo di grande orgoglio, per la prima volta il porto della Spezia è coordinatore di un progetto in un programma strategico dove la Commissione Europea ha investito sui temi dell’intermodalità, efficienza della catena logistica door to door, servizi e procedure veloci e semplificate per rendere più efficiente il flusso della merce lungo i corridoi logistici dove i porti rivestono un ruolo determinante”, ha detto Lorenzo Forcieri.

“I temi del progetto WiderMos, descritti dall’Ing. Federica Montaresi, coordinatrice del progetto, assieme a Forcieri nella missione sul Baltico, sono i temi sui quali si è concentrata l’azione del porto della Spezia in questi ultimi anni. Un porto che ha investito in innovazione, efficienza, intermodalitità attestandosi come uno dei porti con le migliori performance nelle operazioni portuali e nel trasporto ferroviario dove raggiunge oltre il 32% di movimentazione dei container via treno”, continua Forcieri.
Significativa la visita del Commissario UE Siim Kallas allo stand di WiderMos dove ha incontrato Forcieri e Montaresi, prendendo visione ed apprezzando i contenuti del progetto.

Descrizione progetto WIDERMOS: Il progetto WiderMos si suddivide in tre attività principali che comprendono: la realizzazione di uno studio finalizzato alla descrizione del futuro delle Autostrade del Mare nel 2020 dove verranno analizzate le attività necessarie per costruire il miglior collegamento operativo tra la parte marittima e la parte terreste dei corridoi prioritari della rete TENT; uno studio sulla governance dei corridoi prioritari che analizzerà 4 temi specifici tra cui le procedure doganali e i collegamenti tra la rete prioritaria Core e la rete Comprehensive TEN-Te; la realizzazione di 5 piattaforme tecnologiche nei 5 porti coinvolti nel progetto : La Spezia, Barcellona, Porto, Rostock.

Un progetto con un budget totale di 5.940.000 cofinanziato dalla UE per 2.970.000 con 4 stati membri coinvolti: Italia, Germania, Spagna e Portogallo e importanti attori e stakeholder europei del settore dei trasporti, della logistica e dello shipping tra cui ricordiamo, l’Agenzia delle Dogane, Agencia Tributaria (Spagna), Regione Liguria, Unige, MSC, IKEA, RFI, LSCT, INTERPORTO DI PADOVA.

Leggi anche:

  1. Porto di La Spezia: inaugurato Molo Garibaldi
  2. Porto di La Spezia: l’Authority ospita studenti progetto Ue Trainmos
  3. Minervini domani presenta progetto per idrovolanti tra i porti dell’Adriatico
  4. Porto di Taranto: finanziato il Progetto Tiger
  5. Porto di Fano: Marina Group presenta progetto per la cantieristica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=18005

Scritto da Redazione su ott 16 2013. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab