Home » Authority, Centro, News » Porto di Ancona: Costa Crociere comunica la riduzione degli scali

Porto di Ancona: Costa Crociere comunica la riduzione degli scali

ANCONA – E’ arrivata la notizia dello spostamento della nave Costa neoClassica su altro itinerario da quello che avrebbe dovuto fare scalo ad Ancona (così in tutti i cataloghi da mesi in circolazione, oltre che negli accordi ufficiali per la prenotazione delle banchine).

Questo comporta la riduzione della stagione crocieristica con il forte rammarico da parte del sistema di istituzioni, a partire ovviamente dall’Autorità Portuale, che hanno lavorato per organizzare l’accoglienza delle navi e dei passeggeri.

Rimane il disappunto per la repentinità (e la retromarcia) di queste decisioni che hanno una ricaduta non banale sull’organizzazione dei porti e delle città che si impegnano nell’organizzazione della stagione crocieristica, come nel caso del Welcome to Ancona. L’inserimento di Ancona negli itinerari 2015 di Costa era stato ribadito, in fase di programmazione, in ragione dell’appeal del territorio e delle sue attrattive turistiche (come dimostrato dal gradimento espresso verso tour ed escursioni su Ancona e Marche in genere), dell’esperienza maturata in questi anni e della conoscenza delle istituzioni coinvolte e della loro professionalità. Un ruolo rilevante inoltre avevano avuto le risposte celeri e puntuali dello scalo alle esigenze tecniche ed economiche che la compagnia aveva prospettato e che l’Autorità Portuale ha soddisfatto con soluzioni sempre basate su efficienza e competitività.

Con l’Autorità Portuale si erano mossi subito anche Comune di Ancona, Regione Marche e Camera di Commercio, consapevoli di come anche il settore crocieristico possa contribuire ad accrescere la promozione dell’intero territorio regionale. “Questa notizia non fermerà l’attuazione del progetto di recupero della parte monumentale del porto – dichiara il Presidente Giampieri – iniziativa rivolta alla città e condivisa con le Istituzioni, per una più proficua fruibilità delle aree a vantaggio di cittadini e turisti, come pure per il miglioramento delle infrastrutture per consentire l’ approdo di navi di nuova generazione.

Prosegue il nostro impegno con MSC e le altre compagnie che hanno confermato e mantengono la presenza ad Ancona, convinte dall’offerta turistica locale e dall’impegno delle Istituzioni. Per il 2015 sono previsti 21 approdi, di cui 18 di MSC con il primo previsto in data 24 Aprile 2015, che conferma così concretamente il valore del territorio marchigiano come riferimento per un compagnia solida e una clientela di assoluto livello mondiale.

Certamente avremmo preferito non avere altri ostacoli in un percorso già complicato ma, come al solito, andremo avanti assieme alle Istituzioni nell’attuazione del progetto condiviso nell’interesse generale.”

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: lunedì 16 parte lo sdoganamento in mare
  2. Porto di Ancona: diminuzione del 36% del traffico con la Grecia
  3. Porto di Ancona: il ministero appoggia l’Authority su riduzione canoni
  4. Porto di Ancona: anche il Comune nell’Osservatorio del porto
  5. Porto di Ancona: fuori da Assoporti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27046

Scritto da Redazione su feb 13 2015. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab