Home » Authority, Centro, News » Riforma dei porti: mercoledì in Consiglio dei ministri il decreto attuativo

Riforma dei porti: mercoledì in Consiglio dei ministri il decreto attuativo

ROMA – Meno Autorità portuali, una governance strategica più snella e semplificazione. Sono le principali novità della riforma della governance dei porti contenuta nel decreto attuativo della P.a. attesa al consiglio dei ministri previsto mercoledì.

La riforma, che è parte della più ampia riforma del sistema portuale avviata con il Piano strategico nazionale della portualità e logistica messo a punto dal ministro dei trasporti e infrastrutture Graziano Delrio, prevede in particolare – secondo quanto si apprende – la riduzione delle 24 attuali Autorità portuali a 15 Autorità di sistema portuale, che daranno le linee guida e coordineranno i circa 50 porti nazionali.

In ogni Autorità, inoltre, l’attuale Comitato portuale composto da una trentina di membri, si ridurrà ad una sorta di cda snello con 4-5 membri, coadiuvato da un Tavolo di partenariato della risorsa mare, con funzioni consultive, che raggrupperà tutti gli stakeholder. A questo si aggiunge la semplificazione amministrativa, con la creazione dello sportello unico amministrativo e di quello doganale.

Leggi anche:

  1. Ecco il decreto firmato da Delrio sulla riforma dei porti
  2. Riforma dei porti: le Authority passano da 24 a 8
  3. Merlo: “Entro settembre proporrò riforma dei porti al Governo”
  4. Riforma dei porti: ecco la bozza che arriverà in Consiglio dei ministri
  5. Serracchiani: “Riforma dei porti necessaria; con 14 scali strategici”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35370

Scritto da Redazione su gen 18 2016. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab