Home » Authority, Isole, News » LA TIRRENIA PRONTA A LASCIARE TRAPANI: IL NUOVO CONSORZIO DEL PORTO LANCIA L’ALLARME

LA TIRRENIA PRONTA A LASCIARE TRAPANI: IL NUOVO CONSORZIO DEL PORTO LANCIA L’ALLARME

La Tirrenia è pronta a sopprimere la tratta Trapani-Cagliari per potenziare la linea Palermo-Cagliari. L’allarme arriva dal Nuovo Consorzio del Porto di Trapani che ha inviato un accorato appello al presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e all’assessore per le Infrastrutture, Domenico Torrisi affinchè il porto trapanese non venga defraudato anche di questo collegamento.

“Ceduta alla società privata CIN, – scrive il Nuovo Consorzio di Trapani, a firma del suo presidente Andrea De Martino – la Tirrenia oggi percepisce dallo Stato Italiano circa 72 milioni di euro l’anno, fino al 2020. Tra le tratte sovvenzionate vi è anche la Trapani – Cagliari. O forse sarebbe meglio dire vi era, visto che la linea che oggi è temporaneamente sospesa non sarà più ripristinata.

La tratta è stata attiva per oltre 20 anni ma solo negli ultimi due, a causa di una ‘strana’ modifica degli orari e delle giornate di partenza (da martedì a domenica, quando i TIR non possono circolare), ha registrato una diminuzione del trasporto dei veicoli industriali”.

La compagnia di navigazione  ha chiesto la rimodulazione della convenzione pubblica con lo Stato per i servizi di trasporto marittimo che garantiscono la continuità territoriale con le isole. A fronte dei 72 milioni erogati annualmente dallo Stato per le linee in convenzione, la Tirrenia lamenta costi pari a 96 milioni. Una perdita sostanziale che ha spinto l’azienda a chiedere maggiori finanziamenti e l’ottimizzazione e razionalizzazione di alcune linee. Da qui la sospensione della tratta Trapani – Cagliari in attesa del via libera dal Ministero dell’Economia per la sua definitiva soppressione.

“Cancellare una tratta come quella per Cagliari – sottolinea ancora il Nuovo Consorzio del Porto di Trapani nella lettera alla Regione – significa mettere in ginocchio un intero comparto: le ricadute occupazionali per la già fragile economia dello scalo portuale trapanese sarebbero disastrose”.

Leggi anche:

  1. Chiusura del Posto di Ispezione Frontaliera del porto di Trapani: appello del Consorzio
  2. Ionian Spirit: una parte dell’equipaggio pronta a lasciare la nave, l’altra si ribella
  3. Tirrenia aumenta capienza delle navi nel Nord Sardegna
  4. Tirrenia: accordo firmato e lavoratori salvi
  5. Provincia di Cagliari: ancora problemi con Tirrenia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=24412

Scritto da Redazione su ott 3 2014. Archiviato come Authority, Isole, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab