Home » Authority, News, Nord » La prima nave di cippato oggi al Terminal Rinfuse di Genova

La prima nave di cippato oggi al Terminal Rinfuse di Genova

E’ approdata presso la banchina San Giorgio di Terminal Rinfuse Genova – società avente in concessione l’area delle rinfuse all’interno del porto di Genova – la prima nave con un carico di cippato (scaglie di legno), un prodotto ad oggi mai sbarcato nello scalo del capoluogo ligure che trova ampio utilizzo come combustibile nelle centrali termiche a biomasse di nuova generazione.

L’approdo della nave assume particolare rilevanza dal momento che, con esso, il terminal genovese si candida ad essere un punto di riferimento per le industrie che utilizzano questa fonte energetica rinnovabile.

Più in particolare, saranno circa 20 mila le tonnellate di prodotto che verranno sbarcate dalla nave e stoccate in banchina per essere successivamente posizionate su camion/carri ferroviari per il successivo trasferimento alle rispettive destinazioni finali.

Le previsioni di crescita di utilizzo del cippato in ambito industriale portano Terminal Rinfuse Genova a stimare una movimentazione annua di circa 80 – 100 mila tonnellate di prodotto una volta terminati i lavori dell’Autorità Portuale di Genova volti al consolidamento della banchina San Giorgio.

La movimentazione di tale tipologia merceologica si inserisce nel percorso di diversificazione dei traffici intrapreso dal terminal per il suo rilancio a livello nazionale ed internazionale.

Nell’ambito di tale percorso rientrano l’entrata in funzione avvenuta quest’anno di un nuovo impianto per l’insaccaggio e la pallettizzazione del pellet e di una nuova tramoggia depolverata per la movimentazione delle merci polverulenti, interventi effettuati da Terminal Rinfuse Genova per un investimento complessivo di circa 2 milioni di euro.

Terminal Rinfuse Genova si sviluppa su un’area di circa 161.000 mq, è dotato di 3 banchine per un totale di circa 1.200 m su fondali fino a 11,58 m ed è servito da 4 gru da 12 e 50 tonnellate e 2.500 m di nastri trasportatori con macchine di messa a parco, ripresa e impianti per la caricazione di treni blocco.

Il terminal dispone di due magazzini coperti rispettivamente di 8.000 mq e 7.000 mq.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: nel 2013, 49,5 milioni di tonnellate di merci
  2. Porto di Genova: a novembre traffico diminuito del 6,5%
  3. Porto di Venezia: record per Marghera con nave portarinfuse
  4. Porto di Taranto: accordo per il Terminal rinfuse
  5. Porto di Genova: nel 2012 lieve flessione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=23280

Scritto da Redazione su ago 7 2014. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab