Home » Authority, News, Nord » Porto di La Spezia: primo passo per l’elettrificazione delle banchine

Porto di La Spezia: primo passo per l’elettrificazione delle banchine

LA SPEZIA – Primo passo verso il progetto di “cold ironing”, l’elettrificazione delle banchine del porto della Spezia in grado di alimentare le grandi navi ormeggiate e riducendo l’impatto ambientale sulla città, sia per quel che riguarda i fumi dei “comignoli”, sia per l’impatto acustico dei generatori delle navi.

Il Consiglio comunale ha approvato una variante urbanistica – riguardante la zona dove sorgeva l’area Ip – che, tra le altre cose, prevede il via libera alla realizzazione di una cabina di trasformazione elettrica ad alta e media tensione. Un’opera infrastrutturale che sarà realizzata nella porzione di superficie già impermeabilizzata della zona, in quanto proprio lì si trovava la base per i contenitori dell’ex raffineria Ip. La realizzazione sarà curata da Enel.

L’elettrificazione delle banchine del porto spezzino è possibile attraverso un intervento di potenziamento degli impianti di distribuzione presenti. Necessaria la costruzione di una nuova cabina primaria di trasformazione e delle relative interconnessioni con la rete. L’Autorità Portuale ha realizzato le infrastrutture necessarie e predisposto i finanziamenti per la parte elettrica, in particolare di molo Garibaldi.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35428

Scritto da su Gen 20 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab