Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: società filippina Ictsi rinuncia a investimento

Porto di Taranto: società filippina Ictsi rinuncia a investimento

TARANTO – La società  terminalistica filippina Ictsi, che aveva inizialmente mostrato interesse a puntare sul porto di Taranto dopo il disimpegno e la messa in liquidazione di Taranto container terminal (cordata formata da Hutchison, Evergreen e Gruppo Maneschi), rinuncia all’opportunità di investire nello scalo ionico.

Lo ha dichiarato il vicepresidente del Gruppo filippino Ictsi, Hans-Ole Madsen, in una intervista rilasciata a MF (Milano Finanza) Shipping&Logistica.”Il porto di Taranto – ha spiegato – non ha comunicato pubblicamente le proprie intenzioni, dunque è difficile poter valutare questa opportunità. Taranto – ha aggiunto – è un progetto molto difficile e il business sarebbe basato sul transhipment dal momento che il bacino di mercato circostante è molto limitato. Strategicamente, per¢, Ictsi ha da tempo deciso di non investire in terminal portuali dedicati esclusivamente al trasbordo di container”.

Nel 2015, a causa dei ritardi nei lavori di infrastrutturazione e per scelta della società terminalista, Taranto non ha imbarcato nè sbarcato container. Ora il porto ionico, anche grazie al sostegno del governo, é alla ricerca di un nuovo investitore.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=31887

Scritto da su Ago 29 2015. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab