Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: il Tar respinge istanza cautelare chiesta da Cantieri Costruzioni Cemento

Porto di Taranto: il Tar respinge istanza cautelare chiesta da Cantieri Costruzioni Cemento

Si comunica che oggi, 9 ottobre 2014, il TAR Puglia Lecce, Sez. I, ha depositato l’Ordinanza cautelare nel giudizio promosso da C.C.C. Cantieri Costruzioni Cemento S.p.A., Matarrese S.r.l. ed Ing. Gianluca Loliva, avverso i provvedimenti dell’Autorità Portuale di Taranto recanti l’annullamento d’ufficio dell’aggiudicazione precedentemente disposta nei confronti del costituendo RTI C.C.C. Cantieri Costruzioni Cemento S.p.A./Salvatore Matarrese S.p.A./Icotekne S.p.A. e l’aggiudicazione definitiva nei confronti del costituendo RTI Consorzio Stabile Grandi Lavori S.r.l./Impresa Ottomano Ing. Carmine S.r.l./Favellato Claudio S.p.A. della procedura ristretta accelerata per l’affidamento dell’appalto integrato per l’esecuzione dell’intervento denominato “Progettazione esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e realizzazione dei Lavori di Riqualificazione del Molo Polisettoriale – Ammodernamento della  banchina di ormeggio” .

Con detta Ordinanza, il TAR – ritenendo legittimo l’operato dell’Amministrazione – ha respinto l’istanza cautelare ed ha fissato per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 6 novembre p.v. Al riguardo, il Presidente dell’AP dichiara la propria viva soddisfazione per il tanto atteso esito del giudizio che finalmente consente la ripresa dei lavori. Infatti, con specifica disposizione dell’AP sono state immediatamente riprese le attività di cantiere sul Molo Polisettoriale.

Il Presidente ha voluto altresì condividere la notizia con i lavoratori di TCT che hanno oggi interrotto la manifestazione pacifica tenuta per settimane vicino alla sede dell’Autorità Portuale, anche allo scopo di tenere alta l’attenzione sulle alternanti vicende del terminal contenitori del porto di Taranto.

L’esito dell’ordinanza del TAR è di particolare rilevanza, oltre che per i contenuti, anche ai fini dell’incontro che sarà convocato nei prossimi giorni e si terrà presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri con i firmatari dell’”Accordo Generale per lo sviluppo dei traffici containerizzati nel porto di Taranto ed il superamento dello stato di emergenza socio economico ambientale” del 2012 – compresi gli azionisti della TCT SpA, Hutchison Port Holding, Evergreen Marine Corporation e GSI Logistics – unitamente alle Organizzazioni Sindacali territoriali.

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: il Tar respinge l’istanza della Prosperity sui diritti portuali
  2. Porto di Taranto: il Consiglio di Stato respinge il ricorso sulla progettazione del Molo Polisettoriale
  3. Porto di Taranto: da domani sarà attivo “Future Port”
  4. Porto di Taranto: affidato l’appalto per la progettazione del Molo Polisettoriale
  5. Porto di Taranto: Piano industriale del Tct

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=24535

Scritto da Redazione su ott 9 2014. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab