peyrani
Home » Authority, News, Nord » Porto di Ravenna: l’Authority entra in UIRNet

Porto di Ravenna: l’Authority entra in UIRNet

L’Autorità Portuale di Ravenna è entrata in UIRNet S.p.A., soggetto attuatore unico per la realizzazione e gestione della Piattaforma della rete Logistica Nazionale (PLN). UIRNet è la Società che ha il compito di realizzare una Piattaforma di gestione della rete Logistica Nazionale, al fine di offrire servizi per migliorare l’efficienza dei processi logistici e aumentare la sicurezza e la sostenibilità del sistema dei trasporti, consentendo l’interconnessione tra traportatori, aziende di logista, Istituzioni, interporti e centri logistici di interscambio modale, ed in questo senso UIRNet coordinerà ed integrerà tale Piattaforma con le piattaforme realizzate dalle singole Autorità Portuali (Port Community System).

La partecipazione dell’Autorità Portuale di Ravenna alla società UIRNet S.p.A. consente di seguire da vicino una serie di iniziative che si prospettano come di grande rilievo e, quindi, facilita una rapida attivazione della connessione del Port Community System di Ravenna alla Piattaforma Logistica Nazionale e l’avvio di progetti del tipo “fast corridor” dei quali  è chiara la portata in termini di vantaggio competitivo. In sostanza, grazie a queste nuove modalità di trasmissione dei dati sarà possibile arricchire con i dati generati in porto la qualità dei servizi forniti agli operatori esterni al porto (autotrasporto, ricevitori/caricatori, nodi logistici, interporti, ecc.), aumentando, tra l’altro, la sicurezza del trasporto anche ai fini doganali.

L’ingresso dell’Autorità Portuale di Ravenna in UIRNet rappresenta inoltre, una indubbia condizione favorevole alla elaborazione di idee e strategie comuni per lo sviluppo dei collegamenti del porto di Ravenna con i nodi logistici della pianura padana e lungo corridoi controllati. Questo diviene elemento fondamentale sia nel contesto della prossima sperimentazione delle nuove procedure di “sdoganamento in mare”, sia, più in generale,  in quello dello sviluppo delle Autostrade del Mare che, ricordiamolo, a Ravenna nell’ultimo anno sono cresciute del 107%.

“Ovviamente – afferma Galliano Di Marco – Presidente dell’Autorità Portuale di Ravenna – il porto deve essere in grado di fornire tutte le informazioni necessarie alla Piattaforma Logistica Nazionale ed è quello su cui ci si sta impegnando da tempo con le varie categorie di operatori. Ricordiamo che a Ravenna è in funzione, primo in Italia, lo Sportello Unico Doganale e il pre-clearing, e si sta lavorando per la realizzazione dello sdoganamento in mare.

Non avrebbe senso, infatti, realizzare le grandi opere di sviluppo infrastrutturale dello scalo, penso all’approfondimento dei fondali in primis, se non si procedesse parallelamente al miglioramento ed all’ottimizzazione della qualità dei servizi legati alle operazioni portuali, poiché anche da questi dipende la competitività dello scalo. Garantire questo livello di servizi, diviene, peraltro, condizione indispensabile per essere considerati scalo valida porta di accesso alle merci provenienti dall’Asia e questo, con l’imminente traffico che comporterà l’EXPO 2015, candida Ravenna a svolgere in maniera eccellente tale ruolo. L’ingresso dell’Autorità Portuale di Ravenna, prima fra tutte le Autorità Portuali italiane, nella compagine societaria di UIRNet, seppure con una molto esigua quota, va in questo senso e sicuramente consentirà di tenere monitorati con più efficacia i suoi sviluppi e di giocare un ruolo all’interno dei processi decisionali”.

“La possibilità, tramite UIRNet, di usare la Piattaforma Logistica Nazionale – commenta Giovanni Ambrosio, Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Ravenna -  apre scenari completamente nuovi per la portualità. Proietta il porto di Ravenna in un ambito di logistica “globale”. E’ uno scenario del tutto nuovo, e non solo per il sistema portuale ravennate”

Leggi anche:

  1. Porto di Ravenna: movimentate 1,9 milioni di tonnellate di merci a novembre
  2. Porto di Ravenna: in arrivo 60 milioni di euro di fondi Cipe
  3. Porto di Ravenna: 600 milioni di euro da Invitalia
  4. Porto di Ravenna: inaugurato il Centro direzionale
  5. Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=20161

Scritto da Redazione su mar 2 2014. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab