Home » Authority, News, Nord » Porto di Trieste: record nel settore crocieristico

Porto di Trieste: record nel settore crocieristico

TRIESTE – Il porto di Trieste ha ospitato nel 2015 46 toccate complessive riferibili a cinque diverse compagnie di navigazione, per un totale di 134.265 passeggeri movimentati. Lo rende noto Trieste Terminal Passeggeri (Ttp).
La cifra, record per il terminal giuliano – sottolinea in una nota Franco Napp, amministratore delegato di Ttp – è in gran parte legata agli scali della Costa Mediterranea che ha assicurato al terminal 34 toccate in turn around, ma è anche frutto della collaborazione con la Thomson Cruises, che ha ripreso a scalare Trieste con regolarità, e della presenza di Cunard, The World e Sea Cloud.

Napp stima che le ricadute per l’economia triestina si aggirino su complessivi 20 milioni di euro, dei quali nove riconducibili a quanto speso dai croceristi sul territorio, cinque riconducibili a quanto speso dagli equipaggi e sei riferiti ai costi spesi a Trieste dagli armatori per i servizi. Per la stagione 2016, Napp anticipa che a Trieste scaleranno 12 diverse compagnie di navigazione per un totale di 55 toccate.

Leggi anche:

  1. Authority di Trieste: il presidente D’Agostino alla guida di Trieste Terminal Passeggeri
  2. Porto di Trieste: nuovo record passeggeri per TTP
  3. Previsioni di crescita per il settore crocieristico
  4. Porto di Bari: incremento del settore crocieristico
  5. Porto di Trieste: exploit per il settore delle crociere

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=34214

Scritto da Redazione su nov 24 2015. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°4

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere con un focus sull'Italian Cruise Watch e l'Ocean Cay di MSC Crociere. Due interviste esclusive ai presidenti di Autorità di Sistema: Pietro Spirito e Sergio Prete. Una riflessione sulla "Rotta Artica" ed un approfondimento sulla fascia costiera brindisina: estetica, criticità ed opportunità. Poi approfondimenti sulle Zes ed un progetto: "COSIRIFAREIBARI" che mira a cambiare il modo di spostarsi in città.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab