Home » Authority, News, Nord » Porto di Ravenna: il comitato ha approvato il Pot 2015-17

Porto di Ravenna: il comitato ha approvato il Pot 2015-17

RAVENNA – Il Comitato Portuale ha approvato il 12 marzo (con 14 voti favorevoli ed un voto contrario, su 15 membri del Comitato presenti alla riunione) il Piano Operativo Triennale (POT) 2015-2017 dell’Autorità Portuale di Ravenna.

Tale strumento di indirizzo strategico, previsto dalla legge 84/94, assume in questa occasione un particolare rilievo poiché contiene e riassume tutti gli elementi fondamentali del Progetto “Hub portuale di Ravenna” come è stato presentato alla Struttura Tecnica di Missione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ai fini dell’avvio della istruttoria per l’approvazione del Progetto Definitivo da parte del CIPE, una volta acquisiti tutti i pareri degli Enti competenti.

Le previsioni finanziarie legate al Progetto erano già state deliberate dal Comitato Portuale il 25 novembre scorso in sede di approvazione del Bilancio Previsionale 2015 (definitivamente approvato dai Ministeri competenti il 10 febbraio).

La delibera, con cui il Comitato Portuale approva il POT, contiene tra l’altro l’affermazione – che dovrà essere auspicabilmente contenuta nella Delibera di approvazione del CIPE – per cui, “tenuto conto delle integrazioni apportate nello sviluppo del progetto definitivo funzionali per garantire l’attuazione dei lavori di escavo dei fondali con conseguente necessitato aumento dei relativi oneri, si rileva l’opportunità che l’Autorità Portuale di Ravenna, in qualità di soggetto attuatore verifichi l’eventuale disponibilità dei soggetti privati proprietari delle aree oggetto di espropriazione ad addivenire con la stessa Autorità Portuale ad accordi pubblicistici che, salvaguardando l’interesse alla realizzazione di una piattaforma logistica parte integrante dell’HUB portuale di Ravenna, consentano da un lato di rendere immediatamente disponibili le aree (aventi destinazione produttiva) su cui collocare i materiali attualmente presenti nelle casse di colmata, dall’altro di assicurare un effettivo contenimento dei costi.

Detti accordi, la cui cornice dovrà essere ben definita in sede CIPE, dovranno a tale fine prevedere idonee garanzie per assicurare la realizzazione delle infrastrutture pubbliche a servizio della piattaforma logistica e più in generale del progetto di logistica portuale con integrazione della componente pubblica e privata.”

I prossimi passi consistono ora nella convocazione della Conferenza dei Servizi da parte della Struttura Tecnica di Missione del MIT – al fine di validare la rispondenza del Progetto Definitivo con il Progetto Preliminare – a valle della quale  il Progetto Definitivo sarà sottoposto al CIPE per l’emanazione del Decreto Interministeriale a firma del Primo Ministro Matteo Renzi.

Il Presidente ha colto l’occasione del Comitato Portuale di oggi anche per informare del fatto che, in relazione al problema dell’ingresso di alcuni tipi di navi in avamporto e alla relativa Ordinanza emessa ieri dalla Capitaneria di Porto, l’Autorità Portuale ha già convocato la Conferenza dei Servizi ai sensi della Legge 84/94, per il giorno 20 marzo prossimo.

“Desidero ringraziare – ha commentato il Presidente dell’Autorità Portuale di Ravenna, Galliano Di Marco, al termine della riunione –  tutti i componenti del Comitato Portuale ed il mio splendido team di collaboratori senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile”.

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: il comitato approva il bilancio 2015
  2. Porto di Napoli: il Comitato portuale ha approvato bilancio di previsione 2015
  3. Porto di Ravenna: approvato il Bilancio Previsionale 2015 e traffico in aumento
  4. Porto di La Spezia: il comitato portuale approva all’unanimità il bilancio di previsione 2015
  5. Porto di Genova: il Comitato portuale ha approvato un Piano del Ferro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27736

Scritto da Redazione su mar 16 2015. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab